Come colorare foto in bianco e nero online automaticamente

ColouriseSG è una webapp con la quale è possibile colorare le foto in bianco e nero online in automatico.

Il servizio in questione per applicare il colore alle fotografie fa uso del deep learning, ovvero quella branca di ricerca dell'intelligenza artificiale e dell'apprendimento automatico che grazie a precisi algoritmi è in grado di valutare la colorazione più adatta da applicare agli oggetti, cose e persone nelle foto in bianco e nero; esattamente come fanno le già recensite e analoghe webapp Algorithmia e Colorize.

Per quanto riguarda i risultati, gli stessi sviluppatori fanno sapere che la webapp funziona al meglio con immagini a risoluzione più elevata che mettono in risalto soggetti umani e scenari naturali. Lo scopo della colorazione è di generare un'immagine con colori plausibili i quali ovviamente potrebbero non corrispondere a quelli reali.
ColourizeSG risultato della colorazione di una foto in bianco e nero
Facile da usare, una volta collegati con la pagina iniziale di ColouriseSG si deve cliccare il pulsante "Try it yourself", spuntare il pulsante "Non sono un robot" del codice reCAPTHA, dunque cliccare il pulsante "Select photo" per selezionare da locale la foto in bianco e nero che si desidera colorare.

Il tempo di attesa è piuttosto breve, circa 10-15 secondi, dopodiché sulla medesima pagina verrà mostrato il risultato ottenuto (come nell'esempio sopra in figura) sul quale l'utente può scorrere verso destra e sinistra il cursore per il confronto del prima e dopo la colorazione.

Se si ritiene soddisfatti del risultato ottenuto allora si può cliccare il pulsante "Download result" per scaricare l'immagine colorata, oppure il pulsante "Download comparison" per scaricare un'immagine contenente sia la foto originale in bianco e nero che la versione colorata; per colorare una nuova foto cliccare il pulsante "Color new photo".

Le fotografie caricate per la colorazione non vengono memorizzate sui server del sito ColouriseSG.

LEGGI ANCHE: Ingrandire immagini senza perdere qualità, online con AI Img Enlarger

EasyPDF convertire, tagliare, unire, comprimere PDF online gratis

Chi si trova spesso a maneggiare PDF, oltre ai software specifici per il computer, si può servire di alcuni servizi web provvisti di appositi strumenti con i quali gestire questo formato di documenti; webapp come ad esempio le già recensite: LightPDF, PDFCandyCleverPDF che andrebbero perciò aggiunte ai preferiti del browser internet.

A questi tre oggi andiamo ad aggiungere una quarta webapp dal nome easyPDF la quale mette a disposizione gratuitamente e senza limitazioni, 15 strumenti con i quali convertire, tagliare, unire, comprimere PDF online.
easyPDF interfaccia della webapp
Più nello specifico con gli strumenti messi a disposizione da easyPDF, raggiungibile all'indirizzo https://easypdf.com/it, è possibile effettuare le seguenti operazioni:
  • Convertire PDF in Microsoft Office Word, Excel, PowerPoint, in Text, in AutoCAD, in immagini JPG, PNG, GIF;
  • PDF Creation per convertire in PDF oltre 100 diversi formati di file fra i quali anche Microsoft Office Word, Excel, PowerPoint, documenti Text, WorPad, LibreoOffice Writer, Calc, Impress, immagini JPEG, BMP, PNG, TIFF, GIFF e via dicendo;
  • Dividere PDF;
  • Unire PDF;
  • Comprimere PDF;
  • Convertitore OCR per convertire in un documento Word, Excel o TXT il testo contenuto nelle immagini.
Semplice da usare, non si deve fare altro che cliccare lo strumento di proprio interesse, selezionare il file sul quale intervenire (il file può essere selezionato sia da locale che dal proprio spazio di archiviazione cloud Google Drive e/o Dropbox) quindi confermare.

Subito dopo il file verrà caricato su i server della webapp e dunque elaborato; terminata la modifica, ci vuole solo qualche secondo di tempo, sarà possibile scaricarlo nel computer.

Per quanto riguarda la riservatezza dei documenti caricati su i server di easyPDF, nella privacy policy del sito è dichiarato che non viene creato alcun backup dei documenti, né questi vengono condivisi con terzi in nessun modo; tutti i documenti caricati e convertiti vengono archiviati su i server di easyPDF per un massimo di sei ore, dopodiché vengono eliminati in modo permanente. Viene conservato solo il nome del file e le informazioni sulla dimensione del file, il tipo e la data di conversione.

LEGGI ANCHE: Tagliare, unire, eliminare pagine da documento PDF con Icecream PDF Split and Merge

Microsoft Edge Chromium ottiene il pulsante per controllare la riproduzione di audio e video nelle schede

Con la versione 78.0.249.0 del nuovo Microsoft Edge Canary (basato su Chromium), il browser internet ha guadagnato la nuova funzione "Global Media Controls".

Con tale caratteristica è ora possibile controllare da un'unica posizione tutti gli audio e i video in riproduzione nelle varie schede aperte nella sessione del browser web.

Più nello specifico quando in riproduzione vi sarà uno o più flussi audio e/o video, al lato destro della barra degli indirizzi comparirà il pulsante "Global Media Controls" (che come icona ha il triangolino "Play") cliccato il quale, come nell'esempio sotto in figura:
Global Media Controls Controlli multimediali Microsoft Edge Chromium
verranno mostrati uno sotto l'altro i riquadri corrispondenti ai vari video e/o audio in riproduzione tra le schede web aperte.

Come si ha modo di notare, attraverso tali riquadri è possibile controllare la riproduzione mettendo in pausa/play la traccia e/o video, tornare indietro o andare avanti alla prossima traccia e/o video.

Per i video di YouTube nel riquadro di gestione multimediale verrà inoltre visualizzato come sfondo un frame del filmato e riportato, oltre al titolo e al URL, il nome del canale che lo ha pubblicato.

Ovviamente non solo YouTube: i Global Media Controls infatti funzionano con tutti i flussi streaming di audio e video di qualsiasi sito internet.

Tenere in considerazione che i Global Media Controls sono abilitati per impostazione predefinita e il pulsante verrà visualizzato solamente se in riproduzione c’è un flusso multimediale in esecuzione in una delle schede aperte nella sessione di Microsoft Edge.

LEGGI ANCHE: Funzioni per le quali Microsoft Edge Chromium è migliore di Google Chrome

L'aggiornamento KB4512534 per Windows 10 1809 risolve tanti problemi e bug

Microsoft ha da poche ore rilasciato il secondo aggiornamento cumulativo KB4512534 del mese di agosto 2019 per Windows 10 October 2018 Update versione 1809, dopo pochi giorni dal rilascio del primo.

L'aggiornamento cumulativo KB4512534 è un update importante da installare perché apporta diversi miglioramenti e correzioni a problematiche rimaste irrisolte con i precedenti aggiornamenti cumulativi.

Per scaricare l'update KB4512534 ci si deve portare in Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Windows Update; altresì l'aggiornamento cumulativo in questione è disponibile anche sul Microsoft Catalog Update all'indirizzo https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4512534 dal quale si può effettuarne manualmente il download se si avesse la necessità di installarlo in un secondo momento e/o su computer che non possono accedere a internet. Con l'installazione il numero di build passa a 17763.720.
Microsoft support pagina web dell'aggiornamento cumulativo KB4512534
Più nello specifico come da note di rilascio ufficiali di Microsoft, l'aggiornamento cumulativo KB4512534 contiene i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Migliora l'affidabilità delle notifiche push sulle distribuzioni di app su dispositivi Microsoft HoloLens 1.
  • Risolve un problema che impedisce a Windows Hello Face Authentication di funzionare dopo un riavvio.
  • Risolve un problema con il download di file DRM (Digital Rights Management) da alcuni siti Web utilizzando Microsoft Edge e Internet Explorer.
  • Risolve un problema che impedisce a Universal C Runtime Library di restituire il valore corretto per le variabili globali del fuso orario in determinate condizioni.
  • Risolve un problema che causa l'interruzione intermittente del servizio di gestione e gestione delle immagini di distribuzione (DISM) durante il deprovisioning di alcune app preinstallate utilizzando Microsoft System Center Configuration Manager (SCCM).
  • Risolve un problema a causa del quale la tastiera predefinita per la locale inglese (Cipro) (en-CY) non era impostata correttamente.
  • Risolve un problema per consentire a Microsoft Edge di stampare correttamente documenti PDF che contengono pagine con orientamento orizzontale e verticale.
  • Risolve un problema con i PDF configurati per essere aperti una sola volta in Microsoft Edge.
  • Risolve i problemi di prestazioni per il sottosistema Win32 e Desktop Window Manager (DWM).
  • Risolve un problema con l'immissione e la visualizzazione di caratteri speciali che si verifica quando un'app utilizza imm32.dll .
  • Risolve una perdita di gestione della composizione nelle app UWP (Universal Windows Platform).
  • Risolve una perdita di memoria in dwm.exe che può comportare una perdita di funzionalità e causare l'interruzione del funzionamento di un dispositivo.
  • Risolve un problema che non riesce a bypassare l'accesso automatico (Autologon) quando si tiene premuto il tasto Maiusc durante l'avvio.
  • Risolve un problema che causa la classe Win32_PhysicalMemory di Strumentazione gestione Windows (WMI) che segnala che i chip di memoria da 32 GB hanno un valore di capacità mancante.
  • Risolve un problema che impedisce l'apertura di un'applicazione App-V e visualizza un errore di rete. Questo problema si verifica in determinate circostanze, ad esempio quando la batteria di un sistema è scarica o si verifica un'interruzione di corrente imprevista.
  • Risolve un problema con User Experience Virtualization (UE-V) che a volte può impedire il funzionamento dei percorsi di esclusione.
  • Risolve un raro problema che impedisce a Windows Defender Advanced Threat Protection (ATP) di impedire temporaneamente ad altri processi di accedere ai file.
  • Risolve un problema che impedisce a una workstation di smettere di funzionare quando si accede utilizzando un nome principale utente aggiornato (UPN) (ad esempio, cambiando UserN@contoso.com in User.Name@contoso.com ).
  • Risolve un problema a causa del quale Windows Defender Application Control non consente il caricamento di file binari di terze parti da un'applicazione della piattaforma Windows universale. L'errore 3033 di CodeIntegrity appare come "L'integrità del codice ha determinato che un processo () ha tentato di caricare che non soddisfaceva i requisiti del livello di firma dello Store".
  • Risolve un problema che impedisce l'utilizzo di alcuni dispositivi Trusted Platform Module (TPM) per le credenziali di prossima generazione.
  • Risolve un problema che causa la perdita intermittente della connettività delle applicazioni su un host contenitore a causa di un conflitto di porte con applicazioni in esecuzione su un contenitore.
  • Risolve un problema che impedisce ad alcuni utenti di ricevere un valore TTL quando vengono aggiunti come membri di Shadow Principals. Ciò si verifica per gli utenti che hanno nomi distinti (DN) che contengono un carattere di escape. Il valore TTL è ora aggiunto come previsto.
  • Risolve un problema con l' attributo disabilitato dell'elemento input , che non consente il passaggio di un ambito all'endpoint di autorizzazione.
  • Risolve un problema con perdite nei socket di notifica di Windows che causa l'esaurimento delle porte di Windows.
  • Risolve un problema che impedisce l'attivazione delle edizioni del server con una chiave di attivazione multipla (MAK) nell'interfaccia utente grafica (GUI). L'errore è "0x80070490".
  • Risolve un problema che potrebbe compromettere la fiducia del dominio quando il Cestino è configurato sul dominio che porta la fiducia.
  • Aumenta il numero di interrupt supportati per dispositivo a 512 su sistemi con x2APIC abilitato.
  • Risolve un problema che potrebbe impedire l'avvio dei dispositivi all'avvio utilizzando immagini PXE (Preboot Execution Environment) da Windows Deployment Services (WDS) o System Center Configuration Manager (SCCM). L'errore è "Stato: 0xc0000001, Informazioni: un dispositivo richiesto non è collegato o non è possibile accedervi".
  • Risolve un problema che potrebbe causare il blocco di applicazioni realizzate utilizzando Visual Basic 6 (VB6); macro che utilizzano Visual Basic, Applications Edition (VBA); script o app che utilizzano Visual Basic Scripting Edition (VBScript). È inoltre possibile che venga visualizzato un errore "Chiamata di procedura non valida".
Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Alcune operazioni, come la ridenominazione , eseguite su file o cartelle che si trovano su un volume condiviso del cluster (CSV) potrebbero non riuscire con l'errore "STATUS_BAD_IMPERSONATION_LEVEL (0xC00000A5)". Ciò si verifica quando si esegue l'operazione su un nodo proprietario CSV da un processo che non dispone dei privilegi di amministratore.
  • Dopo aver installato KB4493509 , i dispositivi con alcuni language pack asiatici installati potrebbero ricevere l'errore "0x800f0982 - PSFX_E_MATCHING_COMPONENT_NOT_FOUND."
  • Un piccolo numero di dispositivi potrebbe avviarsi su una schermata nera durante il primo accesso dopo l'installazione degli aggiornamenti.
  • Le applicazioni e gli script che chiamano l' API NetQueryDisplayInformation o l' equivalente del provider WinNT potrebbero non restituire risultati dopo la prima pagina di dati, spesso 50 o 100 voci. Quando si richiedono pagine aggiuntive, è possibile che venga visualizzato l'errore "1359: si è verificato un errore interno". Questo problema si verifica in questo aggiornamento e in tutti gli aggiornamenti prima del 18 giugno 2019.
NOTA: Prima di procedere all'installazione dell'aggiornamento cumulativo, è consigliabile creare un backup (di almeno i file importanti) o un'immagine di sistema, con il quale poter tornare allo stato precedente se si dovessero presentare problemi.

LEGGI ANCHE: Sapere quale versione Windows 10 è installata sul PC

Windows 10 disponibile il nuovo aggiornamento cumulativo di agosto 2019 per tutte le versioni supportate

Lo scorso martedì Microsoft ha rilasciato l'aggiornamento cumulativo, il primo del mese di agosto 2019, per tutte le versioni supportate di Windows 10 (oltreché per Windows 7 e Windows 8.1).

Ciò significa che in Windows Update è disponibile il nuovo aggiornamento cumulativo per: Windows 10 versione 1709 Fall Creators Update, Windows 10 versione 1803 April 2018 Update, Windows 10 versione 1809 October 2018 Update e Windows 10 versione 1903 May 2019 Update.

LEGGI ANCHE: Sapere quale versione Windows 10 è installata sul PC

Per scaricare l'aggiornamento cumulativo ci si deve dunque portare in Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Windows Update, oppure effettuare manualmente il download dal Microsoft Update Catalog (link forniti sotto a seguire) qualora si avesse necessità di installare l'update in un secondo momento e/o su PC che non può essere collegato a internet.
Microsoft Windows Support sito web note di rilascio aggiornamento cumulativo KB4512508
Windows 10 versione 1709
L'aggiornamento cumulativo è il KB4512516. Come da note di rilascio di Microsoft esso apporta i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Risolve un problema che potrebbe impedire l'avvio dei dispositivi o causare il loro riavvio se sono connessi a un dominio configurato per l'utilizzo dei realm Kerberos MIT. Controller di dominio e membri di dominio sono entrambi interessati.
  • Aggiornamenti di sicurezza per reti wireless di Windows, archiviazione e filesystem di Windows, piattaforma e frame di app di Windows, motore di scripting Microsoft, Microsoft Edge, Windows Server, Windows MSXML, motore di database Microsoft JET, rete di datacenter di Windows, virtualizzazione di Windows, crittografia di Windows, input di Windows e Composizione e Internet Explorer.
L'aggiornamento è disponibile al download manuale sul Microsoft Update Catalog al seguente link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4512516.

Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Alcune operazioni, come la ridenominazione , eseguite su file o cartelle che si trovano su un volume condiviso del cluster (CSV) potrebbero non riuscire con l'errore "STATUS_BAD_IMPERSONATION_LEVEL (0xC00000A5)". Ciò si verifica quando si esegue l'operazione su un nodo proprietario CSV da un processo che non dispone dei privilegi di amministratore.
  • I dispositivi che si avviano utilizzando immagini PXE (Preboot Execution Environment) da Windows Deployment Services (WDS) o System Center Configuration Manager (SCCM) potrebbero non avviarsi con l'errore "Stato: 0xc0000001, Informazioni: un dispositivo richiesto non è collegato o può "accedere" dopo aver installato questo aggiornamento su un server WDS.
  • Dopo aver installato questo aggiornamento, le applicazioni create utilizzando Visual Basic 6 (VB6), le macro che utilizzano Visual Basic, Applications Edition (VBA) e gli script o le app che utilizzano Visual Basic Scripting Edition (VBScript) potrebbero smettere di rispondere e potresti ricevere una "procedura non valida errore di chiamata ".
Windows 10 versione 1803
L'aggiornamento cumulativo è il KB4512501. Come da note di rilascio di Microsoft esso apporta i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Risolve un problema che potrebbe impedire l'avvio dei dispositivi o causare il loro riavvio se sono connessi a un dominio configurato per l'utilizzo dei realm Kerberos MIT. Controller di dominio e membri di dominio sono entrambi interessati.
  • Aggiornamenti di sicurezza per reti wireless di Windows, archiviazione e filesystem di Windows, piattaforma e frame di app di Windows, rete di data center di Windows, motore di database Microsoft JET, input e composizione di Windows, Windows MSXML, Internet Explorer, Windows Server, motore di scripting Microsoft, crittografia di Windows, Windows Server , Windows Virtualization, Microsoft Edge e Windows Shell.
L'aggiornamento è disponibile al download manuale sul Microsoft Update Catalog al seguente link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4512501.

Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Alcune operazioni, come la ridenominazione , eseguite su file o cartelle che si trovano su un volume condiviso del cluster (CSV) potrebbero non riuscire con l'errore "STATUS_BAD_IMPERSONATION_LEVEL (0xC00000A5)". Ciò si verifica quando si esegue l'operazione su un nodo proprietario CSV da un processo che non dispone dei privilegi di amministratore.
  • Un piccolo numero di dispositivi potrebbe avviarsi su una schermata nera durante il primo accesso dopo l'installazione degli aggiornamenti.
  • I dispositivi che si avviano utilizzando immagini PXE (Preboot Execution Environment) da Windows Deployment Services (WDS) o System Center Configuration Manager (SCCM) potrebbero non avviarsi con l'errore "Stato: 0xc0000001, Informazioni: un dispositivo richiesto non è collegato o può "accedere" dopo aver installato questo aggiornamento su un server WDS.
  • Dopo aver installato questo aggiornamento, le applicazioni create utilizzando Visual Basic 6 (VB6), le macro che utilizzano Visual Basic, Applications Edition (VBA) e gli script o le app che utilizzano Visual Basic Scripting Edition (VBScript) potrebbero smettere di rispondere e potresti ricevere una "procedura non valida errore di chiamata ".
Windows 10 versione 1809
AGGIORNAMENTO: Il 17 agosto 2019 Microsoft ha rilasciato anche il secondo aggiornamento cumulativo KB4512534 per Windows 10 October 2018 Update versione 1809.

L'aggiornamento cumulativo è il KB4511553. Come da note di rilascio di Microsoft esso apporta i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Risolve un problema che potrebbe impedire l'avvio dei dispositivi o causare il loro riavvio se sono connessi a un dominio configurato per l'utilizzo dei realm Kerberos MIT. Controller di dominio e membri di dominio sono entrambi interessati.
  • Risolve un problema con un'eccezione dell'interfaccia utente (UI) della console Windows Server Update Services (WSUS) che si verifica quando si espande la directory Computer .
  • Aggiornamenti di sicurezza per piattaforma e frame di app di Windows, rete wireless di Windows, archiviazione e filesystem di Windows, motore di scripting Microsoft, Internet Explorer, input e composizione di Windows, crittografia di Windows, virtualizzazione di Windows, rete di datacenter di Windows, motore di database Microsoft JET, Windows Server, Windows Kernel, Windows MSXML e Microsoft Edge.
L'aggiornamento è disponibile al download manuale sul Microsoft Update Catalog al seguente link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4511553.

Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Alcune operazioni, come la ridenominazione , eseguite su file o cartelle che si trovano su un volume condiviso del cluster (CSV) potrebbero non riuscire con l'errore "STATUS_BAD_IMPERSONATION_LEVEL (0xC00000A5)". Ciò si verifica quando si esegue l'operazione su un nodo proprietario CSV da un processo che non dispone dei privilegi di amministratore.
  • Dopo aver installato KB4493509 , i dispositivi con alcuni language pack asiatici installati potrebbero ricevere l'errore "0x800f0982 - PSFX_E_MATCHING_COMPONENT_NOT_FOUND."
  • Un piccolo numero di dispositivi potrebbe avviarsi su una schermata nera durante il primo accesso dopo l'installazione degli aggiornamenti.
  • I dispositivi che si avviano utilizzando immagini PXE (Preboot Execution Environment) da Windows Deployment Services (WDS) o System Center Configuration Manager (SCCM) potrebbero non avviarsi con l'errore "Stato: 0xc0000001, Informazioni: un dispositivo richiesto non è collegato o può "accedere" dopo aver installato questo aggiornamento su un server WDS.
  • Dopo aver installato questo aggiornamento, le applicazioni create utilizzando Visual Basic 6 (VB6), le macro che utilizzano Visual Basic, Applications Edition (VBA) e gli script o le app che utilizzano Visual Basic Scripting Edition (VBScript) potrebbero smettere di rispondere e potresti ricevere una "procedura non valida errore di chiamata ".
  • Le applicazioni e gli script che chiamano l' API NetQueryDisplayInformation o l' equivalente del provider WinNT potrebbero non restituire risultati dopo la prima pagina di dati, spesso 50 o 100 voci. Quando si richiedono pagine aggiuntive, è possibile che venga visualizzato l'errore "1359: si è verificato un errore interno". Questo problema si verifica in questo aggiornamento e in tutti gli aggiornamenti prima del 18 giugno 2019.
Windows 10 versione 1903
L'aggiornamento cumulativo è il KB4512508. Come da note di rilascio di Microsoft esso apporta i seguenti miglioramenti e correzioni:
  • Aggiornamenti di sicurezza per piattaforma e frame di app di Windows, archiviazione e filesystem di Windows, motore di scripting Microsoft, input e composizione di Windows, rete wireless di Windows, crittografia di Windows, rete di datacenter di Windows, virtualizzazione di Windows, archiviazione di Windows e filesystem, motore di database Microsoft JET, Windows Linux , Windows Kernel, Windows Server, Windows MSXML, Internet Explorer e Microsoft Edge.
L'aggiornamento è disponibile al download manuale sul Microsoft Update Catalog al seguente link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4512508.

Problemi noti in questo aggiornamento che potrebbero presentarsi dopo l'installazione:
  • Windows Sandbox potrebbe non avviarsi con "ERROR_FILE_NOT_FOUND (0x80070002)" sui dispositivi in ​​cui la lingua del sistema operativo viene modificata durante il processo di aggiornamento durante l'installazione di Windows 10, versione 1903.
  • I dispositivi che si avviano utilizzando immagini PXE (Preboot Execution Environment) da Windows Deployment Services (WDS) o System Center Configuration Manager (SCCM) potrebbero non avviarsi con l'errore "Stato: 0xc0000001, Informazioni: un dispositivo richiesto non è collegato o può "accedere" dopo aver installato questo aggiornamento su un server WDS.
  • I dispositivi connessi a un dominio configurato per l'utilizzo dei realm Kerberos del MIT potrebbero non avviarsi o potrebbero continuare a riavviarsi dopo l'installazione di questo aggiornamento. I dispositivi che sono controller di dominio o membri di dominio sono entrambi interessati.
  • Dopo aver installato questo aggiornamento, le applicazioni create utilizzando Visual Basic 6 (VB6), le macro che utilizzano Visual Basic, Applications Edition (VBA) e gli script o le app che utilizzano Visual Basic Scripting Edition (VBScript) potrebbero smettere di rispondere e potresti ricevere una "procedura non valida errore di chiamata ".
Per quanto riguarda Windows 7 l'aggiornamento cumulativo è il KB4512506 disponibile al download oltreché in Windows Update anche sul Microsoft Update Catalog al link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4512506; invece per quanto riguarda Windows 8.1 l'aggiornamento cumulativo è il KB4512488 disponibile al download oltreché in Windows Update anche sul Microsoft Update Catalog al link: https://www.catalog.update.microsoft.com/Search.aspx?q=KB4512488.

LEGGI ANCHE: Windows 10 Windows Update: cosa succede quando si clicca il pulsante Verifica disponibilità aggiornamenti

Microsoft Edge Chromium è ora in italiano

Il nuovo browser internet Microsoft Edge, ovvero quello basato sul codice sorgente Chromium, è ora disponibile anche in italiano.

Più nello specifico il supporto della lingua italiana è arrivato con Microsoft Edge Canary versione 78.0.245.0, rilasciata lo scorso 12 agosto.

NOTA: Per aggiornare Microsoft Edge Canary portarsi in Menu > Help and feedback > About Microsoft Edge dopodiché in automatico verrà eseguita la ricerca e l'eventuale installazione della più recente versione disponibile. Il browser web è ovviamente scaricabile dal sito ufficiale.

Con tale supporto significa che adesso tutta la parte testuale dell'interfaccia del browser web verrà visualizzata completamente in italiano, dunque: i menu contestuali, i menu di navigazione, la pagina delle impostazioni, la pagina dei preferiti, la pagina della cronologia, la pagina nuova scheda, le schermate di gestione, le barre dei titoli e quant'altro.
Microsoft Edge Chromium menu e interfaccia in italiano
Per settare l'interfaccia in lingua italiana in Microsoft Edge Chromium si deve procedere come segue, ovvero:
  • Portarsi in Menu > Settings > Languages
  • Cliccare il pulsante "Add languges" dunque scorrere la lista, individuare, selezionare aggiungere "Italian".
  • Nella sezione "Languages" individuare l'appena aggiunta lingua "Italian", quindi cliccare il rispettivo pulsante menu (quello con i tre pallini disposti orizzontalmente) e nel menu contestuale che verrà visualizzato, come nell'esempio sotto in figura:
Microsoft Edge Chromium schermata Languagesper cambiare lingua del browser
cliccare l'opzione "Display Microsoft Edge in this language".
  • Infine cliccare il pulsante "Restart", che verrà visualizzato subito prima e accanto del pulsante menu lingua, per riavviare il browser internet con applicata la nuova impostazione.
Finito. A partire dal prossimo avvio, il browser web Microsoft Edge Chromium sarà adesso completamente in italiano.

LEGGI ANCHE: Funzioni per le quali Microsoft Edge Chromium è migliore di Google Chrome

Come forzare Firefox a utilizzare un solo processo e non multiprocessi

Se la navigazione su internet con Firefox è lenta e/o mentre si utilizza il browser di Mozilla il computer cala le sue prestazioni, la causa di ciò potrebbe essere attribuibile alla tecnologia multiptocesso, chiamata anche Electrolysis o e10s, che ha debuttato con Firefox 57 (Firefox Quantum) e che nei PC meno potenti potrebbe pesare in questo senso.

Per tale ragione qualora ci si ritrovasse in questa situazione abbiamo già visto in questa guida dedicata come rimediare agendo dalle impostazioni del browser per diminuire il numero di processi impiegati da Firefox fino a un solo processo.

Ma procedendo come indicato nella guida sopra linkata, le ultime versioni di Firefox a quanto pare non ne vogliono sapere di utilizzare un solo processo; bensì anche dopo aver specificato tale impostazione il browser continua a utilizzare comunque più processi "firefox.exe", come di fatto si avrà modo di constatare nel Task Manager di Windows (come nell'esempio sotto in figura):
Task Manager Windows con multiprocessi firefox.exe
In attesa che Mozilla risolva questo problema, se nel frattempo si ha necessità di obbligare Firefox a utilizzare un solo processo, è possibile forzare il browser creando un'apposita variabile d'ambiente in Windows. Vediamo come procedere.

1. Portarsi in Panello di controllo > Sistema > Sistema e sicurezza > Impostazioni di sistema avanzate per aprire la finestra "Proprietà di sistema" e qui (come nell'esempio sotto in figura):
Windows Impostazioni di sistema avanzate finestra Proprietà di sistema Variabili d'ambiente
nella scheda "Avanzate" in basso a destra cliccare il pulsante "Variabili d'ambiente..." per aprire l'omonima finestra "Variabili d'ambiente".

NOTA: In alternativa, per fare prima e portarsi direttamente nella finestra "Variabili d'ambiente", aprire il menu Start, nella ricerca digitare la parola "variabili" e nei risultati di ricerca individuare e cliccare l'opzione "Modifica variabili di ambiente per l'account".

2. Nella finestra "Variabili d'ambiente", nell'area superiore "Variabili dell'utente per NomeUtente" cliccare il pulsante "Nuova..." per aprire la finestra "Nuova variabile utente" e come nell'esempio sotto in figura:
Finestra Variabili di ambiente per creare nuova variabile per bloccare multiprocessi Firefox
qui nel campo "Nome variabile" incollare MOZ_FORCE_DISABLE_E10S e come "Valore variabile" digitare 1. Confermare e uscire cliccando i pulsanti OK.

3. Non resta altro che chiudere Firefox e riavviarlo. Se tutto è andato a buon fine adesso nel Task Manager di Windows dovrebbe comparire un solo processo "firefox.exe" e ciò sta a significare che si è dunque disattivato con successo l'impiego della tecnologia multiprocessi del browser.

LEGGI ANCHE: Firefox: come scaricare le vecchie estensioni (quelle prima di Firefox Quantum)