Scarica gratis Assassin’s Creed Unity per PC (promozione a tempo limitato)

Ubisoft ha attivato una promozione attraverso la quale dal 17 aprile alle 16:00 al 25 aprile alle 09:00 (ora locale) è possibile scaricare gratis la versione PC di Assassin’s Creed Unity.

Ubisoft, che è una nota azienda francese sviluppatrice e editrice di videogiochi, ha lanciato questa offerta alla luce del devastante incendio che pochi giorni fa colpito la cattedrale metropolitana di Notre-Dame di Parigi.

La scelta del titolo della saga è infatti caduta sul capitolo Assassin’s Creed Unity non a caso, in quanto il gioco è ambientato principalmente in una Parigi in piena rivoluzione alla quale è associata la mappa più grande mai creata per un titolo della serie di Assassin's Creed, comprensiva di numerosi e popolari edifici esplorabili internamente, fra i quali è compresa anche la cattedrale di Notre-Dame, fedelmente riprodotta.
Assassin’s Creed Unity
Per scaricare gratuitamente la versione completa di Assassin’s Creed Unity ci si deve recare su questa pagina della promozione https://register.ubisoft.com/acu-notredame-giveaway/it-IT e in fondo a essa cliccare il pulsante "PC" per aggiudicarsi il gioco, il quale poi potrà essere scaricato e avviato dal client desktop Uplay di Ubisoft (che è gratis e deve essere preventivamente installato sul computer, qui il download) dopo aver effettuato l'accesso con il proprio account utente Ubisoft (che all'occorrenza si può creare gratuitamente da zero sul sito web).

Come detto in apertura si tratta di una promozione a tempo limitato valida dal 17 aprile alle 16:00 al 25 aprile alle 09:00 (ora locale); dunque affrettarsi per non lasciarsi sfuggire l'occasione.

LEGGI ANCHE: Siti per scaricare gratis videogiochi belli per PC legalmente

Funzioni per le quali Microsoft Edge Chromium è migliore di Google Chrome

Nonostante non sia stato ancora rilasciato in versione stabile, le release di anteprima di Microsoft Edge Chromium permette già di farsi una più che sufficiente idea di questo nuovo browser internet e delle sue potenzialità.

LEGGI ANCHE: Disponibile Microsoft Edge basato su Chromium: supporta già le estensioni Chrome

Browser web che, facendo uso del codice sorgente Chromium, può godere così di migliori prestazioni come quelle già offerte da Google Chrome e dagli altri browser internet basati su Chromium, quali Opera e Vivaldi ad esempio.

Ma rispetto a Google Chrome, alcune caratteristiche di Microsoft Edge Chromium rendono quest'ultimo migliore rispetto al concorrente e alla configurazione attuale di entrambi. A seguire vediamo alcune delle più interessanti.
Microsoft Edge Chromium pulsante per disattivare l'audio della scheda internet
1. Disattivare l'audio della scheda e non di tutto il sito
A differenza di Google Chrome, Microsoft Edge permette di disattivare soltanto l'audio della scheda corrente, e non di tutto il sito internet dalla quale essa ha origine, semplicemente facendo un clic di mouse sull'icona dell'altoparlante che compare nella barra del titolo (vedi figura in alto).

Anche Chrome nelle precedenti versioni permetteva di fare la stessa identica cosa, ma poi ha deciso diversamente costringendo l'utente a disattivare l'audio dell'intero sito web (cosa che fra l'altro anche Microsoft Edge può fare se si setta su "Enabled" la flag edge://flags/#edge-sound-content-setting).

2. Integrazione di Windows Defender SmartScreen
In Microsoft Edge è integrata la protezione del filtro Windows Defender SmartScreen da parte di siti, link e file internet pericolosi.

Il filtro SmartSreen è attivabile/disattivabile dalle impostazioni del browser portandosi in Menu > Settings > Privacy and services.

3. Servizi Google rimossi
Ovviamente Microsoft su Edge Chromium ha provveduto a rimuovere e/o disattivare svariati dei servizi di Google integrati in Chrome, che nel complesso rendono il browser più leggero (fino a quando Microsoft non li rimpiazzerà tutti con i propri servizi). Un elenco provvisorio dei servizi rimossi e/o dismessi è il seguente:
Safe browsing, Speech input, Nearby messages, Google Pay, Link Doctor, Drive API, Ad blocking, Chrome OS hardware id, User data sync, Device registration, Spellcheck, Google Maps Time zone, Suggest, Google Cloud Storage, Translate, Cloud Print, SmartLock, Google DNS, Form Fill, Supervised Profiles, Push Notifications, Address Format, WebStore, Network Location, Extension Store, Network Time, Maps Geolocation, Favicon service, Google Now, Google Cloud Messaging, Single sign-on (Gaia), Content Hash Fetcher, Flighting Service, Component Updater Service, RAPPORT service, Chrome OS monitor calibration, Chrome OS device management, Android app password sync, Offline Page Service Feedback, Domain Reliability Monitoring, Data Reduction Proxy, Chrome Cleanup, Developer Tools Remote, Debugging, iOS Promotion Service, One Google Bar Download, Brand Code Configuration Fetcher, WebRTC Logging, Captive Portal Service.

4. Estensioni esclusive
Come già visto, Microsoft Edge Chromium supporta le estensioni di Google Chrome, ovvero tutte quelle presenti sul Chrome Web Store.

Ma oltre a ciò Microsoft Edge Chromium può installare le estensioni esclusive di Microsoft Store che rispetto a quelle del Chrome Web Store sono soggette a meno restrizioni (ad esempio nello store di Google non si possono reperire estensioni che scaricano video da YouTube, mentre dallo store di Microsoft si).

L'unico neo è che i componenti aggiuntivi attualmente presenti sul Microsoft Store sono solamente circa un centinaio.

5. Supporto DRM Widevine e PlayReady
Microsoft Edge è l'unico browser basato su Chromium che supporta il le DRM Widevine di Google e le DRM PlayReady di Microsoft; quest'ultimo, su Windows 10, permette di riprodurre in 4K lo streaming dei contenuti Netflix; caratteristica della quale al momento godono solo Internet Explorer e Microsoft Edge (classico) su SO Windows.

6. Integrazione di Internet Explorer
Microsoft Edge Chromium gode dell'integrazione della modalità Internet Explorer la quale permette di ospitare in una nuova scheda una sessione del browser web Internet Explorer così da poter eseguire in Edge i siti progettati per Internet Explorer.

Al momento tale caratteristica si può abilitare settando su "Enabled" la flag edge://flags/#edge-internet-explorer-integration.

7. Supporto di Microsoft Voices
Microsoft Edge Chromium supporta (su Windows, Mac e Linux) anche le voci online di sintesi vocale di Microsoft comprese nell'API SpeechSynthesis.

Questa caratteristica può essere abilitata settando su "Enabled" la flag edge://flags/#edge-microsoft-voices.

8. Supporto per account Microsoft e Azure Active Directory
Azure Active Directory (Azure AD) è il servizio Microsoft basato sul cloud per la gestione delle identità e dell'accesso, che prossimamente verrà integrato anche in Edge Chromium per l'autenticazione e l'accesso. [Via gHacks]

LEGGI ANCHE: Come cambiare motore di ricerca in Microsoft Edge Chromium

Chrome 73 supporta i tasti multimediali della tastiera per YouTube e altri siti di video e audio su internet

Google Chrome con la versione numero 73, è il primo browser internet desktop che supporta i tasti multimediali della tastiera del computer.

Con i tasti multimediali è possibile gestire la riproduzione audio e/o video su internet direttamente dalla tastiera senza dover intervenire su i comandi del player del sito web sul quale ci si trova.

A seconda del modello della tastiera, i tasti multimediali potrebbero trovarsi o in un'area dedicata della scocca, oppure incorporati nei tasti funzione (i quali dunque andranno preventivamente attivati premendo prima il tasto "Fn").
Tastiera PC con tasti multimediali dedicati
Con Google Chrome 73 tali tasti multimediali possono così essere utilizzati per gestire la riproduzione di video e audio di siti web come YouTube e in generale di tutti quelli che supportano la Media Session API.

Più nello specifico, a partire da Google Chrome 73, con i tasti multimediali si hanno a disposizione i seguenti controlli:
  • Pausa per mettere in pausa/riprendere la riproduzione audio o video
  • Play per avviare la riproduzione
  • Stop per interrompere la riproduzione
  • Avanti per passare all'elemento multimediale successivo in una playlist
  • Indietro per passare all'ultimo elemento multimediale in una playlist
  • Volume su/giù per alzare o abbassare il volume
  • Muto per rimuovere totalmente l'audio
L'utilizzo dei tasti multimediali funziona anche in background, ovvero anche quando Google Chrome non è in primo piano, bensì ridotto a icona nella barra delle applicazioni.

LEGGI ANCHE: Chrome controllare volume delle schede e aumentarlo fino al 600%

Eliminare voci dal menu Nuovo del tasto destro del mouse e di Esplora risorse in Windows

Il menu contestuale di Windows che appare quando si fa un clic con il tasto destro del mouse su di un'area vuota, oppure su "File" nella barra dei menu dell'Esplora risorse, è provvisto della voce "Nuovo", che apre un ulteriore menu nel quale sono messe a disposizione diverse voci per aprire, ognuna, un differente tipo di file.

Ma a seconda dei programmi che si va a installare sul computer, tale menu può crescere a dismisura elencando svariate voci, molte delle quali risulteranno essere inutili per l'utilizzo che se ne deve fare di quegli applicativi.

È il caso, fra gli altri, della suite Microsoft Office (ma anche di LibreOffice), che al menu "Nuovo" inseriscono un'opzione per ogni programma compreso nella suite: Word, Excel, Access, PowerPoint, Windows Journal, Contact e via dicendo.

Dunque come fare a rimuovere tali voci dal menu "Nuovo" del menu contestuale del tasto destro del mouse e dell'Esplora risorse?

In tal senso torna utile il piccolo programma gratis ShellMenuNew di NirSoft, che non richiede installazione in quanto è un software portable. Come nell'esempio sotto in figura:
ShellMenuNew interfaccia grafica
una volta avviato ecco che nella sua interfaccia grafica elencherà tutte le voci presenti nel menu contestuale "Nuovo".

Qui non si deve fare altro che individuare e selezionare con un clic di mouse, procedendo una per volta o con una multiselezione, quelle che si desidera rimuovere, dopodiché cliccare il pulsante del pallino rosso per disabilitare tale voce/i; ripetere la stessa procedura per disattivare tutte le altre voci di proprio interesse.

Il risultato sarà visibile in tempo reale; infatti dopo aver chiuso il programma, se si va ad aprire il menu "Nuovo" ecco che si avrà modo di notare la differenza tra il prima e il dopo (come nell'esempio sotto in figura):
Menu contestuale Nuovo di Windows prima e dopo la rimozione delle voci
Ovviamente il tutto è reversibile in ogni momento. Infatti qualora si avesse necessità di mostrare nuovamente una voce nel menu "Nuovo", in ShellMenuNew la si dovrà individuare e selezionare con un clic di mouse, quindi questa volta cliccare il pulsante del pallino verde per abilitare tale voce, rendendola visibile sotto tale menu.

Compatibile con Windows: Tutte le versioni | Dimensione: 42,9 KB | Download ShellMenuNew

Per la pulizia dei menu contestuali di Windows potrebbero inoltre tornare utili queste altre guide dedicate: Come eliminare programmi dal menu Apri con del mouse su PC WindowsRimuovere voci inutili dal menu del tasto destro del mouse.

Come cambiare motore di ricerca in Microsoft Edge Chromium

Pochi giorni fa Microsoft ha rilasciato pubblicamente la versione del browser internet Microsoft Edge basato su Chromium, riscuotendo un generale interesse, forte del fatto di godere delle ricercate caratteristiche offerte da tale codice sorgente, e fra le altre cose di essere compatibile con l'intero parco estensioni di Google Chrome.

Qualora si stesse utilizzando Microsoft Edge Chromium si avrà avuto modo di notare che ovviamente il motore di ricerca settato come predefinito è Bing.

Ad ogni modo se si ha necessità di utilizzarne uno differente, è possibile cambiare il motore di ricerca con quello che più si preferisce; a seguire andiamo a vedere come procedere in tal senso.

1. Portarsi in Menu > Settings > Privacy and services > Address bar (o direttamente inviare nella barra degli indirizzi il link edge://settings/search).

Come si avrà modo di notare, sia in "Search engine used in the address bar" che in "Manage search engines" come motore di ricerca verrà mostrato soltanto Bing.

2. Dunque aprire una nuova scheda Microsoft Edge Chromium e qui portarsi sul motore ricerca di proprio interesse (ad esempio Google, DuckDuckGo, ecc).

3. Adesso tornare sulla scheda delle impostazioni di ricerca del browser (edge://settings/search) e aggiornare la pagina.
Microsoft Edge Chromium impostazioni motore ricerca
Come si avrà modo di notare, e come nell'esempio sopra in figura, ecco che il motore di ricerca web appena visitato è stato aggiunto alla lista di quelli disponibili oltre al predefinito (Bing).

Per applicare un motore di ricerca come predefinito, in "Manage search engines" fare clic sul rispettivo pulsante menu (quello dei tre pallini in orizzontale) e nel menu cotestuale cliccare l'opzione "Make default" (come nell'esempio sotto in figura):
Microsoft Edge Chromium impostazioni
NOTA: Se dopo aver visitato la pagina iniziale di Google, il motore di ricerca non viene aggiunto all'elenco di quelli disponibili, allora effettuare una ricerca in Google in maniera tale che così Microsoft Edge Chromium lo rilevi.

Tenere in considerazione che se tale metodo non dovesse funzionare per aggiungere un motore di ricerca desiderato, allora nelle impostazioni "Manage search engines" cliccare il pulsante "Add" per aggiungerlo manualmente.
Microsoft Edge Chromium impostazioni aggiungere motore ricerca
Come nell'esempio sopra in figura, si dovrà compilare il form di aggiunta "Add search engine" digitando il nome del motore di ricerca, la parola chiave (che può essere uguale al nome), e la URL di ricerca, quindi confermare cliccando il pulsante "Add".

LEGGI ANCHE: Estensioni Chrome per migliorare le ricerche su Google (che funzionano anche su Microsoft Edge Chromium).

Disponibile 1,3 Terabyte di musica di MySpace su Internet Archive

Prima che venisse superato da Facebook e Twitter, nei primi anni 2000, MySpace è stato il social network più popolare su internet, fra le altre cose utilizzato per la condivisione di musica da parte degli utenti iscritti, oltreché da parte di artisti e gruppi musicali che così facendo sono riusciti a diventare famosi ancora prima di immettere nel mercato i loro dischi.

Tutta questa musica presente su MySpace, con una recente migrazione dei server pare sia andata perduta in quanto non è prevista alcuna opzione di recupero.

Ma Internet Archive è riuscita a mettere mano a una fetta consistente dell'archivio musicale di MySpace, pubblicando e dunque mettendo a disposizione di tutti gratuitamente, ben 1,3 Terabyte (oltre 1.210 Gigabyte) di musica MySpace, una vasta collezione che conta oltre 490.000 canzoni mp3 caricate dagli utenti di MySpace tra il 2008 e il 2010.
Google Chrome mediaplayer Lostmyspace per trovare, ascoltare, scaricare 1,3 TB di musica di MySpace andata perduta
Tale collezione è raggiungibile al seguente link: https://archive.org/details/myspace_dragon_hoard_2010 ed è comprensiva di 144 archivi .zip scaricabili anche separatamente.

Il problema però è che per tutti i brani musicali della collezione non è riportata alcuna informazione circa il titolo e l'artista, dunque trovare le canzoni di proprio interesse potrebbe rivelarsi un lavoro decisamente lungo.

Per questo motivo è stato creato e messo a disposizione il lettore multimediale online Hobbit (sopra in figura), raggiungibile seguendo il link https://ia601405.us.archive.org/2/items/myspace_dragon_hoard_searcher/viewer.html, provvisto di un motore di ricerca attraverso il quale è possibile trovare i brani musicali desiderati in base al titolo o al nome dell'artista o gruppo; le canzoni trovate possono essere riprodotte direttamente su questo lettore online, e all'occorrenza scaricate facendo un clic sul relativo link di download.

A proposito di collezione disponibili su Internet Archive, consultare anche queste: Più di 1000 giochi Arcade nuovi da giocare sul browser aggiunti a Internet ArchivePiù di 2300 giochi anni 80 e 90 da giocare subito sul browser internet.

Come svuotare in automatico il Cestino di Windows

Quando al computer Windows si eliminano dei file, per impostazione predefinita questi vengono spostati nel Cestino, nel quale permangono per diverso tempo, in maniera tale che l'utente abbia ancora la possibilità di recuperarli qualora cambiasse idea, o in caso di cancellazione accidentale.

Qualora per motivi che hanno a che fare con carenza di spazio di archiviazione, riempire il cestino potrebbe essere un problema, e di conseguenza potrebbe rivelarsi frustrante doversi ricordare di svuotarlo regolarmente.

È bene sapere che all'occorrenza è possibile ridurre la quantità di memoria destinata al cestino, oppure fare in modo che i file vengano cancellati senza passare per il cestino.

Un'altra soluzione può essere quella di automatizzare lo svuotamento del cestino facendo in modo che i file in esso contenuti vengano automaticamente cancellati allo spegnimento del computer. Vediamo come procedere in tal senso.
File blocco note di Windows 10 con comando script per svuotare in automatico il Cestino
1. Sul desktop fare un clic destro di mouse su di un'area libera e nel menu contestuale cliccare Nuovo > Documento di testo.

2. Nel documento Blocco note che verrà aperto incollare il comando PowerShell.exe -NoProfile -Command Clear-RecycleBin -Confirm:$false (come nell'esempio sopra in figura).

3. Salvare il documento da File > Salva.

4. Rinominare il documento in svuotacestino.bat assicurandosi che l'estensione del file finisca con .bat e non con .bat.txt.

5. Fare un doppio clic sul file script appena creato, per testarlo. Se dopo aver eseguito lo script il cestino viene svuotato, allora significa che si è fatto correttamente il tutto.

Adesso il passo successivo è fare in modo che tale script venga eseguito automaticamente da Windows allo spegnimento del computer. In tal senso procedere come segue.
Editor criteri di gruppo locali Windows 10 percorso per selezionare uno script all'arresto del PC
1. Aprire il menu Start quindi digitare e inviare il comando gpedit.msc per aprire l'Editor dei Criteri di gruppo locali.

2. Nell'Editor dei Criteri di gruppo locali portarsi in Configurazione computer > Impostazioni di Windows > Script (Avvio/Arresto) > Arresto.

3. Nella finestra "Proprietà - arresto" che verrà visualizzata cliccare il pulsante "Aggiungi".

4. Nella finestra "Aggiunta script" che verrà visualizzata, in "Nome script" cliccare il pulsante "Sfoglia" e selezionare lo script "svuotacestino.bat" precedentemente creato; confermare cliccando i pulsanti OK, Applica e OK.

Finito. Da adesso Windows provvederà a svuotare automaticamente il cestino ad ogni spegnimento del computer. Ovviamente qualora in futuro si cambiasse idea, è possibile rimuovere lo script portandosi nuovamente nell'Editor dei Criteri di gruppo locali in Configurazione computer > Impostazioni di Windows > Script (Avvio/Arresto) > Arresto, qui selezionando lo script e infine cliccando il pulsante "Rimuovi".

Tenere anche in considerazione che il sistema operativo Windows 10 è provvisto di una impostazione che permette di svuotare automaticamente il cestino anche solo dopo un giorno.
Impostazioni Windows 10
In tal senso ci si deve portare in Impostazioni > Archiviazione > Cambia il modo in cui viene liberato lo spazio automaticamente e come nell'esempio sopra in figura, espandere il menu a discesa dell'opzione "Elimina del cestino i file presenti da più di" e qui selezionare "1 giorno" (o altro intervallo che più si preferisce).

LEGGI ANCHE: Cancellazione sicura di file e unità di memoria con Blank And Secure