Come proteggere con password una cartella su Windows 10 senza programmi

Sul computer Windows 10 si potrebbe avere l'esigenza di mettere al sicuro alcuni file sensibili dentro una cartella protetta da password.

Ma Windows 10 pur non avendo una funzione per proteggere file e cartelle con una password, ad ogni modo permette di sfruttare l'integrazione della funzionalità BitLocker con la quale è possibile creare un volume (di dimensione personalizzabile) protetto da crittografia, e dunque da password di accesso, all'interno del quale conservare in sicurezza file e cartelle sensibili; il tutto senza dover utilizzare programmi appositi di terze parti. Vediamo come procedere.

1. Aprire il menu Start e digitare "Gestione disco" quindi nei risultati di ricerca cliccare il risultato "Crea e formatta le partizioni del disco rigido" per aprire lo strumento "Gestione disco".

2. In "Gestione disco" nella barra dei menu cliccare Azione > Crea file VHD per visualizzare la finestra "Crea e collega disco rigido virtuale" (sotto in figura):
Gestione disco finestra Crea e collega disco rigido virtuale
Qui in "Percorso" cliccare il pulsante "Sfoglia" per indicare dall'Esplora file la cartella nella quale si desidera creare il volume cifrato, ad esempio in "Documenti"; quindi assegnare un nome al volume, ad esempio "top-secret" e confermare cliccando il pulsante "Salva".

3. Nella finestra "Crea e collega disco rigido virtuale" in "Dimensione disco rigido virtuale" selezionare la dimensione che si desidera dare al volume, ad esempio 5 GB; in "Formato disco rigido virtuale" selezionare l'opzione "VHDX" e in "Tipo disco rigido virtuale" selezionare l'opzione "A espansione dinamica"; confermare cliccando il pulsante OK.

4. In "Gestione disco" adesso individuare il disco con etichetta "Sconosciuto - Non inizializzato", quindi fare un clic destro di mouse su di esso e nel menu contestuale cliccare l'opzione "Inizializza disco" e nell'omonima finestra che verrà visualizzata, selezionare l'opzione "MBR (Record di avvio principale, Master Boot Record)" quindi cliccare il pulsante OK (come nell'esempio sotto in figura):
Gestione disco finestra inizializza disco
5. In corrispondenza del medesimo disco inizializzato, fare un clic destro di mouse sul rettangolo con etichetta "Non allocata" e nel menu contestuale cliccare l'opzione "Nuovo volume semplice..." (come nell'esempio sotto in figura):
Gestione disco opzione menu Nuovo volume semplice
Avrà inizio la procedura di "Creazione guidata nuovo volume semplice" nella quale:
  • Nella schermata "Specifica dimensione volume" si deve lasciare i parametri così come sono;
  • Proseguire alla successiva schermata "Assegna lettera o percorso unità" nella quale si deve selezionare una lettera da dare unità al volume che si sta andando a creare, ad esempio la lettera "Z";
  • Avanzare alla successiva schermata "Formatta partizione" (sotto in figura) nella quale come "File System" lasciare "NTFS", come "Etichetta volume" ripetere il nome assegnatogli al passo 2 (ad esempio "top-secret"), quindi proseguire cliccando il pulsante "Avanti" per finalizzare la creazione.
Creazione guidata nuovo volume semplice schermata Formatta partizione
Subito dopo verrà aperta in Esplora file la finestra del volume appena creato.

6. Adesso è necessario attivare la protezione con crittografia BitLocker sul volume in questione. In tal senso portarsi in Pannello di controllo > Sistema e sicurezza > Crittografia unità BitLocker qui espandere la sezione relativa al volume appena creato e cliccare il rispettivo pulsante "Attiva BitLocker" (come nell'esempio sotto in figura):
Crittografia unità BitLocker pulsante Attiva BitLocker
7. A seguire:
  • Nella schermata "Scegliere il metodo desiderato per sbloccare l'unità" (sotto in figura) settare la password di protezione del volume in questione con la quale sbloccarlo e accedere al suo contenuto;
Crittografia unità BitLocker schermata Scegliere il metodo desiderato per sbloccare l'unità
  • Proseguire alla schermata "Come eseguire il backup della chiave di ripristino" e scegliere l'opzione "Salva in un file" sul Desktop (NOTA: conservare questo file con cura in quanto attraverso esso sarà possibile poter accedere al volume crittografato qualora ci si dimenticasse della password di accesso);
  • Proseguire alla schermata "Specificare la dimensione della porzione dell'unità che si desidera crittografare" e selezionare l'opzione "Applica crittografia solo allo spazio utilizzato del disco";
  • Proseguire alla schermata "Scegli la modalità di crittografia da usare" e selezionare l'opzione "Modalità compatibile";
  • Cliccare il pulsante "Avanti" e infine cliccare il pulsante "Avvia crittografia" (sotto in figura):
Crittografia unità BitLocker Avvia crittografia

L'operazione richiederà pochi secondi e al termine sarà già possibile utilizzare il volume crittografato per porre e creare al suo interno i file e cartelle sensibili di proprio interesse.

Come aprire e come chiudere il volume crittografato
Per chiudere il volume crittografato, ci si deve portare in Risorse del computer ("Questo PC"), individuarlo nella sezione "Dispositivi e unità" e come nell'esempio sotto in figura:
Questo PC opzione Espelli volume crittografato con BitLocker
farci sopra un clic destro di mouse e nel menu contestuale cliccare l'opzione "Espelli". Finito.

Per aprire il volume crittografato ci si deve portare in Pannello di controllo > Sistema e sicurezza > Crittografia unità BitLocker qui come nell'esempio sotto in figura:
Crittografia unità BitLocker sbloccare e accedere con password a volume crittografato
cliccare il pulsante "Sblocca unità" relativo al volume in questione, dunque immettere la password di accesso all'unità e inviarla cliccando il pulsante "Sblocca". Finito. Adesso il contenuto del volume è accessibile in "Questo PC" e in "Esplora file".

Per quanto riguarda BitLocker da segnalare anche la guida: BitLocker proteggere chiavetta USB con password senza usare programmi su Windows.

Invece per quanto riguarda la crittografia di unità di memoria, dischi e partizioni con programmi di terze parti, da segnalare le guide: Creare una chiavetta USB criptata con VeraCypt e Come usare DiskCryptor per crittografare hard disk, SSD e chiavetta USB.

LEGGI ANCHE: Come mettere password a archivi Zip e Rar per proteggere i file

Guardare video su YouTube senza distrazioni su Chrome e Firefox

Il problema di quando si naviga su YouTube è che spesso si perde tempo prezioso in quanto attirati dai vari contenuti disposti intorno al video che si sta guardando, come ad esempio i commenti e i video raccomandati.

Se ci si riconosce in questa situazione allora potrebbero tornare utili due apposite estensioni per Chrome e Firefox con le quali guardare video su YouTube senza distrazioni.

I componenti aggiuntivi in questione sono YouTube Rabbit Hole per Google Chrome, e Remove Youtube's Suggestions per Mozilla Firefox. Vediamoli più nel dettaglio.

YouTube Rabbit Hole per Chrome
Pagina video YouTube modificata da YouTube Rabbit Hole estensione per Google Chrome
Una volta installata l'estensione nel browser per impostazione predefinita da subito su YouTube verranno:
  • Nascosti i video suggeriti nella barra laterale e sostituiti con l'immagine di un coniglietto;
  • Nascosti i commenti, comprese le chat in diretta streaming;
  • In home page disattivati e nascosti i video di tendenza e i video delle iscrizioni ai canali, rimpiazzati con l'immagine di un coniglietto;
  • Semplificata la navigazione sul sito;
  • Disattivati e dunque nascosti i suggerimenti mostrati al termine di un video;
  • Nascosti gli annunci di tipo banner per mantenere un ambiente pulito e privo di distrazioni.
In questo modo quando si arriverà su YouTube per vedere un video, intorno a esso non vi saranno più distrazioni, così come nella pagina iniziale del sito.

Ad ogni modo l'utente ha la possibilità di personalizzare tale configurazione; infatti facendo un clic di mouse sul pulsante di YouTube Rabbit Hole (posto nella barra delle estensioni installate) comparirà il menu delle opzioni dell'estensione nel quale, agendo sugli appositi interruttori, si potrà gestire la visualizzazione o meno dei contenuti nascosti di default dal componente aggiuntivo.


Remove Youtube's Suggestions per Firefox
Pagina video YouTube modificata da Youtube's Suggestions estensione per Firefox
Analogamente a YouTube Rabbit Hole, l'estensione Youtube's Suggestions per il browser web di casa Mozilla esegue le medesime azioni su YouTube. Nello specifico e sin da subito:
  • Nella pagina iniziale nasconde tutti i video suggeriti in base alle iscrizioni ai canali e tutti i video di tendenza (di fatti la home page apparirà  bianca/vuota);
  • Nasconde la barra laterale dove normalmente vengono mostrati i video suggeriti;
  • Nasconde i suggerimenti mostrati al termine del video nel player di riproduzione;
  • Nasconde i commenti dei video (questa opzione è però disattivata per impostazione predefinita, dunque per abilitarla, ovvero per non mostrare i commenti degli utenti, ci si deve portare nelle opzioni dell'estensione e qui spuntare la casella relativa alla voce "Comments").
Come per i commenti anche gli altri contenuti nascosti di default possono essere gestiti dalle opzioni del componente aggiuntivo qualora si avesse necessità di abilitarne alcuni.


Per quanto riguarda una migliore esperienza di navigazione e visione su YouTube, potrebbero tornare utili queste altre risorse: Enhancer for YouTube addon per Chrome e Firefox che aggiunge tante funzioni extraEliminare le finte anteprime dai video di YouTube su Chrome e Firefox.

Siti per caricare e condividere foto online senza registrazione di un account

A un certo punto si può avere la necessità di dover caricare una o più immagini su internet per condividerle con altre persone.

Se si è di fretta e/o non si ha intenzione di utilizzare un servizio che per tale scopo richiede la registrazione, né servirsi dei sociale network, è bene sapere che a disposizione vi sono alcuni siti web gratuiti sui quali è possibile caricare le foto online e ottenere il link di condivisione, senza dover registrarsi e dunque senza dover disporre o creare un account utente.

In tal senso andiamo dunque a vedere una lista di siti internet per caricare e condividere foto online senza registrarsi.
Pagina iniziale del sito Ultraimg
1. Imgbb.com - Il sito web permette di caricare i più popolari formati immagine quali JPG, PNG, BMP, GIF, TIF, WEBP e anche immagini da internet incollandone la URL; l'unico requisito e che la foto non superi i 16 MB di dimensione.

All'occorrenza è possibile apportare modifiche pre-caricamento all'immagine per cambiarne la dimensione (ridimensionarla), cambiare il titolo, aggiungere una descrizione, ed eventualmente impostare anche la cancellazione automatica dell'immagine dopo tot tempo desiderato trascorso il quale non sarà più visibile online.

Terminato il caricamento dell'immagine si otterrà subito il link di condivisione "Link di visualizzazione", e all'occorrenza si potrà ottenere anche il codice HTML e il BBcode.

2. Imgur.com - Il sito permette di caricare sia foto che video presenti in memoria sul computer o cellulare o tablet, oppure le foto che risiedono su internet incollandone la URL. A caricamento completato si otterrà il relativo link di condivisione e anche il codice HTML.

3. Funkyimg.com - Il sito supporta il caricamento di immagini in formato jpg, jpeg, gif, png, bmp, tif, tiff purché abbiamo dimensione massima di 4 MB ciascuna.

Prima di effettuare il caricamento al bisogno ci si può servire delle "Upload options" ovvero delle opzioni di caricamento con le quali ridimensionare l'immagine a piacimento "Resize image", aggiungerci sopra un watermark, aggiungere una etichetta.

4. Postimages.org - Il sito permette di caricare immagini sia da locale che da internet specificando in questo caso la corrispondete URL.

Al bisogno, prima di effettuare il caricamento, c'è un'opzione per ridimensionare l'immagine a una risoluzione desiderata scegliendo fra quelle disponibili, e un'opzione per specificare un tempo di scadenza di condivisione dell'immagine trascorso il quale la foto non sarà più visibile online.

5. Ultraimg.com - Il sito supporta i formati di immagine JPG, PNG, BMP, GIF, le quali, ognuna, non devono superare i 10 MB di dimensione. Volendo è possibile aggiungere immagini da internet indicandone la URL.

A caricamento completato si otterrà il link di condivisione e all'occorrenza anche il codice HTML, il BBcode e il Markdown.

LEGGI ANCHE: Comprimere online video, foto, audio gratis con YouCompress

Rilasciato VeraCrypt 1.24 con tanti miglioramenti sulla sicurezza

La nuova versione VeraCrypt 1.24 è stata rilasciata lo scorso 6 ottobre 2019, dopo ben un anno esatto dalla precedente release.

Per chi scopre ora questo software, VeraCrypt è un programma (per Windows, Linux e Mac OS) utilizzato per crittografare chiavette e unità di memoria USB, partizioni, oppure l'intero hard disk e unità SSD, anche il disco di sistema.

LEGGI LA GUIDA: Creare una chiavetta USB criptata con VeraCypt

VeraCrypt 1.24 è un aggiornamento importante al quale si deve passare il prima possibile perché porta con se, specialmente sulla versione per SO Windows, svariati miglioramenti anche a livello di sicurezza.
VeraCrypt Opzioni di prestazione e configurazione del driver
Fra le più più importanti novità della versione di VeraCrypt per Windows, da segnalare le seguenti (qui la lista completa):
  • Aumentata la lunghezza massima della password a 128 byte nella codifica UTF-8 per volumi non di sistema (valida anche per la versione Linux e Mac di VeraCrypt).
  • Ottimizzazione della velocità della modalità XTS su sistemi a 64 bit utilizzando SSE2 (fino al 10% più veloce)
  • Implementa la crittografia RAM su sistemi operativi a 64 bit; è disabilitata per impostazione predefinita ma può essere attivata portandosi in Parametri > Preferenze > Altre impostazioni > Prestazioni/Configurazione del driver e qui spuntando la casella dell'opzione "Activate encryption of keys and passwords stored in RAM". Sulle moderne CPU tale opzione comporterà un sovraccarico inferiore al 10% ma come effetto collaterale non si potrà utilizzare la funzione ibernazione di Windows.
  • Mitigati alcuni attacchi di memoria rendendo inaccessibile la memoria delle applicazioni VeraCrypt agli utenti non amministratori;
  • Cancellazione delle chiavi di crittografia del sistema dalla memoria durante l'arresto e/o riavvio del PC per mitigare alcuni attacchi di avvio a freddo;
  • Aggiunta una nuova opzione per cancellare tutte le chiavi di crittografia dalla memoria del sistema quando un nuovo dispositivo è collegato al sistema.
  • Aggiunto un nuovo punto di ingresso del driver che può essere chiamato dalle applicazioni per cancellare le chiavi di crittografia dalla memoria in caso di emergenza.
  • Bootloader MBR ora determina dinamicamente il segmento di memoria del bootloader anziché i valori hardcoded;
  • Bootloader MBR aggiunta soluzione alternativa per problemi che riguardano la creazione di sistemi operativi nascosti su alcune unità SSD;
  • Risolve il problema relativo alla rottura del bootloader UEFI VeraCrypt di Windows Update.
  • Numerosi miglioramenti e correzioni anche per il bootloader EFI
  • Aggiunta l'opzione (disabilitata per impostazione predefinita) per utilizzare CPU RDRAND o RDSEED come fonte entropia aggiuntiva per il generatore casuale quando disponibile.
  • Aggiunta l'opzione di montaggio (sia UI che riga di comando) che consente di montare un volume senza collegarlo alla lettera di unità specificata.
  • Aggiornata la libreria libzip alla versione 1.5.2
  • Risolto il problema di elevato utilizzo della CPU quando si utilizzano i preferiti e si aggiunge lo switch per disabilitare il controllo periodico sui dispositivi per ridurre il carico della CPU.
VeraCrypt è disponibile sia in versione a installazione che in versione portable; dato che il programma non supporta gli aggiornamenti automatici, è dunque necessario scaricare manualmente la nuova versione dal sito ufficiale.

Compatibile con Windows: 7, 8, 10 - Linux, Mac OS | Dimensione: 34 MB | Download VeraCrypt

LEGGI ANCHE: BitLocker proteggere chiavetta USB con password senza usare programmi su Windows

Windows 10: rimpiazzare Windows Update con WAU Manager per gestire meglio gli aggiornamenti automatici

Su Windows 10 l'utente non ha la possibilità di gestire l'installazione degli aggiornamenti in Windows Update che di fatto sono del tutto automatizzati dal punto di vista dei download e dell'installazione (eccetto gli aggiornamenti delle funzionalità).

Per questo motivo, con Windows 10 hanno prosperato i software di terze parti per la gestione dei Windows Update, come ad esempio il già recensito WuMgr.

Chi non si trova a proprio agio con tale politica di Microsoft può allora provare anche il nuovo programma gratis WAU Manager (Windows Automatic Updates Manager) che può rimpiazzare Windows Update per una migliore gestione e per un pieno controllo degli aggiornamenti automatici di Windows 10.
WAU Manager schermata iniziale delle opzioni di configurazione
WAU Manager non richiede installazione in quanto si tratta di un software portable. Una volta avviato si presenterà con la sua schermata iniziale di configurazione "Dashboard" (sopra in figura) nella quale facoltativamente selezionando l'opzione "Disable the built-in Windows Automatic Updates and use only WAU Manager" è possibile disattivare il sistema di gestione degli aggiornamenti automatici di Windows 10 rimpiazzandolo con WAU Manager; se non si abilita tale opzione, WAU Manager potrà comunque essere utilizzato per la completa gestione degli aggiornamenti di Windows.

All'utente vengono messe a disposizione tre differenti modalità di gestione degli aggiornamenti:
  • Normal - Gli aggiornamenti disponibili verranno cercati automaticamente ma all'utente verranno notificati affinché possa decidere se scaricarli e installarli;
  • Passive - Gli aggiornamenti verranno automaticamente cercati, scaricati e installati e durante queste fasi verrà mostrato il progresso di tali attività;
  • Quiet - Gli aggiornamenti verranno automaticamente cercati, scaricati e installati e durante queste fasi verranno mostrate solo le notifiche delle attività.
Per tutte e tre le modalità, in "Search for" si può scegliere se cercare solamente aggiornamenti driver "Driver updates", solo aggiornamenti di sistema "Software updates" oppure entrambi "Both"; all'occorrenza si può anche spuntare la casella "Automatically reboot if needed" per far riavviare il PC qualora fosse richiesto dall'aggiornamento installato.

Infine nella sezione "Shortcut and schedule for unattend updates" sono disponibili due opzioni le quali rispettivamente (e facoltativamente) permettono: la prima di creare un collegamento sul desktop a WAU Manager per eseguirlo con la configurazione settata; la seconda permette di eseguire la configurazione settata in base alla pianificazione in data e ora desiderate e specificate dall'utente.

Tutte le modifiche apportate fino a qui vanno salvate e applicate cliccando il pulsante "Save and Apply".

A prescindere da tale configurazione, con WAU Manager per cercare manualmente gli aggiornamenti di Windows 10 disponibili si deve cliccare il pulsante "Update Windows Now" (che è l'equivalente del pulsante "Verifica disponibilità degli aggiornamenti" in Windows Update) oppure la medesima voce nel menu. Come nell'esempio sotto in figura:
WAU Manager schermata degli aggiornamenti disponibili
terminata la ricerca, ecco che verrà mostrata la lista degli "Availables updates" (aggiornamenti disponibili) i quali verranno suddivisi in aggiornamenti importanti "Recommended updates" e in aggiornamenti facoltativi (se ve ne sono).

Di default gli aggiornamenti trovati sono tutti selezionati, ma l'utente all'occorrenza può agire sulle rispettive caselle e selezionare solamente quelli che desidera installare sul computer.

Selezionando un aggiornamento, nel pannello laterale a destra verrà mostrata la sua scheda informativa completa anche di link che rimanda alla rispettiva pagina del sito web di Microsoft nel quale sono riportati i dettagli e informazioni circa l'update in questione.

Per installare gli aggiornamenti selezionati si deve cliccare il pulsante "Install checked"; se si avesse la necessità, spuntando la casella "Shutdown after updating" è possibile fare in modo che il PC venga spento al termine dell'installazione dell'aggiornamento.

Qualora invece si avesse necessità di nascondere uno o più aggiornamenti selezionati, affinché non vengano mostrati le volte successive nella lista di quelli disponibili, allora si deve cliccare il pulsante "Hide selected"; gli aggiornamenti nascosti si potranno poi gestire portandosi nel menu in "Manage hidden updates".

WAU Manager permette anche di disinstallare gli aggiornamenti installati; in tal senso nel menu ci si deve portare in "Uninstall updates", in questa sezione selezionare gli aggiornamenti indesiderati e cliccare il pulsante "Uninstall checked" per disinstallarli.

Infine nel menu portandosi in "Update history" è possibile visualizzare la cronologia degli aggiornamenti scaricati con tanto di data e ora del download e installazione, e titolo dell'aggiornamento.

Compatibile con Windows: 10 | Dimensione: 650 KB | Download WAU Manager

LEGGI ANCHE: Scaricare aggiornamenti Windows da Microsoft Update Catalog con tutti i browser

Windows 10 disponibile il nuovo aggiornamento cumulativo di settembre 2019 per tutte le versioni supportate

Lo scorso 3 ottobre Microsoft ha rilasciato il nuovo aggiornamento cumulativo per tutte le versione Windows 10 supportate.

Dunque il nuovo aggiornamento cumulativo si applica a: Windows 10 versione 1607 Anniversary Update, Windows 10 versione 1703 Creators Update, Windows 10 versione 1709 Fall Creators Update, Windows 10 versione 1803 April 2018 Update, Windows 10 versione 1809 October 2018 Update e Windows 10 versione 1903 May 2019 Update.

Per procedere al download dell'aggiornamento cumulativo si può procedere direttamente da Windows Update portandosi in Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Windows Update, oppure all'occorrenza dal Microsoft Update Catalog dal quale scaricare manualmente l'aggiornamento come un file di installazione qualora si avesse necessità di installarlo su un computer che non ha accesso a internet.

LEGGI ANCHE: Sapere quale versione Windows 10 è installata sul PC
Sito web Microsoft Windows Support pagina update KB4524147
Windows 10 versione 1607
Per questa versione di Windows 10 l'aggiornamento cumulativo è il KB4524152 e come da note di rilascio di Microsoft esso apporta i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Risolve un problema intermittente con il servizio spooler di stampa che potrebbe causare l'interruzione dei lavori di stampa. Alcune app potrebbero chiudere o generare errori, ad esempio l'errore RPC (Remote Procedure Call).
L'aggiornamento è disponibile al download manuale sul Microsoft Update Catalog al seguente link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4524152.

Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Dopo l'installazione di KB4467684 , il servizio cluster potrebbe non avviarsi con l'errore "2245 (NERR_PasswordTooShort)" se il criterio di gruppo "Lunghezza minima password" è configurato con più di 14 caratteri.
  • Alcune operazioni, come la ridenominazione , eseguite su file o cartelle che si trovano su un volume condiviso del cluster (CSV) potrebbero non riuscire con l'errore "STATUS_BAD_IMPERSONATION_LEVEL (0xC00000A5)". Ciò si verifica quando si esegue l'operazione su un nodo proprietario CSV da un processo che non dispone dei privilegi di amministratore.
Windows 10 versione 1703
Per questa versione di Windows 10 l'aggiornamento cumulativo è il KB4524151 e come da note di rilascio di Microsoft esso apporta i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Risolve un problema intermittente con il servizio spooler di stampa che potrebbe causare l'interruzione dei lavori di stampa. Alcune app potrebbero chiudere o generare errori, ad esempio l'errore RPC (Remote Procedure Call).
L'aggiornamento è disponibile al download manuale sul Microsoft Update Catalog al seguente link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4524151.

Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Alcune operazioni, come la ridenominazione , eseguite su file o cartelle che si trovano su un volume condiviso del cluster (CSV) potrebbero non riuscire con l'errore "STATUS_BAD_IMPERSONATION_LEVEL (0xC00000A5)". Ciò si verifica quando si esegue l'operazione su un nodo proprietario CSV da un processo che non dispone dei privilegi di amministratore.
Windows 10 versione 1709
Per questa versione di Windows 10 l'aggiornamento cumulativo è il KB4524150 e come da note di rilascio di Microsoft esso apporta i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Risolve un problema intermittente con il servizio spooler di stampa che potrebbe causare l'interruzione dei lavori di stampa. Alcune app potrebbero chiudere o generare errori, ad esempio l'errore RPC (Remote Procedure Call).
  • Risolve un problema che può provocare un errore durante l'installazione di Features On Demand (FOD), come .Net 3.5. L'errore è "Impossibile completare le modifiche. Riavvia il computer e riprova. Codice di errore: 0x800f0950".
L'aggiornamento è disponibile al download manuale sul Microsoft Update Catalog al seguente link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4524150.

Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Alcune operazioni, come la ridenominazione , eseguite su file o cartelle che si trovano su un volume condiviso del cluster (CSV) potrebbero non riuscire con l'errore "STATUS_BAD_IMPERSONATION_LEVEL (0xC00000A5)". Ciò si verifica quando si esegue l'operazione su un nodo proprietario CSV da un processo che non dispone dei privilegi di amministratore.
Windows 10 versione 1803
Per questa versione di Windows 10 l'aggiornamento cumulativo è il KB4524149 e come da note di rilascio di Microsoft esso apporta i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Risolve un problema intermittente con il servizio spooler di stampa che potrebbe causare l'interruzione dei lavori di stampa. Alcune app potrebbero chiudere o generare errori, ad esempio l'errore RPC (Remote Procedure Call).
  • Risolve un problema che può provocare un errore durante l'installazione di Features On Demand (FOD), come .Net 3.5. L'errore è "Impossibile completare le modifiche. Riavvia il computer e riprova. Codice di errore: 0x800f0950".
L'aggiornamento è disponibile al download manuale sul Microsoft Update Catalog al seguente link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4524149.

Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Alcune operazioni, come la ridenominazione , eseguite su file o cartelle che si trovano su un volume condiviso del cluster (CSV) potrebbero non riuscire con l'errore "STATUS_BAD_IMPERSONATION_LEVEL (0xC00000A5)". Ciò si verifica quando si esegue l'operazione su un nodo proprietario CSV da un processo che non dispone dei privilegi di amministratore.
  • Un piccolo numero di dispositivi potrebbe avviarsi su una schermata nera durante il primo accesso dopo l'installazione degli aggiornamenti.
  • Dopo aver installato questo aggiornamento, gli utenti di Windows Mixed Reality Portal possono ricevere in modo intermittente un codice di errore "15-5". In alcuni casi, il Portale realtà mista di Windows potrebbe segnalare che l'auricolare è inattivo e premendo "Wake up" potrebbe non apparire alcuna azione.
Windows 10 versione 1809
Per questa versione di Windows 10 l'aggiornamento cumulativo è il KB4524148 e come da note di rilascio di Microsoft esso apporta i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Risolve un problema intermittente con il servizio spooler di stampa che potrebbe causare l'interruzione dei lavori di stampa. Alcune app potrebbero chiudere o generare errori, ad esempio l'errore RPC (Remote Procedure Call).
  • Risolve un problema che può provocare un errore durante l'installazione di Features On Demand (FOD), come .Net 3.5. L'errore è "Impossibile completare le modifiche. Riavvia il computer e riprova. Codice di errore: 0x800f0950".
L'aggiornamento è disponibile al download manuale sul Microsoft Update Catalog al seguente link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4524148.

Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Alcune operazioni, come la ridenominazione , eseguite su file o cartelle che si trovano su un volume condiviso del cluster (CSV) potrebbero non riuscire con l'errore "STATUS_BAD_IMPERSONATION_LEVEL (0xC00000A5)". Ciò si verifica quando si esegue l'operazione su un nodo proprietario CSV da un processo che non dispone dei privilegi di amministratore.
  • Dopo aver installato KB4493509 , i dispositivi con alcuni language pack asiatici installati potrebbero ricevere l'errore "0x800f0982 - PSFX_E_MATCHING_COMPONENT_NOT_FOUND."
  • Un piccolo numero di dispositivi potrebbe avviarsi su una schermata nera durante il primo accesso dopo l'installazione degli aggiornamenti.
  • Dopo aver installato questo aggiornamento, gli utenti di Windows Mixed Reality Portal possono ricevere in modo intermittente un codice di errore "15-5". In alcuni casi, il Portale realtà mista di Windows potrebbe segnalare che l'auricolare è inattivo e premendo "Wake up" potrebbe non apparire alcuna azione.
Windows 10 versione 1903
Per questa versione di Windows 10 l'aggiornamento cumulativo è il KB4524147 e come da note di rilascio di Microsoft esso apporta i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Risolve un problema intermittente con il servizio spooler di stampa che potrebbe causare l'interruzione dei lavori di stampa. Alcune app potrebbero chiudere o generare errori, ad esempio l'errore RPC (Remote Procedure Call).
  • Risolve un problema che può provocare un errore durante l'installazione di Features On Demand (FOD), come .Net 3.5. L'errore è "Impossibile completare le modifiche. Riavvia il computer e riprova. Codice di errore: 0x800f0950".
L'aggiornamento è disponibile al download manuale sul Microsoft Update Catalog al seguente link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4524147.

Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Microsoft non è al momento a conoscenza di problemi con questo aggiornamento.
Windows 7 e Windows 8.1
Microsoft ha rilasciato l'aggiornamento cumulativo anche per i due sistemi operativi Windows 7 e Windows 8.1 rispettivamente il KB4524157 e il KB4524156 disponibili anche in questo caso sia in Windows Update che nel Microsoft Update Catalog al link: https://support.microsoft.com/en-us/help/4524157https://support.microsoft.com/en-us/help/4524156.

LEGGI ANCHE: Scegliere quali Windows Update installare su Windows 10 con WuMgr

Unire più video di diversi formati in un unico filmato con Video Combiner per Windows

Video Combiner è un programma gratis per PC Windows con il quale è possibile unire in uno solo più video di diverso formato senza perdere qualità.

All'occorrenza è disponibile anche in versione portable/portatile, ovvero da utilizzare senza doverlo installare nel computer.

Video Combiner, come già detto, è in grado di unire fra loro video di diversi formati in input, più nello specifico: MP4, AVI, MKV, MPG, MOV e FLV.

Diversi sono anche i formati video di output supportati che è possibile selezionare, ovvero il formato che più si preferisce per il filmato unico che si andrà a ottenere: MP4, AVI, MKV, MPG, MOV, FLV, TS, RM, VOB.
Video Combiner interfaccia grafica
Facile da usare, disponibile anche in lingua italiana selezionabile sotto il menu "Languages", una volta avviato, con il mouse occorre trascinare e rilasciare sull'interfaccia del programma i video che si desidera unire; in alternativa si può usare il menu File > Aggiungi File oppure la scorciatoia da tastiera Ctrl+O.

Aggiunti i video è possibile riordinarli in lista a propria discrezione utilizzando i pulsante "Freccia Su/ Freccia Giù", in modo tale che vengano poi riprodotti nel filmato unico in base a tale disposizione.

Occorre poi selezionare il "Formato di output" scegliendo fra MP4, AVI, MKV, MPG, MOV, FLV, TS, RM, VOB.

Si devono poi selezionare la "Dimensioni schermo" dove per impostazione predefinita è settata l'opzione "Adatta larghezza massima" che conserva la risoluzione originale di ogni singolo video, ma all'occorrenza si possono scegliere altre opzioni tra cui adattamento larghezza minima, altezza minima, 16:9, dimensione personalizzata da inserire manualmente e altre opzioni ancora; inoltre spuntando l'opzione "Scala video" è possibile eliminare dai filmati le bande nere.

È anche possibile selezionare un "Bitrate (Kbps)" personalizzato; in caso contrario verrà applicato quello predefinito.

Per i sistemi Windows a 64 bit è attivabile l'opzione "Accelerazione CPU completa" per impiegare maggiore potenza del processore nel processo di unione dei video.

Infine cliccando il pulsante "Sfoglia" si deve indicare in "Salva in" la cartella di output nella quale si desidera salvare il filmato ottenuto.

Per avviare il processo di unione dei video in un un unico filmato non resta che cliccare il pulsante "Combina i video ora!".

La durata del processo dipende dal numero dei video aggiunti e dalla loro dimensione. Al termine il filmato ottenuto sarà disponibile nella cartella di destinazione precedentemente specificata.

Compatibile con Windows: XP, 7, 8, 10 | Dimensione: 16 - 23 MB | Download Video Combiner

LEGGI ANCHE: Come unire più file video o audio con Format Factory