Due app per sapere se il telefono Android ha il root

Due applicazioni gratis per telefoni e tablet Android per scoprire al volo se è stato fatto il root o meno.

Se su i dispositivi Apple iPhone, iPad, iPod è possibile fare il jailbreak, su i telefoni Android per sbloccarli invece si può effettuare il root.

In linea generale queste due operazioni consentono di controllare in modo più completo il sistema operativo del dispositivo con la possibilità di svolgere alcune azioni che in condizioni normali, di fabbrica, non sono consentite, ovvero superando i limiti imposti da Google (proprietario di Android) e dall'azienda produttrice del telefono. A tale proposito per ovvie ragioni i produttori possono invalidare la garanzia del dispositivo se è stato soggetto a queste pratiche, in quanto potrebbero dare luogo ad alcune problematiche non dipendenti al normale utilizzo.

Restando su i cellulari Android, giusto per citare alcune cose che si possono fare con un dispositivo al quale è stato fatto il root, è ad esempio possibile eseguire applicazioni che normalmente non funzionerebbero con la configurazione di fabbrica, effettuare il backup dell'intero sistema, disinstallare app di sistema, recuperare foto e video cancellati, cambiare i font del testo, calibrare la batteria, aumentare la velocità del processore e tanto altro ancora.

Nel caso in cui si è effettuato il root del proprio telefono o tablet Android, oppure si è acquistato un cellulare o tablet Android di seconda mano e si desidera sapere se quel dispositivo ha il root o meno e se il root è stato effettuato in modo corretto, per scoprirlo ci sono a disposizione alcuni metodi e in questo caso la via più semplice è di servirsi di apposite app specifiche per lo scopo, come le due gratuite che andremo ora a vedere.

1. Root Checker (di joeykrim)
Root Checker dello svuiluppatore joeykrim è un app gratuita (la versione Basic) di ridotte dimensioni (368 KB) semplice da usare.
Una volta scaricata e installata non resta che avviarla, toccare il pulsante "Agree" del Disclaimer per poter proseguire, dunque nella schermata successiva "Root Checker Basic" toccare il pulsante "Verify Root Access" per consentire all'applicazione di verificare se il telefono o tablet Android ha il root o se il root è stato effettuato correttamente.
Dopo qualche secondo verrà mostrato il responso da parte dell'app, che nel mio caso con la notifica di colore rosso "Sorry! This device does not have proper root access" informa che sul dispositivo non è stato effettuato il root, in quanto difatti non ho ancora provveduto in tal senso.

Invece nel caso in cui su quel cellulare o tablet è stato fatto il root, Root Checker mostrerà la notifica di colore verde "Congratulations! The device has root access!" (esempio sotto in figura):
Però se si volessero ottenere dettagli tecnici riguardo al root effettuato sul dispositivo sarà necessario acquistare la versione Pro dell'applicazione, in quanto quella Basic dice esclusivamente se quel telefono o tablet ha o meno il root.

Download Root Checker (di joeykrim)

2. Root Checker (di Free Android Tools)
Root Checker dello sviluppatore Free Android Tools è un'altra app gratuita per verificare se il dispositivo Android ha il root o no.
Una volta scaricata, installata e avviata non resta che toccare il tasto "Check" per avviare la verifica. Entro qualche secondo nella scheda "Root Info" verranno mostrate alcune informazioni riguardanti il root. Se non c'è il root, in "Root Access" e "SU" verrà mostrata la notifica "not found"; se il root c'è ma non è stato effettuato in modo corretto verrà trovato il "SU" ma non il "Root Access" che restituirà ancora la notifica "no access"; se invece il root è stato effettuato correttamente, in "Root Access" verrà mostrata la notifica "access granted".
Inoltre accedendo nella scheda "Build Info" si potranno consultare alcune informazioni tecniche riguardanti il telefono o tablet in questione, come: seriale, hardware, CPU, modello e altro ancora.

Download Root Checker (di Free Android Tools)

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati