Chrome 42 ora blocca Java, Silverlight e altri plugin NPAPI di default

La nuova versione di Chrome 42 blocca Java, Silverlight, Unity e altri plugin NPAPI per impostazione predefinita

Popolari browser internet come Mozilla Firefox, Internet Explorer, Google Chrome, Safari, Opera e altri ancora, per poter eseguire alcuni dei più noti plugin (come Java e Silverlight) utilizzano NPAPI ovvero una API vecchia fin dai tempi di Netscape (il browser internet più popolare negli anni '90).

Ma per motivi di sicurezza, stabilità e performance, come del resto già annunciato da Google a Settembre del 2013, la nuova versione di Chrome, la numero 42, in favore delle nuova API più sicura e performante dal nome PAPI, in automatico blocca tutti i plugin NPAPI di default e ciò significa che per impostazione predefinita su Chrome non verranno più eseguiti contenuti web che per funzionare richiedono i plugin Java e Silverlight ma anche Unity, Google Talk, Facebook Video e Google Earth.

Se infatti con Chrome 42 si va ad aprire un contenuto web che richiede tali plugin (come questo test di Microsoft Silverlight, vedi esempio sotto in figura):
Chrome 42 richiesta installazione plugin Silverlight
esso non verrà eseguito bensì verrà proposta la sua installazione anche se è già installato, proprio perché Chrome lo ignora completamente.

Di conseguenza ora sul browser di Google funzioneranno solo i plugin PAPI; infatti se si va sulla pagina chrome://plugins si avrà modo di constatare personalmente che verranno mostrati soltanto i plugin PAPI, gli unici supportati e abilitati.

Ad ogni modo se per qualche ragione si ha necessità di eseguire i plugin NPAPI su Chrome 42 o versioni successive, fino a Settembre 2015 c'è ancora modo di abilitare forzatamente i plugin NPAPI. Per fare ciò, nella barra indirizzi di Chrome digitare e inviare chrome://flags e nella pagina delle funzioni sperimentali cercare l'esperimento "Attiva NPAPI" e come nell'esempio sotto in figura:
Abilitare plugin NPAPI Chrome 42
una volta individuato fare clic sul corrispondente link "Abilita" e infine in basso a sinistra della pagina confermare e applicare il tutto cliccando il pulsante "Riavvia ora". Dal prossimo avvio di Chrome sarà nuovamente possibile vedere ed eseguire contenuti web che richiedono i plugin NPAPI, ma come detto prima questa soluzione sarà valida solo fino a Settembre 2015 dopodiché almeno per tali contenuti sarà necessario servirsi di un altro browser internet che li supporta.

LEGGI ANCHE: Google Chrome è lento? Come velocizzarlo nuovamente

4 commenti

settembre 2015, non 2014 ;)

Rispondi

E l'ho ripetuto per due volte anche :( Grazie della segnalazione ;)

Rispondi

Figurati....si capiva ovviamente che era una "distrazione"

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati