Il gioco horror Conarium si scarica gratis da Epic Games Store

La nuova promozione settimanale di Epic Games questa volta permette di scaricare gratis il videogioco Conarium per computer Windows.

Lanciato la prima volta il 6 luglio 2017, Conarium è un gioco ispirato al romanzo "Alle montagne della follia" di H.P. Lovecraft, del quale riporta sullo schermo le atmosfere horror lovecraftiane.

Come da descrizione ufficiale: "Conarium è un'inquietante avventura lovecraftiana che narra le peripezie di quattro scienziati e dei loro sforzi per superare quelli che normalmente consideriamo i limiti invalicabili della natura".
Conarium locandina del videogioco
"Presto scopriremo di aver utilizzato un dispositivo durante la spedizione, di essere morti e poi tornati, leggermente cambiati, per raccontare di strani ricordi e strani luoghi. E ci domanderemo se abbiamo perso qualcosa d'importante o acquisito qualcosa di sinistro...
Esplora la base antartica tormentato da sogni e visioni. Studia gli indizi e sblocca i segreti mentre eviti a ogni costo le macabre creature nei dintorni".

Caratteristiche principali
  • Una storia lovecraftiana avvincente e piena di suspense, ricca di segreti e chicche per gli appassionati
  • Grafica inquietante e spettacolare con Unreal Engine 4
  • Finali multipli
  • Una colonna sonora ammaliante e d'atmosfera
Trailer del gioco

Requisiti minimi di sistema
  • Sistema operativo Windows 7, 64-bit
  • Processore Intel Core i3-4160 a 3,60 GHz
  • RAM 6 GB
  • Grafica NVIDIA GeForce GTX 480/570/670, ATI Radeon HD 5870/5850
  • Spazio su disco 8 GB
  • DirectX Versione 11
Come ottenere gratis Conarium
La promozione è a tempo limitato e scade il prossimo 19 settembre 2019, perciò chi è interessato a scaricare gratis Conarium dovrà aggiudicarselo entro questa data per scaricare una copia completa senza pagare, agendo dalla pagina web: https://www.epicgames.com/store/it/product/conarium/home.

Tenere in considerazione che per poter ottenere il gioco è necessario effettuare l'accesso al sito con il proprio account utente Epic Games (che all'occorrenza può essere creato liberamente sul sito web di Epic Games), e che per poter installare il gioco è necessario avere installato sul computer il Launcher Epic Games, scaricabile liberamente da questo indirizzo.

Chrome "Gestito dalla tua organizzazione" cosa significa?

A partire da Google Chrome 73, nel menu contestuale e nelle pagine interne del browser viene mostrata la notifica "Gestito dalla tua organizzazione". Che cosa significa?

La comparsa di tale messaggio è dovuta al fatto che svariate impostazioni di Chrome possono essere gestite dagli amministratori attraverso delle impostazioni o criteri di gruppo specifici con i quali modificare il normale comportamento del browser: ad esempio per impedire il cambio della pagina iniziale, impedire la stampa, impedire l'accesso a una blacklist di siti internet, disattivare la sincronizzazione del browser e via dicendo.

Google Chrome notifica Gestito dalla tua organizzazione
Ma la notifica "Gestito dalla tua organizzazione" su Chrome potrebbe comparire anche se non si è modificato il comportamento del browser attraverso tali criteri di gruppo.

Infatti anche software di terze parti legittimi e/o estensioni del browser possono impostare uno o più criteri (impostazioni) in Chrome per integrarsi in modo più trasparente con il browser, comportando così la comparsa di tale messaggio.

Per verificare quali siano tali criteri e/o app e/o estensioni è sufficiente portarsi sulla pagina chrome://policy/ e qui come nell'esempio sotto in figura:
Google Chrome pagina interna policy lista dei criteri
si avrà modo di vedere a cosa è dovuta la comparsa della notifica "Gestito dalla tua organizzazione". In questo caso specifico è dovuta ai tre criteri: SyncDisabled (l'esempio fatto prima circa la sincroinizzaizone disattivata), RestrictSigninToPattern e DownloadRestrictions, oltreché all'estensione User-Agent Switcher for Chrome per cambiare lo user-agent del browser, e alla modalità Documenti Google offline.

Ma qualora non si riconoscessero uno o più di tali criteri applicati, a scanso di equivoci (modifica dovuta a un malware ad esempio), è possibile eliminarli agendo dal registro di sistema di Windows, se si dispone di un account amministratore. In tal senso procedere come segue:
Windows Editor del Registro di sistema
1. Nella tastiera premere la combinazione dei due tasti Windows+R per aprire la finestra di dialogo "Esegui" e qui digitare e inviare il comando regedit per aprire l'Editor del Registro di sistema.

2. Nell'Editor del Registro di sistema portarsi sul percorso HKEY_CURRENT_USER\Software\Policies\Google\Chrome oppure in HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Policies\Google\Chrome.

3. Come nell'esempio sopra in figura, non resta che individuare i criteri che non ci si ricorda di avere applicato, e procedendo uno per volta farci sopra un clic destro di mouse e nel menu contestuale cliccare la voce "Elimina".

Se si ha il sospetto che tali criteri siano stati applicati da un malware, si potrebbe anche valutare di eseguire lo strumento Trova software dannoso integrato in Google Chrome.

L'aggiornamento KB4515384 per Windows 10 1903 risolve l'elevato consumo di CPU da parte di Cortana

Microsoft ha rilasciato il nuovo aggiornamento cumulativo KB4515384 per Windows 10 May 2019 Update versione 1903.

La novità più importante è che questo update include la risoluzione al problema del precedente aggiornamento cumulativo KB4512941, dopo avere installato il quale in alcuni casi si è registrato elevato utilizzo del processore (CPU) del computer da parte di Cortana, più precisamente dell'annesso processo "SearchUI.exe".

LEGGI ANCHE: Cortana consuma troppa CPU su Windows 10 1903? Colpa dell'aggiornamento KB4512941

Per installare l'aggiornamento cumulativo KB4515384 si può agire direttamente da Windows Update, portandosi in Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Windows Update, oppure al bisogno lo si può scaricare manualmente anche dal Microsoft Catalog Update all'indirizzo https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4515384 qualora si avesse necessità di installarlo manualmente in un altro momento e/o su computer offline. Con l'installazione il numero di build viene portato a 18362.356.
Microsoft support pagina web con note di rilascio update KB4515384
Più nello specifico, come da note di rilascio ufficiali, l'aggiornamento KB4515384 include i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Fornisce protezioni contro una nuova sottoclasse di vulnerabilità del canale laterale dell'esecuzione speculativa, nota come campionamento dei dati microarchitettura , per le versioni a 32 bit (x86) di Windows (CVE-2019-11091, CVE-2018-12126, CVE-2018-12127, CVE -2018-12130).
  • Risolve un problema che causa un elevato utilizzo della CPU da  SearchUI.exe  per un numero limitato di utenti. Questo problema si verifica solo su dispositivi che hanno disabilitato la ricerca nel Web utilizzando Ricerca desktop di Windows.
  • Aggiornamenti di sicurezza a Microsoft Edge, Internet Explorer, Motore di scripting Microsoft, Piattaforma e frame di app di Windows, Input e composizione di Windows, Windows Media, Fondamenti di Windows, Autenticazione di Windows, Crittografia di Windows, Networking di Windows Datacenter, Archiviazione e filesystem di Windows, Networking wireless di Windows, Motore di database Microsoft JET, kernel di Windows, virtualizzazione di Windows e Windows Server.
Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Al momento Microsoft non è a conoscenza di problemi con questo aggiornamento.
NOTA: Prima di procedere all'installazione dell'aggiornamento è consigliabile creare un backup (di almeno i file importanti) o un'immagine di sistema, attraverso il quale poter ripristinare lo stato precedente funzionante in caso di eventuali problemi.

LEGGI ANCHE: Sapere quale versione Windows 10 è installata sul PC

Firefox ha integrata di default la protezione contro i cryptominer

Il cryptojacking è quella pratica che fa uso di appositi script "cryptominer" per sfruttare, a insaputa degli utenti, la potenza di calcolo del processore dei loro computer con lo scopo di minare criptomonete quali Bitcoin, Ethereum, LiteCoin, Monero e via dicendo.

Il problema principale del cryptojacking è che impiegando la CPU in modo massiccio, talvolta anche al 100% della sua capacità, può causare come minimo il rallentamento del sistema, fino danni più gravi quali la possibilità di danneggiare, se non bruciare il processore.

Se per proteggersi da questa minaccia abbiamo già visto una raccolta di apposite estensioni per Chrome  Firefox, è bene sapere che il browser web di casa Mozilla adesso gode di default della protezione integrata contro i cryptominer.
Firefox opzioni privacy e sicurezza blocco dei contenuti cryptominer
Per attivarla è sufficiente portarsi in Menu > Opzioni > Privacy e sicurezza > Blocco contenuti (oppure inviando nella barra degli indirizzi la stringa about:preferences#privacy) e come nell'esempio sopra in figura, espandere la modalità "Personalizzato" e qui spuntare la casella relativa alla protezione "Cryptominer"; per applicare le modifiche sarà necessario riavviare il browser oppure cliccare il pulsante "Ricarica tutte le schede".

Da questo momento in poi, con abilitata su Firefox tale protezione, gli eventuali cryptominer che si incontreranno sul web non avranno efficacia.

Tenere in considerazione che fra le altre opzioni all'occorrenza è anche possibile abilitare il blocco degli elementi traccianti, i cookie di terze parti e/o dei siti non ancora visitati e la tipologia di tracciamento online detto "Fingerprint".

LEGGI ANCHE: Facebook Container 2.0 per Firefox migliora il blocco del monitoraggio di terze parti

Scarica gratis ABZU e The End is Nigh per PC Windows da Epic Games Store

La nuova promozione attivata da Epic Games permette, per un periodo limitato, di scaricare gratis i due videogiochi ABZU e The End is Nigh per PC Windows.

Abzû è un popolare videogioco di genere avventura-esplorazione (nella settimana di debutto su Steam, ha raggiunto il nono posto nelle classifiche di vendita) rilasciato 2 agosto 2016 per Microsoft Windows e PS 4 (successivamente per Xbox One e Nintendo Switch) dove il giocatore assume il ruolo di un sub calato in un vasto oceano nel quale dovrà esplorare gli ambienti sottomarini pieni di vita animale e vegetale, e scoprire antiche tecnologie e rovine sommerse.

A seconda delle aree in cui ci si trova è anche possibile esplorare ambienti terrestri sopra il livello del mare; in ogni area vi sono oggetti da collezione nascosti da trovare. Per quanto riguarda l'interazione con l'ambiente circostante, fra le altre cose il sub può anche afferrare e cavalcare gli animali marini più grandi.
ABZU locandina del gioco
Come da descrizione ufficiale: "Immergiti in un vibrante mondo oceanico ricco di mistero e pullulante di colore e vita. Esegui acrobazie fluide nei panni del Sub usando gli intuitivi controlli per il nuoto. Scopri centinaia di specie uniche ispirate a creature reali e crea una potente connessione con l'abbondante vita marina. Interagisci con banchi di migliaia di pesci che si rapportano proceduralmente ai loro simili, a te e ai predatori. Goditi epici paesaggi marini ed esplora ecosistemi acquatici modellati con dettagli senza precedenti. Avventurati nel cuore dell'oceano, dove antichi segreti giacciono dimenticati. Ma attenzione: negli abissi, si nascondono terribili pericoli. "ABZÛ" è ispirato ad antiche mitologie: AB, significa "acqua", mentre ZÛ significa "conoscere". ABZÛ è l'oceano della saggezza."

Gameplay del gioco

Requisiti minimi di sistema
  • Sistema operativo Windows 7, 64-bit
  • Processore Dual Core da 3,0 GHz
  • RAM 4 GB
  • Grafica GeForce GTX 750 / Radeon R7 260X
  • Spazio su disco 6 GB
  • DirectX Versione 11
The End is Nigh è un videogioco di avventura platform rilasciato il 12 luglio 2017 per Microsoft Windows (successivamente per Mac OS, Linux e PS4) ed è considerato il successore spirituale di Super Meat Boy.

Il gioco ha a che fare con tematiche quali dolore, sofferenza e morte, e il protagonista è una piccola macchia nera di nome Ash, una delle poche cose sopravvissute alla fine del mondo.
The End is Nigh locandina del gioco
The End is Nigh è suddiviso in oltre 600 livelli interconnessi per un totale di oltre 12 capitoli. L'obiettivo del gioco è quello di aiutare Ash a farsi un amico, completando le sfide di ogni livello e passare a quello successivo, esplorando il mondo e raccogliendo lungo il percorso oggetti da collezionare; fra questi vi sono anche i tumori, utili per sbloccare i livelli bonus.

Gameplay del gioco

Requisiti minimi di sistema
  • Sistema operativo Windows 7 o successivo
  • Processore Intel Core i3
  • RAM 2 GB
  • Grafica scheda grafica dedicata (supporto opengl 3.0 o superiore)
  • Spazio su disco 500 MB
Come ottenere gratis ABZU e The End is Nigh
La promozione gratuita dei giochi è a tempo limitato e scade il prossimo 12 settembre 2019, perciò chi è interessato dovrà aggiudicarseli entro questa data per ottenere una copia completa senza pagare; rispettivamente dalla pagina web:
Tenere in considerazione che per ottenere io giochi è necessario effettuare l'accesso al sito con il proprio account utente Epic Games (che può essere creato liberamente sul sito web), e per poter installare il gioco è necessario avere installato sul computer il Launcher Epic Games, scaricabile liberamente da questa pagina.

LEGGI ANCHE: Siti per scaricare gratis videogiochi belli per PC legalmente

Microsoft Rewards Italia per guadagnare punti per vincere premi su Microsoft Store

Microsoft Rewards (che in precedenza si chiamava Bing Rewards) è ufficialmente disponibile anche in Italia.

Per chi lo sente nominare soltanto adesso, Microsoft Rewards è un programma fedeltà di Microsoft con il quale è possibile guadagnare e accumulare punti che potranno essere poi riscattati in cambio di premi come buoni regalo di Microsoft Store per ottenere film, giochi, app e altro ancora, oppure usati per acquistare una console Xbox One e altri dispositivi.

Microsoft Rewards è un servizio gratuito e chiunque può aderirvi. Tutto quello che occorre è un account Microsoft (che all'occorrenza è possibile creare dalla pagina https://signup.live.com/signup) con il quale registrarsi al programma disponibile all'indirizzo https://www.microsoft.com/it-it/rewards.
Microsoft Rewards dashboard utente con riepilogo punti
Una volta registrati a Microsoft Rewards, si è pronti a ottenere punti. Più nello specifico per guadagnare punti ci sono diversi modi:
  • Effettuare ricerche con Bing nel browser Microsoft Edge (anche Microsoft Edge Chromium) su PC o dispositivi mobili (anche con l'app di Bing Search o l'app Microsoft Launcher per Android);
  • Effettuare ricerche con Bing nella casella di Windows Search (in Windows 8.1 e Windows 10);
  • È possibile guadagnare fino a 20 punti per ogni euro speso su Microsoft Store per giochi, film e altro ancora (1 euro = 1 punto se si è membri di primo livello; invece se si è membri di secondo livello 1 euro = 10 punti);
  • Rispondendo ai quiz e ai sondaggi nel dashboard di Microsoft Rewards, controllando i prodotti e le funzionalità di Microsoft, consultando le offerte esclusive per guadagnare più punti valide per un periodo di tempo.
Il requisito fondamentale per guadagnare e accumulare i punti è di rimanere connesso al proprio account Microsoft (con il quale ci si è registrati a Microsoft Rewards) mentre si stanno effettuando le azioni sopra indicate.

NOTA: I punti Microsoft Rewards non hanno valore in denaro; generalmente sono necessari circa 5.000 punti per riscattare un valore di 5 euro. I punti Microsoft Rewards scadono in assenza di attività di guadagno entro 18 mesi.

All'inizio, appena registrati a Microsoft Rewards, si è membri di primo livello e in questa fascia è possibile guadagnare punti per un massimo di 10 ricerche al giorno (ogni ricerca vale 3 punti) con Bing in Microsoft Edge su PC o dispositivi mobili.

Accumulando almeno 500 punti in un mese e mantenendo tale soglia minima, si diventa membri di secondo livello, fascia nella quale è possibile guadagnare punti per un massimo di 30 ricerche al giorno (ogni ricerca vale 12 punti) con Bing in Microsoft Edge su PC o dispositivi mobili; più nello specifico da membro di secondo livello si può guadagnare cinque volte più punti su Bing.com, risparmiare fino al 10% sui premi dei prodotti e dei servizi Microsoft e ottenere l'accesso a offerte esclusive.

Ad ogni modo, già il primo giorno, facendo 10 ricerche su Bing e rispondendo al quiz e sondaggio giornaliero e alle ulteriori attività proposti in dashboard, è possibile guadagnare fino a 280 punti (come riportato nell'esempio sopra in figura).

In ogni momento è possibile uscire dal programma Microsoft Rewards facendo richiesta al link https://account.microsoft.com/rewards/optout.

Ulteriori informazioni circa i vari aspetti di Microsoft Rewards è possibile ottenerle nella pagina delle FAQ dedicate.

LEGGI ANCHE: Guadagnare gratis credito da spendere sul Play Store Android rispondendo ai sondaggi di Google Opinion Rewards

Cortana consuma troppa CPU su Windows 10 1903? Colpa dell'aggiornamento KB4512941

La scorsa settimana, il 30 agosto, Microsoft ha rilasciato l'aggiornamento cumulativo KB4512941 per Windows 10 May 2019 Update versione 1903.

In seguito all'installazione di questo update, nel web si sono susseguite diverse segnalazioni che documentano un elevato utilizzo della CPU da parte di Cortana, responsabile dunque dell'eccessivo carico sul processore del computer.

Alcune fonti suggeriscono che il problema in qualche modo potrebbe dipendere dalla cartella della cache che Cortana utilizza su Windows 10; altre fonti invece affermano che il problema si verifica sui sistemi in cui Bing Search è disabilitato (Bing Search può essere disabilitato nel registro di Windows oppure con programmi e script di terze parti per bloccare le "impostazioni spione" di Windows 10).
Task Manager Windows 10 scheda Processi con elevato utilizzo CPU di Cortana
Per sapere se tale problema stia interessando il proprio PC, è sufficiente aprire il Task Manager di Windows con la combinazione dei tre tasti Ctrl+Shift+Esc, portarsi nella scheda "Processi" è qui cliccare l'intestazione di colonna della "CPU" per ordinare i processi in esecuzione dal più al meno dispendioso e verificare così se Cortana (che nella scheda "Dettagli" del Task Manager corrisponde al processo "SearchUI.exe") sta consumando elevate percentuali di CPU; un altro sintomo può essere la ricerca nel menu Start che nei sistemi interessanti pare non funzionare.

Dato che Microsoft non ha riconosciuto questo problema nella pagina delle note di rilascio dell'aggiornamento cumulativo KB4512941, al momento, in attesa di un riscontro ed eventualmente di una soluzione ufficiale, per risolvere il problema le vie sono due: disinstallare l'aggiornamento oppure modificare un valore nel registro di sistema.

I metodo - Dal registro di sistema
Editor del Registro di sistema Windows 10 valore BingSearchEnabled
  • Premere la combinazione dei due tasti Windows+R per aprire la finestra di dialogo "Esegui" e qui digitare e inviare il comando regedit per aprire l'Editor del Registro di sistema.
  • Nel menu a colonna a sinistra portarsi in  HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Search e, come nell'esempio sopra in figura, nel pannello a destra della finestra individuare il valore "BingSearchEnabled", farci sopra un doppio clic di mouse e nella finestra di modifica che comparirà impostare i dati valore a 1.
  • Riavviare il PC per finalizzare il tutto; al prossimo avvio la situazione dovrebbe essere rientrata.
II metodo - Disinstallare l'aggiornamento KB4512941
Aggiornamenti installati Windows 10 disinstallare aggiornamento KB4512941

Portarsi in Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Windows Update > Visualizza cronologia degli aggiornamenti > Disinstallare gli aggiornamenti e nella finestra "Aggiornamenti installati" del Pannello di controllo che a seguire verrà visualizzata (sopra in figura), individuare l'aggiornamento KB4512941 farci sopra un clic destro di mouse e nel menu contestuale infine cliccare l'opzione "Disinstalla".

A disinstallazione completata, al prossimo riavvio del computer la situazione dovrebbe essere rientrata.

LEGGI ANCHE: Risolvere tutti gli errori di Windows Update in Windows 10, 8.1 e 7