Comprare chiavetta USB, caratteristiche da prendere in considerazione

Caratteristiche che deve avere una buona chiavetta USB da comprare nuova

Nonostante le dimensioni sempre più compatte degli hard disk portatili, le chiavette USB restano comunque il mezzo più comodo per trasportare dati, fra l'altro costantemente sempre più capienti e performanti.

Ce ne sono di tutti i tipi, di tutte le marche e per tutte le tasche, acquistabili a prezzi vantaggiosi specialmente su internet ma talvolta anche nei negozi della propria città. Ma quando si va a comprare una nuova chiavetta USB, specialmente chi ha poca dimestichezza con questi dispositivi, prende in considerazione soltanto un aspetto, ovvero il prezzo proporzionale alla capacità.

Cosa che potrebbe andare bene se non si ha intenzione di utilizzare spesso il dispositivo; al contrario un errore da non fare se il dispositivo è destinato a un uso frequente e per la gestione di file anche di grosse dimensioni. A seguire andiamo dunque a vedere le principali caratteristiche da considerare prima di acquistare una chiavetta USB nuova.
Chiavette USB
Capacità
Per risparmiare 5, 10, 15 euro è inutile acquistare una chiavetta USB di bassa capacità (2 o 4 GB) quando invece con poco denaro in più è possibile raddoppiare se non addirittura triplicare la spazio di archiviazione disponibile (con 13-25 euro si possono acquistare chiavette da 32 e 64 GB) e che sicuramente prima o poi tornerà utile, magari per archiviare un maggiore numero di film, musica e altri file in generale senza rischiare di copiarne solo la metà perché non ci sta più niente in memoria.

Di conseguenza molto probabilmente il braccino corto in tal senso dopo qualche tempo obbligherà all'acquisto di una chiavetta USB più capiente rendendo vana la spesa precedente.

Velocità di scrittura e lettura
Queste due velocità sono un parametro fondamentale da tenere in considerazione nell'acquisto della chiavetta USB.

La velocità di lettura (Read speed) è la velocità di riproduzione dei dati contenuti nella chiavetta sul computer o altro dispositivo al quale la si è collegata. Maggiore è questa velocità migliore sarà la riproduzione dei contenuti in memoria (ad esempio di un film se la chiavetta è collegata al lettore della TV, scongiurando blocchi, saltelli e sgranature del video).

La velocità di scrittura (Write speed) è invece la velocità che impiegano i file a memorizzarsi nella chiavetta USB. Maggiore è questa velocità meno tempo impiegherà la copia o lo spostamento dei file in memoria (cosa che tornerà utile soprattutto quando si andranno a copiare grossi quantitativi di file come film, collezioni musicali, fotografie e  file grandi in generale).

Solitamente queste velocità vengono riportate nella confezione della chiavetta, sul fronte o sul retro. Se così non fosse, e la si sta acquistando fisicamente da un negozio, si possono chiedere informazioni in merito al commesso. Se la si sta comprando da internet, leggere i dettagli riportati nella descrizione dell'oggetto; se non disponibili, fare una ricerca su Google.

Personalmente non andrei sotto velocità di 30 MB/s in lettura e 10 MB/s in scrittura; anzi possibilmente sopra questi valori.

LEGGI ANCHE: Sapere velocità in scrittura e lettura della chiavetta USB con USB Flash Benchmark

Preferire lo standard USB 3.0
Lo standard USB 3.0 si sta diffondendo sempre più su computer e altri dispositivi e in futuro dovrebbe soppiantare definitivamente l'attualmente più diffuso 2.0.

Dato che lo standard USB 3.0 ha una velocità di trasferimento ben 10 volte superiore al 2.0, se è possibile sarebbe bene preferire una chiavetta USB 3.0 in quanto qualora dovesse capitare di utilizzarla su un computer o altro dispositivo dotato di porta USB 3.0 il tempo normalmente impiegato nel trasferimento dei file (dalla chiavetta USB 2.0) verrà dimezzato.

Inoltre le chiavette USB 3.0 sono retrocompatibili con USB 2.0, ovvero se collegate a una porta USB 2.0 funzionano lo stesso, anche se ovviamente non con le stesse prestazioni che darebbe un pieno collegamento USB 3.0.

LEGGI ANCHE: Come riconoscere al volo porta e chiavetta USB 2.0 e 3.0

Chiavette USB con o senza cappuccio?
Infine personalmente tendo ormai a preferire chiavette USB senza cappuccio (o tappo) in favore di quelle a scorrimento, in quanto il tappo (che serve a protegge il connettore dalla polvere) dopo qualche tempo finisce inevitabilmente perso da qualche parte lasciando completamente scoperto l'attacco della chiavetta, oltre che a dare luogo a quel senso di fastidio di aver perduto un pezzo e di vedere il dispositivo come se fosse incompleto.

LEGGI ANCHE: Comprare la scheda SD più adatta tenendo in considerazione velocità, capacità e dimensioni

10 commenti

L'ultima versione di Linux Mint l'ho installata in una chiavetta 3.0 e non sull' hard disk, approfittando degli 80 MB al secondo di lettura.
Attenzione però che non tutte sono così, un altra l'ho dovuta scartare per questo uso: anche se 3.0, non superava i 40 MB / sec. (ed aveva quasi lo stesso prezzo).

Rispondi

Verissimo, a parità di prezzo o quasi, molte chiavette hanno differenze di performance abissali, per quello è sempre bene conoscere le velocità prima di acquistarle.

Rispondi

Grazie mille per le utili info che non prendevo in considerazione,si impara sempre qualcosa da te..buon lavoro.

Rispondi

Salve a tutti,
ho saputo che certe chiavette hanno delle funzioni proprie, interne, attive, per cui queste chiavette fanno quello che vogliono loro e ci creano soltanto fastidi, intralci, complicazioni.
Dato che queste cose mi fanno avvelenare, vorrei sapere come capire se una chiavetta è del tutto "passiva". Voglio cioè chiavette che funzionino come devono funzionare: le inserisci, Windows gli assegna una lettera (per esempio G:), e noi ci facciamo quello che ci pare senza intralcio alcuno.

GF

Rispondi

Ciao, in che senso "..certe chiavette hanno delle funzioni proprie, interne, attive, per cui queste chiavette fanno quello che vogliono loro.."? Mai capitate chiavette di questo tipo. Se poi ti riferisci a certi software preinstallati di gestione che puoi trovare al loro interno (mi è capitato solo su un hard dik USB ma mai su pennine USB), se non lo vuoi basta che formatti la chiavetta e hai risolto.

Rispondi

Ho sentito alcuni utenti lamentarsi di cose che hanno trovato in certe chiavette e di cui non riuscivano a liberarsi. Mi sembra parlassero di una partizione speciale e altro ancora. Non ricordo bene.
Comunque da quello che hai detto sembra che la situazione non sia così grave.

GF

Rispondi

No, personalmente mai capitato, e di chiavette USB e hard disk esterni ne ho avuti parecchi. Ad ogni modo tutto è risolvibile o con le buone o con le cattive ;)

Rispondi

Vinnie anche se in ritardo buona Pasqua e Pasquetta. Decisamente perdo colpi sono collegata con te su FB e vango sempre qui a leggerti invece di guardare li le utlime novità. Comunque mi sono reiscritta alle tue news non so perchè non mi arrivavano piu :(
Grazie per queste info, Sono piena di chiavetta ma non per braccino corto ma perchè quando ho iniziato avevano poca capacità e poi sinceramente non avevo preso in considerazione la velocità. Ora vedrò di scaricare il programma per vedere la velocità delle mie al caso le più basse saranno quelle usate più come archivio.
Trovo interessante questo ed un altro farò richiami da me su di te come al solito. Un abbraccio dalla vecchietta ;) (schizzata d'occhio per il mom non li sento ne ancora si vedono i miei 71 :) ciaooo

Rispondi

Si ogni tanto le newsletter di Feedburner fanno i capricci; anche ame è capitato di non vedermi più recapitare news di alcuni siti e ho poi risolto come te rifacendo la sottoscrizione. La velocità è importante specialmente se si ha a che fare spesso con il trasferimento di file di grosse dimensioni e/o se si deve collegare la chiavetta al lettore DVD perché in questo caso maggiore velocità significa maggiore fluidità del video senza sbalzi, blocchi della riproduzione. A 71 anni mica si è vecchi! Se consideri che ora per andare in pensione bisogna avere 66-67 anni :) siamo tutti ragazzi ancora!

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati