Assegnare suono al tasto Stamp di cattura schermata su Windows

Su i computer con sistema operativo Windows, senza avvalersi di software di terze parti, per catturare una schermata di ciò che è visualizzato sullo schermo, si deve premere il tasto "Stamp" nella tastiera.

Modo rapido ed efficace che per alcuni però può mancare di una caratteristica, ovvero il suono di cattura dello schermo avvenuta, quando si preme tale tasto.

È bene sapere che all'occorrenza è possibile ottenere questa opzione, apportando una piccola modifica al registro di sistema. Vediamo come.

1. Aprire il menu Start, digitare la parola regedit e premere il tasto Invio per aprire l'Editor del Registro di sistema.
Editor del Registro di sistema
2. Nell'Editor del Registro di sistema portarsi in HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default e come nell'esempio sopra in figura, fare un clic destro di mouse sulla chiave ".Default", nel menu contestuale cliccare Nuovo > Chiave, quindi rinominare la nuova chiave appena creata assegnandogli il nome "Schermata".

3. Chiudere l'Editor del Registro di sistema.

4. Premere la combinazione dei due tasti Windows+R per aprire la finestra di dialogo "Esegui"; qui nel campo di inserimento incollare e inviare la stringa rundll32.exe shell32.dll,Control_RunDLL mmsys.cpl ,2 per aprire la finestra "Audio" di Windows alla scheda "Suoni" (sotto in figura):
Finestra Audio e Suoni di Windows 10
5. Scorrere verso il basso la lista del riquadro "Eventi" fino a individuare l'evento "Schermata" e selezionarlo con un clic di mouse.

6. Più in basso, nella sezione "Suoni", espandere il menu a discesa e selezionare il suono che più si preferisce scegliendo fra i vari messi a disposizione.

NOTA: Dopo aver selezionato un suono è possibile testarlo cliccando il pulsante "Prova".

7. Trovato il suono di proprio gradimento non resta che impostarlo sull'evento "Schermata" cliccando i pulsanti Applica e OK.

Finito. Da ora in avanti ogni qualvolta si premerà il tasto "Stamp" verrà riprodotto il suono associato precedentemente selezionato.

Qualora si volesse rimuovere il suono dal tasto "Stamp", nella sezione "Suoni", dopo aver selezionato l'evento "Schermata", settare come suono "Nessuno" e confermare cliccando i pulsanti Applica e OK.

In alternativa è possibile eliminare dall'Editor del Registro di sistema la chiave "Schermata" creata in precedenza.

LEGGI ANCHE: Tasti per catturare lo schermo di Windows, Mac, Linux, iOS e Android

Raccolta di programmi per riparare problemi Windows con Windows Repair Toolbox

Windows Repair Toolbox è un'applicazione portatile che raccoglie un serie di programmi di terze parti attraverso i quali riparare diverse problematiche che possono presentarsi su un computer Windows.

I programmi in questione, perlopiù software noti, sono tutti gratuiti e in versione portable, ovvero non richiedono installazione, bensì sono subito pronti all'uso.

Una volta avviato Windows Repair Toolbox, verrà visualizzata la scheda "Tools" nella quale è messa a disposizione una raccolta di programmi suddivisi per categoria di impiego:
Windows Repair Toolbox scheda Tools
  • Hardware set di software per analizzare le periferiche hardware del computer (CPU-Z, GPU-Z, RAMExpert, HWinfo, HWmonitor ecc)
  • Backup & Recovery set di software per effettuare backup e ripristino di file (fra i quali anche Recuva)
  • Repair software set di software per diverse riparazioni (Autoruns, Process Explorer, Complet Internet Repair ecc)
  • Uninstaller set di software per disinstallare in modo completo i programmi dal PC (Revo Uninstaller, Antivirus Removal Tool ecc)
  • Useful Tool set di  software utili per diversi compiti (Ninite, WizTree, PatchMyPc, NirLauncher ecc)
  • Windows una raccolta di comandi clicca-esegui per avviare strumenti di Windows quali Task Manager, Visualizzatore di eventi, Monitoraggio affidabilità, CHKDISK ecc.
Tenere in considerazione che tali programmi non sono subito pronti all'uso, bensì la prima volta che li si utilizza è necessario scaricarli da internet facendo un clic sul pulsante di quello desiderato; in questo modo a download completato, i programmi in questione verranno aggiunti a Windows Repair Toolbox (nella cartella "Downloads") e di conseguenza pronti da eseguire cliccando il rispettivo e omonimo pulsante nella scheda "Tools".
Windows Repair Toolbox scheda Malware Removal
Stesso discorso per quanto riguarda la scheda "Malware Removal" che raccoglie un set di programmi per trovare ed eliminare virus e malware vari dal computer (fra i quali Adwcleaner, Malwarebytes, RKill, Kaspersky, RogueKiller, HitmanPro ecc), più altri applicativi per ottimizzare e ripulire il sistema (Ccleaner, WinRepairAIO, Disk Defrag, Autoruns), e un set di software per fare gli aggiornamenti di Windows, Java, Adobe Flash e Adobe Reader.
Windows Repair Toolbox scheda Custom Tools
Nella scheda "Custom Tools" facendo un clic di mouse sul link "folder" nella sezione "How to use" è possibile aggiungere a Windows Repair Toolbox programmi personalizzati, copiandoli all'interno della cartella "Added Custom Tools" che verrà visualizzata (si intendono programmi portable), che si avranno sempre a disposizione nella scheda "Custom Tools" dalla quale avviarli selezionando con un clic quello desiderato e quindi cliccando il pulsante "Start!" per eseguirlo.
Windows Repair Toolbox scheda Final Tests
Nella scheda "Final Tests" è invece disponibile un set di strumenti per testare il corretto funzionamento di file, plugin, driver, altoparlanti, e altri strumenti di Windows.

Nella scheda "Notes" è messo a disposizione un editor di testo interno a Windows Repair Toolbox nel quale annottare eventuali appunti all'occorrenza.

Nella scheda "Settings" si ha accesso alle opzioni del programma dalle quali è ad esempio possibile cancellare i download scaricati con Windows Repair Toolbox, cambiare le informazioni hardware in tempo reale visualizzate nelle precedenti schede, fare il backup e il ripristino dei programmi scaricati e aggiunti a Windows Repair Toolbox, controllare la disponibilità di nuovi aggiornamenti, cambiare l'icona del programma.

Vista la sua utilità, Windows Repair Toolbox è sicuramente una risorsa da tenere sempre disponibile nella propria cassetta degli attrezzi e da portare appresso su chiavetta USB.

Compatibile con Windows: 7, 8, 10 | Dimensione: 2,92 MB | Download Windows Repair Toolbox

LEGGI ANCHE: Lista di piccoli programmi portable utili da avere su Windows o nella chiavetta USB

Scarica gratis Torchlight 2 per PC Windows da Epic Games Store

Con la nuova promozione di Epic Games Store, fino alle ore 17 del prossimo 23 luglio 2020 si può scaricare gratis il gioco Torchlight II per computer Windows.

Torchlight 2 è un videogioco di ruolo d'azione RPG con visuale dall'alto, genere fantasy, con la possibilità di giocare in modalità single player oppure in multiplayer online con persone di tutto il mondo. Sviluppato da Runic Games, pubblicato a settembre 2012 come sequel di Torchlight del 2009.

Quattro classi di personaggi tra le quali scegliere e giocare con varietà e stili differenti, nel vasto open word e nelle molteplici cittadine centrali di Vilderan.
Torchlight 2 locandina

Requisiti minimi di sistema Windows
  • Sistema operativo Windows XP SP3/Vista/Windows 7
  • Processore x86-compatible 1.4GHz or faster processor
  • Scheda video ND
  • RAM 1 GB
  • Spazio su disco ND
Gameplay del gioco Torchlight II

Come ottenere gratis Torchlight II
La promozione del videogioco Torchlight II è a tempo limitato e scade alle 17 del prossimo 23 luglio 2020, per cui chi intende aggiudicarsi una copia completa e gratuita deve provvedere nel riscattarla (cliccando il pulsante "Ottieni") entro tale termine, agendo rispettivamente dalla pagina web:
Inoltre si ricorda che per ottenere il gioco è necessario effettuare l'accesso al sito web di Epic Games Store con il proprio account utente Epic Games (che può essere creato liberamente sullo stesso sito web), e che per poter scaricare e installare il videogame è necessario aver preventivamente installato sul computer il Launcher Epic Games, scaricabile liberamente da questa pagina.

LEGGI ANCHE: Siti per scaricare gratis videogiochi belli per PC legalmente

Disinstallare completamente l'antivirus dal PC Windows con Antivirus Removal Tool

A seconda dei casi non è sempre possibile disinstallare il programma antivirus dal computer procedendo con il predefinito disinstallatore di Windows.

Dal momento in cui il software antivirus va a radicarsi in profondità nel sistema operativo, durante la rimozione potrebbero avere luogo errori e/o problemi imprevisti che ne impediscono la disinstallazione, oppure ne impediscono la disinstallazione completa lasciando conseguenti file e tracce sparse nel sistema operativo che rendono impossibile l'installazione di un nuovo programma antivirus nel PC.

Per questo motivo in tali circostanze è più conveniente affidarsi ai programmi di disinstallazione ufficiali progettati dagli stessi produttori dei software antivirus per eliminare completamente tutti i file, driver, servizi e voci del registro creati con la loro installazione e utilizzo.

Se in questo articolo avevamo già visto una lista dei disinstallatori ufficiali dei maggiori programmi antivirus, a seguire andremo a scoprire Antivirus Removal Tool, un'applicazione che raccoglie i disinstallatori ufficiali di tutti gli antivirus in circolazione, 29 per l'esattezza (per questo motivo l'applicazione pesa circa 160 MB), fra le quali: Avast, AVG, Avira, BitDefender, Comodo, DrWeb, Emsisoft, eScan, Eset, F-Secure, GData, Kaspersky, Malwarebytes, Mcafee, Norton, TrenMicro, Panda, Microsoft Security Essentials, Vipre, ZoneAlarm e altri ancora.

Ci sono due modi per utilizzare Antivirus Removal Tool (è un'applicazione portable dunque non richiede installazione).

Metodo I
È il più immediato. Una volta scaricato l'applicazione nel computer ed estratta dall'archivio "Antivirus_Removal_Tool.zip", è di portarsi nella cartella "Antivirus_Removal_Tool" e qui nella sottocartella "Tools" (sotto in figura):
Cartella Tool di Antivirus Removal Tool
nella quale sono disponibili tutti i disinstallatori ufficiali attualmente disponibili in Antivirus Removal Tool.

Qui si individuare e aprire la cartella che riporta il nome relativo al programma antivirus installato nel computer, all'interno della quale è disponibile il file eseguibile del relativo disinstallatore ufficiale (come nell'esempio sotto in figura):
Cartella disinstallatore di Antivirus Removal Tool
Avviare l'eseguibile in questione per far partire l'interfaccia grafica del disinstallatore ufficiale nel quale si deve seguire la procedura guidata per la rimozione (come nell'esempio sopra in figura).

Al termine verrà chiesto di riavviare il computer affinché la disinstallazione venga completata e ultimata.

Metodo II
Il secondo metodo che andremo a vedere torna utile qualora non si conosce il programma antivirus installato nel computer e/o si ha la necessità di individuare e rimuovere le tracce lasciate da vecchie installazioni di altri software antivirus.

In tal caso nella cartella "Antivirus_Removal_Tool" si dovrà avviare l'eseguibile "Antivirus_Removal_Tool.exe" per lanciare l'interfaccia del programma (che si può avere in italiano selezionando, nell'angolo in basso a destra, la bandierina dell'Italia).
Interfaccia di Antivirus Removal Tool
Fatto ciò si deve cliccare il pulsante "Ricerca" per scansionare il computer alla ricerca del programma antivirus installato e/o delle tracce rimaste da precedenti installazioni di altri software antivirus.

Trovato il programma antivirus, al punto "4. Eseguire il programma di disinstallazione specializzato" assicurarsi che sia selezionato il disinstallatore relativo al programma antivirus che si desidera rimuovere (diversamente selezionarlo dal menu a tendina), quindi cliccare il pulsante "Correre" per lanciare il rispettivo disinstallatore ufficiale nel quale si deve seguire la procedura guidata per la rimozione (come nell'esempio sotto in figura):
Interfaccia di Antivirus Removal Tool con disinstallatore ufficiale
Al termine della rimozione verrà chiesto di riavviare il computer per finalizzare e completare la disinstallazione dell'antivirus dal PC.

Compatibile con Windows: 7, 8, 10 | Dimensione: 159 MB | Download Antivirus Removal Tool

LEGGI ANCHE: Migliori software gratis per disinstallare programmi dal PC completamente

KB4565503 per Windows 10 2004 risolve i problemi lsass.exe e altri

Microsoft ha rilasciato il nuovo aggiornamento cumulativo KB4565503 per Windows 10 versione 2004 (aggiornamento di Maggio 2020).

Tale update risolve i problemi causati dal precedente aggiornamento cumulativo KB4557957 o KB4560960 rilasciato lo scorso 9 giugno, in modo particolare il problema con il servizio del sottosistema dell'autorità di sicurezza locale (LSASS) che costringeva a conseguenti riavvi forzati.

Oltre a ciò il nuovo aggiornamento cumulativo KB4565503 apporta ulteriori correzioni ad altri problemi e diversi aggiornamenti di sicurezza.
Pagina sito web Supporto di Microsoft Windows update KB4565503
Più nello specifico come da note di rilascio ufficiali, di Microsoft, l'aggiornamento cumulativo KB4565503 è comprensivo dei seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Risolve un problema in alcune app che utilizzano la proprietà ImeMode per controllare la modalità IME (Input Method Editor) in Windows 10, versione 2004 (Aggiornamento di maggio 2020). Ad esempio, questo problema impedisce alla modalità di input di passare automaticamente a Kanji o Hiragana. Per ulteriori informazioni, consultare l'articolo KB4564002 e il post sul blog, Preparazione dell'aggiornamento di maggio 2020 pronto per il rilascio - AGGIORNATO .
  • Risolve un problema che potrebbe impedire l'utilizzo di PowerShell per modificare le impostazioni internazionali del sistema su piattaforme Server Core.
  • Risolve un problema che potrebbe causare distorsioni visive a determinati giochi e applicazioni durante il ridimensionamento in modalità finestra o il passaggio dalla modalità schermo intero a quella finestra. 
  • Risolve un problema che potrebbe causare il  fallimento di lsass.exe con il messaggio di errore "Un processo di sistema critico, C:\WINDOWS\ system32\lsass.exe, non riuscito con codice di stato c0000008. La macchina deve ora essere riavviata. "
  • Risolve un problema che potrebbe impedire ad alcune applicazioni di stampare documenti che contengono grafica o file di grandi dimensioni dopo l'installazione degli aggiornamenti di Windows rilasciati il ​​9 giugno 2020.
  • Risolve un problema che potrebbe impedire la connessione a OneDrive tramite l'app OneDrive. Questo problema si verifica su alcuni dispositivi meno recenti o su dispositivi con app meno recenti, che utilizzano driver di filtro del file system legacy. Di conseguenza, ciò potrebbe impedire a questi dispositivi di scaricare nuovi file o aprire file precedentemente sincronizzati o scaricati.
  • Aggiornamenti di sicurezza per Microsoft Scripting Engine, piattaforma e frame di app di Windows, Microsoft Store, grafica di Windows, input e composizione di Windows, Windows Media, Windows Shell, Windows Fundamentals, Gestione di Windows, kernel di Windows, Windows Hybrid Cloud Networking, Windows Storage e Filesystems , Stack di Windows Update, MSXML di Windows, File server e cluster di Windows, Desktop remoto di Windows, Internet Explorer, Microsoft Edge Legacy e Motore di database Microsoft JET.
Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Quando si utilizzano alcune app, come Microsoft Excel, gli utenti di Microsoft Input Method Editor (IME) per cinese e giapponese potrebbero ricevere un errore oppure l'app potrebbe smettere di rispondere o chiudersi quando tenta di trascinare con il mouse.
Per scaricare l'aggiornamento KB4565503 si può agire sia da Windows Update portandosi in Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Windows Update, oppure provvedere manualmente al download dal Microsoft Update  Catalog qui disponibile all'indirizzo https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4565503, qualora si avesse la necessità di installarlo in un secondo momento e/o su computer che non possono accedere a internet. Con l'installazione il numero di build del sistema operativo passa a 19041.388.

NOTA: Prima di procedere all'installazione dell'aggiornamento è consigliabile creare un backup (di almeno i file importanti) o un'immagine di sistema, attraverso i quali poter ripristinare lo stato precedente funzionante in caso di eventuali problematiche.

LEGGI ANCHE: Windows 10: rimpiazzare Windows Update con WAU Manager per gestire meglio gli aggiornamenti automatici

Scaricare la ISO di Windows 7, XP, Vista in italiano da Internet Archive

Per scaricare l'immagine ISO di Windows 7 si può ancora agire dalla pagina del sito di Microsoft https://www.microsoft.com/it-it/software-download/windows7, ma solo dopo aver immesso un codice Product Key valido.

Per quanto riguarda Windows XP e Windows Vista, invece non è disponibile neanche tale opportunità.

Ad ogni modo è possibile fare il download della ISO di Windows 7, Windows XP e Windows Vista da altre fonti, fra le quali anche Internet Archive (https://archive.org/) senza disporre preventivamente del Product Key.

Difatti nell'archivio a nome Microsoft del sito Internet Archive è possibile reperire svariato materiale riguardante il sistema operativo Windows, fra il quale appunto anche le immagini ISO in questione.
Windows 7
Più nello specifico, seguono le immagini ISO e relativi link di download, di Windows 7, Windows XP e Windows Vista in italiano.

Windows 7 ISO
Windows 7 SP1 Italian All Versions [x64]:
https://archive.org/details/Win7SP1AIOITA64BIT

Windows 7 SP1 Italian All Versions [x86]:
https://archive.org/details/Win7SP1AIOITA32BIT

Windows 7 Ultimate with Service Pack 1 x64 (Italian):
https://archive.org/details/Windows7UltimateSP1x64Italian

Windows 7 Ultimate with Service Pack 1 x86:
https://archive.org/details/Windows7UltimateSP1x86Italian

Windows 7 Home Basic with Service Pack 1 x86 (Italian):
https://archive.org/details/Windows7HomeBasicSP1x86Italian

Windows 7 Home Premium with Service Pack 1 (Italian) [x86/x64]:
https://archive.org/details/Win7HomePremiumSP1ITA

Windows 7 Enterprise SP1 x64 (Italian):
https://archive.org/details/Win7EnterpriseSP1x64ITA

Windows 7 Enterprise SP1 x86 (Italian):
https://archive.org/details/Win7EnterpriseSP1x86ITA

Windows 7 Starter with Service Pack 1 x86 (Italian):
https://archive.org/details/Windows7StarterSP1x86Italian

Windows 7 Starter RTM x86 (Italian):
https://archive.org/details/Windows7StarterRTMx86Italian

Windows XP ISO
Windows XP Professional SP3 (Italian):
https://archive.org/details/WinXPProSP3Italian

Windows XP Professional RTM (Italian):
https://archive.org/details/WindowsXPProfessionalRTMItalian

Windows XP Home Edition SP2 (Italian):
https://archive.org/details/WindowsXPHomeEditionSP2Italian

Windows XP Home Edition with Service Pack 1 (Italian):
https://archive.org/details/WindowsXPHomeEditionSP1Italian

Windows XP Home Edition SP0 Italian Original:
https://archive.org/details/windowsxpsp0italian

Windows Vista ISO
Windows Vista SP2 x86 All in One (Italian):
https://archive.org/details/WindowsVistaSP2x86AllinOneItalian

Windows Vista RTM x64 All-in-One (Italian):
https://archive.org/details/WinVistaRTMAIOx64ITA

Come scaricare l'immagine ISO
Colonna Download Options sito Internet Archive
Una volta aperto il link delle versione di Windows desiderata, nella pagina informativa, nella colonna a destra individuare la sezione "DOWNLOAD OPTIONS" quindi posare il mouse sulla voce "ISO IMAGE" e infine cliccare il pulsante di download che apparirà subito accanto (come nell'esempio sopra in figura).

Come creare il supporto di installazione
Una volta scaricata l'immagine ISO, per creare il supporto di installazione si può agire in due modi: masterizzare la ISO su un DVD vergine utilizzando magari uno di questi programmi gratis per masterizzare; oppure si può creare il supporto di installazione su chiavetta USB utilizzando appositi programmi come ad esempio il gratuito Rufus.

L'installazione andrà poi eseguita inserendo il DVD o collegando la chiavetta USB al PC facendo avviare il computer dal supporto di installazione che andrà selezionato come primario nella scheda "Boot" del BIOS.

LEGGI ANCHE: Trucco per scaricare la ISO di Windows 10 e 8 dal sito Microsoft ufficiale

Microsoft Edge bloccare i tracker dannosi e di tutti i siti

I siti web utilizzano i tracker (strumenti di monitoraggio) per raccogliere informazioni sull'attività di navigazione internet degli utenti (interazioni con i siti, i contenuti cliccati e via dicendo), creando una sorta di profilo digitale attraverso il quale offrire loro, durante l'esplorazione, contenuti personalizzati in base agli interessi, le pubblicità ad esempio.

Il problema è che fra questi vi sono anche i tracker dannosi che raccolgono e inviano tali informazioni anche ai siti internet non visitati, facendo ulteriormente venire meno il rispetto della privacy circa i dati raccolti relativi ai singoli utenti.

Il nuovo Microsoft Edge basato su Chromium, da questo punto di vista ha introdotto un'apposita impostazione che permette di bloccare i tracker della maggior parte dei siti internet.
Microsoft Edge Protezione dal rilevamento modalità Rigido
Più nello specifico, come nell'esempio sopra in figura, portandosi in Menu > Impostazioni > Privacy e servizi > Protezione dal rilevamento si avrà modo di scegliere fra tre differenti modalità di protezione dal rilevamento.

Per impostazione predefinita è abilitata la modalità "Bilanciato", ma per intervenire sul blocco dei tracker è necessario abilitare la modalità "Rigido" la quale prevede:
  • Blocco della maggior parte dei tracker di tutti i siti
  • Blocco dei tracker dannosi noti
Inoltre attivando tale modalità, in automatico quando si naviga in "InPrivate" (ovvero nella modalità di navigazione anonima) verrà automaticamente abilitata la prevenzione del monitoraggio "Strict" (modalità "Rigido" appunto) per bloccare da subito i tracker dannosi e non.

Come effetto collaterale della modalità "Rigido" abilitata, in certi casi alcune parti dei siti web potrebbero non funzionare correttamente (basterà disattivarla temporaneamente all'occorrenza), e gli annunci pubblicitari risulteranno essere spersonalizzati oppure avere una personalizzazione minima, ad ogni modo a beneficio della privacy.

LEGGI ANCHE: Come fare ricerche su Google in anonimo senza lasciare tracce o limitando le informazioni personali esposte