Revo Uninstaller Free ora disinstalla anche le app di Windows 10 e 8

È stata recentemente rilasciata la nuova versione di Revo Uninstaller (la versione numero 2.1.0), uno fra i più noti disinstallatori in profondità di programmi dal computer Windows, con il quale è possibile individuare ed eliminare le tracce residue intuitili che normalmente rimarrebbero invece in memoria con la classica disinstallazione.

La novità più importante di questa nuova release è che la versione Revo Uninstaller Free ha guadagnato il supporto alla disinstallazione delle app di Windows 10 e 8; funzionalità in precedenza riservata solamente alla versione Revo Uninstaller Pro.

Ovvero adesso anche con la versione gratuita del programma è possibile disinstallare completamente dal PC anche le app preinstallate in Windows 10 e 8, oltreché quelle installate dal Microsoft Store.
Revo Uninstaller Free con sezione Windows Apps
Come si avrà modo di notare (e come nell'esempio sopra in figura), accanto al pulsante "Disinstallatore" (sotto al quale si trova l'elenco dei normali programmi installati) è stato aggiunto il nuovo pulsante "Windows Apps" cliccato il quale viene visualizzata la lista di tutte le app Windows installate.

Come per i programmi, anche qui non si deve fare altro che selezionare con un clic l'app di proprio interesse, dunque nella barra degli strumenti cliccare il pulsante "Disinstalla" per avviare la disinstallazione.

Procedura che anche in questo caso prevede autonomamente dapprima la creazione di un punto di ripristino di sistema, dopo la quale segue la disinstallazione dell'applicazione attraverso Windows PowerShell, e infine la scansione e la rimozione delle eventuali tracce residue rimaste in memoria.

In conclusione, con questa nuova modalità, Revo Uninstaller Free è ora più utile e funzionale di prima, anche su computer con sistema operativo Windows 8 e 10.

Compatibile con Windows: 7, 8, 10 | Dimensione: 9 MB | Download Revo Uninstaller Free

LEGGI ANCHE: Migliori software gratis per disinstallare programmi dal PC completamente

Alzare il volume di VLC oltre 125% fino a 300%

Può capitare di riprodurre su VLC una canzone o un video che ha audio basso, che non si sente abbastanza anche se il volume del lettore multimediale è stato portato al massimo.

In tal caso, qualora non si avesse modo e/o tempo di manipolare il file, con VLC è bene sapere che è possibile aumentare il volume oltre il predefinito valore limite massimo di 125%.

Difatti se vi si fa caso, portando tutto verso destra il cursore di regolazione del volume, il livello massimo raggiungibile è il 125%.

Ma agendo da un'apposita impostazione del lettore multimediale, tale livello si può modificare per poter alzare il volume fino al 300%. Vediamo come procedere.

1. Avviato VLC, nella barra dei menu cliccare Strumenti > Preferenze, e nella finestra delle "Preferenze di base" che verrà visualizzata, nell'angolo in basso a sinistra, in "Mostra le impostazioni" selezionare l'opzione "Tutto" invece che la predefinita "Semplice".
Impostazioni di VLC finestra Impostazioni Qt
2. Come nell'esempio sopra in figura, verrà così visualizzata la finestra "Preferenze avanzate" nella colonna a sinistra della quale, nel motore di ricerca interno adesso digitare il termine "qt" e subito sotto cliccare l'omonimo risultato di ricerca "Qt"per visualizzare le impostazioni "Interfaccia Qt".

3. Scorrere tali impostazioni fino a individuare la riga "Volume massimo visualizzato" e nel rispettivo campo di inserimento cancellare il valore predefinito 125 e al suo posto digitare 300 (o altro valore desiderato, inferiore); confermare cliccando il pulsante "Salva".

4. Finito. Non resta che chiudere e riavviare VLC per poter godere del nuovo livello di volume appena impostato (sotto in figura il prima e il dopo tale modifica):
Regolatore del volume VLC prima e dopo la modifica Qt
Per quanto riguarda la regolazione del volume con VLC, potrebbe tornare utile conoscere anche la funzione Compressore che nei film risolve automaticamente il problema dell'audio troppo basso nei dialoghi e troppo alto nelle scene d'azione.

Infine qualora si avesse tempo di poter manipolare il file al fine di aumentare definitivamente il volume, magari per riprodurlo su altri supporti e/o lettori multimediali, ricordo che avevamo già visto questi 3 modi per aumentare il volume dei file video se l'audio è troppo basso.

VLC 3.0.7 è la versione con più correzioni di sicurezza grazie alla Commissione Europea

VideoLAN ha recentemente rilasciato VLC 3.0.7 ovvero la nuova versione dell'omonimo lettore multimediale.

La novità più importante di questa release non è una nuova funzionalità o una nuova caratteristica, bensì le correzioni di sicurezza che la interessano: ben 33.

Quantitativo che pone VLC 3.0.7 come la versione del programma che ha ricevuto più correzioni riguardo ai problemi di sicurezza.
VLC finestra informazioni programma
Va però detto che il merito di ciò è da attribuire alla Commissione Europea grazie al programma EU-FOSSA bug bounty da essa promosso e iniziato a gennaio 2019, con il quale vengono premiati gli hacker che trovano bug critici nei software open source utilizzati dalle istituzioni dell'UE (fra i quali anche VLC per l'appunto).

Entrando più nello specifico delle correzioni, i 33 problemi di sicurezza risolti grazie al programma EU-FOSSA bug bounty, sono suddivisi in:
  • 2 problemi di alta sicurezza (solo uno era presente nelle versioni 3.0.x), una scrittura fuori limite e un overflow del buffer di stack;
  • 21 problemi di sicurezza media, letture fuori banda, overflow dell'heap, dereferenziazione NULL e problemi di sicurezza use-after-free;
  • 10 problemi di bassa sicurezza, overflow di interi, divisione per zero e altre letture fuori banda senza alcun impatto reale.
Per gli utilizzatori di questo lettore multimediale dunque non resta che aggiornare a VLC 3.0.7 per godere della versione più aggiornata e sicura, agendo da Aiuto > Controlla aggiornamenti, oppure procedendo al download dal sito ufficiale.

LEGGI ANCHE: Aprire su VLC video e audio da internet con Chrome e Firefox

Riavere la vecchia grafica di YouTube su Firefox e Chrome

YouTube Classic è un'estensione per i browser internet Mozilla Firefox e Google Chrome, con la quale è possibile ripristinare il vecchio stile grafico di YouTube.

Chi ben ricorda, la precedente grafica di YouTube era più compatta rispetto alla versione attuale, sia nella pagina iniziale del sito che in quella dei singoli video, sia per quanto riguarda i menu, sia per quanto riguarda le info e i pulsanti, commenti, video correlati e via dicendo.

L'estensione YouTube Classic è facilmente installabile su Firefox agendo dalla pagina dedicata sul Mozilla Add-ons; su Chrome invece, dato che Google l'ha rimossa dal Chrome Web Store, la si dovrà invece aricare come estensione decompressa in "Modalità sviluppatore", come meglio spiegato qui su GitHub.

Una volta installata non resta che recarsi sul sito web YouTube per verificare il cambiamento dell'interfaccia grafica, ovvero il ritorno al precedente design (come nell'esempio sotto in figura):
Vecchio look di YouTube ripristinato con l'estensione YouTube Classic
Tenere in considerazione che sulla vecchia versione non vengono omesse né funzioni, né pulsanti, né menu; cambia solo la disposizione dovuta all'effetto più compatto.

Ad ogni modo se per necessità si avesse bisogno di ripristinare l'interfaccia grafica più recente di YouTube, YouTube Classic mette a disposizione il suo pulsante nella barra delle estensioni (come nell'esempio sotto in figura):
Pulsante Mode dell'estensione YouTube Classic
cliccato il quale nel popup che compare basterà spostare su "OFF" l'interruttore "Mode" e ricaricare la pagina web per tornare alla nuova veste grafica; viceversa, spostare su "ON" l'interruttore "Mode" e ricaricare la pagina per ritornare al vecchio look di YouTube.

LEGGI ANCHE: Il Tema scuro di YouTube disponibile per tutti sul browser desktop

Come aumentare il volume del portatile Windows oltre il 100%

Rispetto i computer desktop, che possono contare sull'ausilio di casse esterne, su i computer portatili il volume audio potrebbe risultare basso nonostante tutto.

Ovvero, anche dopo aver portato il volume del portatile al 100%, l'audio riprodotto continua a essere insoddisfacente.

Prima di ricorrere a soluzioni quali l'acquisto e l'aggiunta di casse esterne e/o cuffie, si può tentare il trucco che andremo ora a vedere, per aumentare il volume del portatile oltre il 100% (metodo valido in Windows 7, 8 e 10).

1. Per prima cosa portare il volume del computer al 100% agendo dall'icona dell'altoparlante visualizzata nell'area di notifica della barra delle applicazioni di Windows.

2. Aprire il menu Start, digitare "pannello di controllo" e cliccare l'omonimo risultato per aprire la pagina del Pannello di controllo di Windows.

3. Nel Pannello di controllo portarsi in Hardware e suoni > Audio e nell'omonima finestra "Audio" che verrà visualizzata, con un clic selezionare il dispositivo predefinito "Altoparlanti" dunque cliccare il pulsante "Proprietà" per aprire la finestra "Proprietà - Altoparlanti" (sotto in figura):
Finestra Proprietà Altoparlanti di Windows
4. Nella finestra "Proprietà - Altoparlanti" portarsi nella scheda "Enhancements" (secondo screenshot da sinistra sopra in figura).

Se è selezionata l'opzione "Disable all enhancements" allora deselezionare tale casella e subito sotto spuntare la casella dell'opzione "Loudness Equalization" dunque cliccare il pulsante "Applica" e provare a riprodurre un file multimediale per constatare se il volume è effettivamente aumentato, dunque se l'audio è meglio udibile.

Se invece è già selezionata la casella dell'opzione "Loudness Equalization" allora deselezionarla e selezionare la casella dell'opzione "Disable all enhancements", quindi cliccare il pulsante "Applica";  anche in questo caso non resta che riprodurre un file multimediale per verificare l'eventuale miglioramento del volume.

Tenere in considerazione che per quanto riguarda la riproduzione di file audio e video, a questo trucco si può applicare l'incremento di volume previsto nelle impostazioni avanzate del lettore multimediale VLC (su questa pagina la guida) per portarlo fino al 300% invece che al predefinito 125%.

In questo articolo abbiamo inoltre visto ulteriori opzioni per aumentare il volume su VLC e Media Player Classic. Potrebbe inoltre tornare utile anche la guida: 3 modi per aumentare il volume dei file video se l'audio è troppo basso.

Google Chrome: mostrare l'anteprima delle schede aperte

Con la versione numero 75, fra le altre novità, il browser internet Google Chrome ha guadagnato una funzione che potrebbe tornare utile quando vi sono diverse schede internet aperte.

Più nello specifico questa nuova caratteristica una volta attivata permette di vedere l'immagine di anteprima del contenuto di una scheda aperta, semplicemente posandoci sopra il puntatore del mouse (come già accade in Microsoft Edge).

Come detto prima, ciò può tornare utile quando nella sessione di navigazione vi sono aperte più schede web, magari dello stesso dominio, così da poter individuare più rapidamente quella di proprio interesse facendo scorrere il puntatore del mouse invece che cliccarle una per una (vedi esempio sotto in figura):
Google Chrome anteprima schede internet aperte
Va detto che questa feature è una funzione sperimentale e che dunque non si trova sotto le impostazioni classiche di Google Chrome, bensì nella pagina degli esperimenti, raggiungibile inviando il comando chrome://flags nella barra degli indirizzi.
Chrome flags attivazione funzione Tab Hover Cards
Qui, come nell'esempio sopra in figura, nel campo di ricerca interno digitare i termini tab hover per visualizzare le due funzioni sperimentali "Tab Hover Cards" e "Tab Hover Cards Images".

La differenza fra le due è che la prima nell'anteprima mostrerà solo la URL del dominio della scheda in questione, mentre la seconda mostrerà l'immagine di anteprima della pagina web corrispondente alla scheda in questione, oltreché la URL.

Si può dunque optare nell'abilitarle entrambe per godere delle due funzionalità. In tal senso non si deve fare altro che espandere il menu a tendina e selezionare l'opzione "Enabled"; dunque confermare cliccando il pulsante "Relaunch Now" visualizzato in basso a destra, per riavviare Google Chrome con abilitata l'anteprima delle schede aperte.

Si ricorda che per aggiornare Chrome all'ultima versione è sufficiente portarsi in Menu > Guida > Informazioni su Google Chrome.

LEGGI ANCHE: Funzioni per le quali Microsoft Edge Chromium è migliore di Google Chrome

Facebook Container 2.0 per Firefox migliora il blocco del monitoraggio di terze parti

Facebook Container 2.0 è la nuova versione dell'addon sviluppato da Mozilla per il browser internet Firefox, lanciato per la prima volta a marzo 2018, la cui funzione è impedire a Facebook il monitoraggio dell'attività web degli utenti al di fuori del social network.

Ovvero lo scopo di tale estensione è di isolare Facebook in un contenitore separato dal resto del browser così da rendere più difficile al social network tracciare le visite dell'utente su altri siti web sfruttando i cookie traccianti di terze parti.

Da poche ore è disponibile la nuova versione di questo componente aggiuntivo, Facebook Container 2.0, che è stato ulteriormente migliorato al fine di impedire a Facebook il tracciamento dell'utente su altri siti che hanno incorporato funzionalità di Facebook come ad esempio i pulsanti "Condividi" e "Mi piace".
Icona cancelletto dell'addon Facebook Container su pulsante Facebook in Firefox
Più nello specifico, come nell'esempio sopra in figura, ci si renderà conto di tale azione di blocco da parte dell'addon in quanto sul pulsante "Condividi" e/o "Mi piace" (e/o altri eventuali funzionalità) di Facebook, incorporato in un sito web, apparirà l'icona del cancelletto, sulla quale se si posa il puntatore del mouse verrà visualizzato  il popup che appunto riporta testualmente la dicitura "Facebook Container ha disattivato questo pulsante per impedire a Facebook di tracciare la tua visita a questa pagina".

NOTA: In altri casi l'icona di blocco del cancelletto potrebbe apparire solo dopo aver posato il puntatore del mouse sul pulsante di Facebook.

Ovviamente non sarà possibile interagire con tale pulsante in quanto altrimenti verrebbe a meno la funzione di blocco del monitoraggio di Facebook da parte dell'estensione.
Icona dell'estensione Facebook Container a destra nella barra indirizzi di Firefox
Per quanto riguarda l'attività all'interno del social network, come per la precedente versione del componente aggiuntivo, si avrà la certezza che Facebook Container sta svolgendo il suo lavoro di isolamento dalle altre attività web dell'utente, in quanto a destra della barra degli indirizzi visualizzerà la parola "Facebook" di colore blu (come nell'immagine sopra).

Download Facebook Container 2.0 per Firefox

Per quanto riguarda le altre estensioni contenitore per Firefox da menzionare le già recensite: Google ContainerAmazon Container.