Disattivare l'audio di siti web specifici su Firefox

I più popolari browser internet sono oggi dotati dell'apposita funzione che permette di disattivare l'audio delle pagine web aperte facendo un clic di mouse sull'icona dell'altoparlante nella barra del titolo della scheda in questione, vedi come fare su Firefox, Chrome e Opera.

Però, vuoi per le pubblicità invasive, per i video e/o altri contenuti multimediali ancora, sta di fatto che non appena si apre un sito web o più siti web in schede diverse può risultare davvero fastidioso che riproducano l'audio automaticamente senza il permesso dell'utente obbligando per forza di cose quest'ultimo a cliccare il pulsantino "muto" della scheda rumorosa.

MuteLinks è allora un addon per Firefox che in queste circostanze torna utile. Più nello specifico con questo componente aggiuntivo è possibile silenziare qualsiasi sito web semplicemente specificandone l'indirizzo. Ad esempio se si vuole che YouTube resti in silenzio senza che si senta l'audio del video in riproduzione, non si dovrà fare altro che aggiungere l'indirizzo youtube.com (oppure https://www.youtube.com/) su MuteLinks e il gioco è fatto. L'utente potrà poi attivare l'audio manualmente in ogni momento cliccando il pulsantino dell'altoparlante nella barra del titolo della scheda internet.

Ovviamente lo stesso sistema è valido per silenziare qualsiasi altro sito internet, dominio e/o pagine internet specifiche, basta soltanto indicare la URL al componente aggiuntivo. Vediamo come.
Blacklist sites MuteLink addon Firefox
Come nell'esempio sopra in figura dopo aver installato MuteLinks, nella barra dei menu di Firefox portarsi in Strumenti > Componenti aggiuntivi e qui individuare e cliccare il pulsante "Opzioni" dell'addon MuteLinks.

Adesso nella sezione "Blacklist sites" non resta altro che digitare o incollare tutti gli indirizzi dei siti web o delle pagine web che si vogliono silenziare.

Tenere in considerazione che è possibile usare anche il carattere jolly * (asterisco) per bloccare più selettivamente i domini; ad esempio mettendolo davanti al dominio .com ovvero *.com verrà disattivato l'audio di tutti i siti web con dominio .com; oppure mettendo l'asterisco al posto del dominio, ad esempio facebook.* verrà disattivato l'audio di qualsiasi dominio del sito web Facebook.

Tutti gli indirizzi dei siti internet che si aggiungeranno nella blacklist di MuteLinks vanno separati fra loro da una virgola e spazio, ad esempio: youtube.com, vimeo.com, facebook.* ecc.

LEGGI ANCHE: Video YouTube in pausa automatica quando si cambia scheda sul browser

Nascondere l'email utente nella schermata di accesso a Windows 10 Anniversary Update

Per preservare la privacy delle proprie informazioni personali al PC abbiamo già visto come nascondere l'indirizzo email, il nome e la foto utente nella schermata di accesso di Windows 10 November Update, in maniera tale che nessuno possa vederle neanche da questa posizione.

Modifica che nella versione Windows 10 Pro richiede l'intervento agendo sull'Editor Criteri di gruppo locali mentre sulla versione Windows 10 Home è necessario intervenire nel registro di sistema.

Con l'aggiornamento a Windows 10 Anniversary Update le cose sono state semplificate. Questa nuova versione del sistema operativo infatti adesso prevede un'apposita impostazione che sé disattivata non visualizza l'indirizzo email dell'account utente nella schermata di login.
Windows 10 opzione per nascondere email utente nella schermata di accesso
Più nello specifico come nell'esempio sopra in figura, per regolare questa opzione ci si deve portare in Impostazioni > Account > Opzioni di accesso e qui nella sezione "Privacy" settare su "Disattivato" l'impostazione "Mostra i dettagli dell'account (ad esempio, l'indirizzo email) nella schermata di accesso". Questo è il risultato prima e dopo ovvero con l'impostazione in questione attivata e disattivata:
Windows 10 con e senza email utente nella schermata di accesso
Ad ogni modo se si desidera nascondere non soltanto l'indirizzo email ma anche il nome e la foto dell'utente ci si dovrà servire della modifica citata a inizio articolo che richiede l'intervento dall'Editor Criteri di gruppo localioppure dal registro di sistema a seconda della versione Pro oppure Home di Windows 10.

LEGGI ANCHE: Come creare hotspot WiFi su Windows 10 Anniversary Update senza programmi

Impedire a WhatsApp di inviare dati a Facebook

Il team di WhatsApp (si ricorda che l'app è di proprietà Facebook) sul blog ufficiale ha recentemente annunciato la modifica dei termini e dell'informativa sulla privacy dell'applicazione; cambiamento che già sta suscitando parecchio clamore fra i suoi utilizzatori.

Il motivo è che con la nuova informativa sulla privacy a partire dal prossimo aggiornamento WhatsApp condividerà di default il numero di telefono dell'utente e altri dati con Facebook per (riporto testuali parole pubblicate dal team sul blog):
... monitorare i parametri di base su ogni quanto le persone utilizzano i nostri servizi e combattere meglio lo spam su WhatsApp. E collegando il tuo numero di telefono con i sistemi di Facebook, Facebook potrà offrirti migliori suggerimenti di amici e mostrarti inserzioni più pertinenti se disponi di un account Facebook.
Il team precisa poi che né le conversazioni né i file scambiati nelle chat, né le info dell'account verranno condivise su Facebook:
Nulla di ciò che condividi su WhatsApp, compresi i messaggi, le foto, e le informazioni dell'account, sarà condiviso su Facebook o su altre applicazioni del nostro gruppo di applicazioni per essere visto da altri.
Ciò significa, per esempio, che sebbene alcune informazioni saranno condivise con Facebook (ad esempio il numero di telefono), tali informazioni non saranno visibili da altre persone su Facebook.
Se si è contrari a questa novità ad ogni modo è possibile disattivare la condivisione con Facebook del numero di cellulare e delle altre info dell'account WhatsApp. Come riportato sul sito ufficiale, quando dopo aver avviato WhatsApp nella prima schermata verrà visualizzata l'informativa sulla privacy, come nell'esempio sotto in figura:
WhatsApp disattivare invio dati a Facebook
prima di toccare il pulsante "ACCETTO" toccare invece il link "Leggi" per visualizzare la pagina "Termini e Privacy" nella quale si deve deselezionare la casella dell'opzione "Condividi le informazioni del mio account WhatsApp con Facebook per migliorare..." e successivamente toccare il pulsante "ACCETTO" per confermare. In questo modo le informazioni del proprio account non verranno inviate a Facebook.

Se invece si è stati troppo precipitosi toccando subito il pulsante "ACCETTO" senza leggere l'informativa sulla privacy, ad ogni modo entro 30 giorni si ha ancora la possibilità di disattivare l'invio di numero di cellulare e altre info del proprio account a Facebook (come nell'esempio sotto in figura):
WhatsApp disattivare Condividi info account
portandosi su WhatsApp in Impostazioni > Account e qui rimuovendo la spunta dalla casella "Condividi info account".

Anche se WhatsApp non ci vende pubblicità direttamente sull'applicazione questa politica è una chiara dimostrazione che siamo puri e semplici clienti e che in qualche modo siamo noi con i nostri dati e la loro condivisione a pagare il prezzo gratuito dell'app.

LEGGI ANCHE: WhatsApp trucchi e funzioni da conoscere per usarlo al meglio

Ora si può giocare a Solitario e Tris nella ricerca Google

Dopo i versi degli animali su Google sono arrivati i due giochi Solitario e Tris che si possono giocare subito nei risultati di ricerca del noto motore web.

Un po' come il gioco del dinosauro (il quale però può essere giocato soltanto quando non è disponibile la connessione internet) Solitario e Tris sono due giochini in HTML5 da usare per ingannare il tempo restando su Google.

Sul motore di ricerca infatti basterà cercare la parola "solitario" (al momento funziona solo sulla versione inglese Google.com cercando la parola "solitaire" ma ma presto sarà disponibile anche nella versione italiana del motore) e nel primo risultato cliccare il pulsante "Click to Play" dunque scegliere il livello di difficoltà "Medio" o "Difficile" per iniziare la partita:
Gioco Solitario nella ricerca Google
Le regole e lo scopo del gioco sono quelle classiche e dunque anche qui sul punteggio finale inciderà il tempo impiegato per concludere la partita e le mosse attuate. All'occorrenza è possibile annullare le mosse, disattivare gli effetti sonori e iniziare una nuova partita.

Invece per giocare a Tris non si dovrà fare altro che cercare la parola "tris" su Google (il gioco, che in inglese si chiama Tic Tac Toe, è già disponibile anche nella versione italiana del motore) e in automatico verrà caricata il giochino nei risultati di ricerca:
Gioco Tris nella ricerca Google
L'utente è la X mentre Google è il cerchio. Anche qui le regole sono quelle classiche. All'occorrenza è anche possibile cambiare il livello di difficoltà da "Facile" a "Medio" a "Impossibile", oppure giocare con un amico vicino a noi davanti allo schermo.

E infine con Google è anche possibile giocare a testa o croce (per ora solo nella versione inglese del motore) cercando la parola "Flip a coin".

LEGGI ANCHE: Siti per scaricare gratis videogiochi belli per PC legalmente

App Android per sapere se chi ci sta chiamando è pubblicità, truffa o altro numero indesiderato

Oggi più che mai è facile essere importunati al cellulare da chiamate pubblicitarie di telemarketing a opera dei più disparati call center che telefonano anche più volte al giorno in orari e momenti indiscreti.

Senza poi contare che rispondendo a certi numeri si rischia anche di incappare nella truffa di vedersi scalare il credito soltanto per aver preso la chiamata (non rispondere mai a questi numeri 02692927527, 0222198700, 0280887028 e 028088758).

Altre chiamate indesiderate poi possono arrivare da ulteriori fonti come ad esempio da una delle tante applicazioni per fare scherzi telefonici, le telefonate a fini statistici e via dicendo.

Se ci si riconosce in questa situazione e ci si è stancati di avere a che fare con questa gente e magari si è arrivati anche al punto di avere paura di rispondere ai numeri non in rubrica, per gli utenti con smartphone Android potrebbe allora tornare davvero utile l'applicazione gratis Dovrei rispondere?.

Dovrei rispondere è sviluppata dal team del noto sito internet www.chistachiamando.it sul quale è possibile digitare il numero di telefono di proprio interesse per sapere se si tratta di pubblicità, truffa o altro di indesiderato.

L'applicazione Dovrei rispondere è basata sull'immenso database del sito web www.chistachiamando.it e in questo modo quando sul cellulare Android si riceverà una telefonata verrà mostrata una notifica su schermo che subito informa l'utente se quel numero di telefono è sicuro oppure se si tratta di pubblicità, truffa o quant'altro di negativo, e in base a queste informazioni si avrà modo di decidere nell'immediato se riagganciare oppure rispondere.
App Android Dovrei rispondere notifica valutazione numero telefono
Aprendo l'applicazione (oppure toccando il pulsante "Ulteriori informazioni" della notifica) sarà poi possibile approfondire meglio i dettagli circa la valutazione di quel numero di telefono vedendo le recensioni degli altri utenti che lo hanno segnalato e se si desidera è possibile lasciare anche la propria opinione e/o bloccare subito quel numero telefonico.

L'app è completamente personalizzabile dal punto di vista funzionale. Nella sezione "Avvisi" si può decidere di mostrare le notifiche su schermo per le chiamate in arrivo e in uscita se sono classificate come negative, neutrale, positive o sconosciute.
App Android Dovrei rispondere avvisi e blocco chiamate
Nella sezione "Bloccando" si ha invece l'opportunità, all'occorrenza, di bloccare le chiamate in arrivo, in uscita, SMS e MMS da parte di numeri locali valutati negativamente, non memorizzati nella propria lista contatti, numeri nascosti e stranieri di un'altra nazione.

LEGGI ANCHE: Come scoprire il numero di chi chiama in privato con Whooming

Altra caratteristica interessante dell'app Dovrei rispondere è che non richiede obbligatoriamente che la connessione internet sia attiva in quanto il suo database lavora anche offline. Infine, dato che l'app per funzionare deve avere accesso alla propria lista contatti, se si è preoccupati per la privacy è bene sapere che nessuno di questi numeri verrà inviato ai server dell'app.

Stando alle valutazioni ricevute su Google Play, l'app Dovrei rispondere? gode di ottima reputazione con un voto di 4,8  stelle su 5 e oltre 5 milioni di download. A questo indirizzo è disponibile il manuale utente dell'app per chi avesse necessità.

Compatibile con Android: 2.3 o versioni successive | Dimensione: 6.1 MB | Download Dovrei rispondere?

LEGGI ANCHE: Come bloccare un numero di telefono su Android per impedirgli di chiamare e inviare SMS

Zemana AntiMalware trova e elimina malware dal PC Windows

Zemana l'azienda meglio nota per il suo popolare programma anti keylogger di recente ha lanciato un nuovo programma dal nome Zemana AntiMalware per trovare e eliminare virus e malware di vario tipo dal computer Windows.

Zemana AntiMalware è disponibile sia in versione Free gratuita che nella versione Premium a pagamento. Quest'ultima gode di importanti caratteristiche aggiuntive come la protezione in tempo reale del sistema (un vero e proprio secondo antivirus) e della tecnologia di analisi in tempo reale Pandora dei file a bassa reputazione per una maggiore protezione da parte dei malware zero day; inoltre la versione Premium di Zemana AntiMalware è disponibile anche in versione portable senza installazione.

La versione Free va comunque bene per fare la scansione del PC Windows per trovare e rimuovere eventuali malware dal sistema operativo.
Zemana AntiMalware schermata iniziale
Dalla schermata iniziale dell'interfaccia grafica del programma (sopra in figura), disponibile anche in italiano, è possibile avviare la scansione del computer scegliendo fra le due modalità "Scansione rapida" che analizza velocemente le più importanti e critiche aree di Windows oppure la "Scansione accurata" che è più lenta ma più approfondita.

Inoltre nel caso in cui si avesse necessità di scansionare uno o pochi file, sempre nella schermata iniziale ci si può servire dell'area "Trascina qui i file che vuoi scansionare" sulla quale rilasciare quelli di proprio interesse per sottoporli all'analisi di Zemana AntiMalware.

Durante la scansione dei singoli file o del sistema operativo è possibile seguire in tempo reale il processo per vederne l'avanzamento, i dati analizzati e gli eventuali possibili malware rilevati.
Zemana AntiMalware scansione computer in corso
Al termine sarà poi possibile intervenire sulle minacce individuate dal programma (cliccando il link "Ripara") per decidere che farne ovvero spostarle i quarantena, eliminarle o segnalarle come sicure (solo se si è certi che non si tratta di un malware).

Infine può tornare utile dare uno sguardo alle impostazioni di Zemana AntiMalware dove all'occorrenza è possibile fare in modo che il programma si avvii o meno automaticamente con Windows; che prima della pulizia dei malevoli individuati venga creato un punto di ripristino; aggiungere file e cartelle alla esclusioni e altro ancora.

Compatibile con Windows: XP, Vista, 7, 8, 8.1, 10 | Dimensione: 5.43 MB | Download Zemana AntiMalware

LEGGI ANCHE: Programmi per eliminare virus dal computer quando l’antivirus fallisce

Avere GIMP con la grafica di Photoshop su Windows

Senza ombra di dubbio Photoshop è il più popolare programma di fotoritocco per computer subito seguito da GIMP che deve il suo successo oltreché alle sue qualità, che a livello funzionale lo rendono molto simile al software della Adobe, anche al fatto di essere completamente gratis e dunque alternativa decisamente più abbordabile per chi non vuole spendere.

Ma se a livello funzionale Photoshop e GIMP sono abbastanza simili, lo stesso non vale per quel che riguarda l'interfaccia grafica dei due programmi completamente differente e che per questo motivo potrebbe dare non poche difficoltà nel caso in cui si passasse dall'uno all'altro.

A tale proposito se si è un utente Photoshop e si desidera provare GIMP oppure si è un utente GIMP e si vorrebbe provare Photoshop senza pagare, potrebbe tornare utile la modifica che andremo ora a vedere che più nello specifico permette di trasformare l'interfaccia grafica di GIMP in quella di Photoshop così da ridurre al minimo le difficoltà dovute alle differenze tra le due.

1. Per prima cosa è necessario avere installato nel computer GIMP 2.8.x. Ricordo che GIMP è gratis e lo si può scaricare dal sito ufficiale.

2. Chiudere tutte le eventuali istanze di GIMP in esecuzione.

3. Nella tastiera premere la combinazione dei due tasti Windows+R per aprire la finestra di dialogo "Esegui" e qui incollare e inviare il comando %UserProfile% per aprire la cartella del profilo utente.

4. Nella cartella del profilo utente Windows che verrà aperta, individuare la cartella .gimp-2.8 e rinominarla in .gimp-2.8.old (come nell'esempio sotto in figura):
Cartella GIMP rinominata in profilo utente Windows
5. Da questa pagina del sito DeviantArt scaricare il Gimp 2.8 Photoshop Tweaks (il pulsante di download è in alto a destra subito sotto al banner).

6. Una volta scaricato estrarre il contenuto dell'archivio gimp_2_8_photoshop_tweaks_by_doctormo-d75n1qc.zip dunque aprire l'omonima cartella che verrà restituita e al suo interno copiare la cartella .gimp-2.8 e incollarla nella cartella del profilo utente aperta precedentemente (come nell'esempio sotto in figura):
Cartella GIMP aggiunta in profilo utente Windows

7. Finito. Non resta altro che avviare GIMP e verificare personalmente che adesso l'interfaccia grafica del programma è tale e quale a quella di Photoshop (come nell'esempio sotto in figura):
GIMP con interfaccia grafica di Photoshop
Nel caso in cui si volesse tornare alla vecchia interfaccia grafica originale di GIMP basterà eliminare la cartella .gimp-2.8 estratta dall'archivio e aggiunta in quella del profilo utente (passo 6), e infine sempre nella cartella del profilo utente rinominare la cartella .gimp-2.8.old in .gimp-2.8.

LEGGI ANCHE: Guide su GIMP