Le foto strane di Google Street View raccolte sul sito 9-eyes.com

Google Street View, in italiano Google Visione Stradale, è la nota modalità di veduta di Google Maps e Google Earth, introdotta in entrambi i servizi già dal 2007.

Tale visione stradale è resa possibile dalle immagini catturate dalle Google Cars e dalle Google Bikes (impiegate nelle aree pedonali dove non è possibile utilizzare l’auto) sulle quali sono montate apposite fotocamere, Dodeca 2360, dotate di undici obbiettivi in grado di catturare vedute panoramiche a 360 gradi per l’asse orizzontale e 290 gradi per quello verticale.

Dal 2007 a oggi Google Street View si è largamente ampliato fotografando decine di nazioni in tutto il mondo fra le quali non manca l’Italia. Ovviamente durane tutto questo periodo e nel corso dei milioni di chilometri percorsi da tali mezzi di Google, le fotocamere hanno immortalato strade e paesaggi a iosa, ma involontariamente allo stesso tempo hanno anche catturato situazioni strane, bizzarre e talvolta sconcertanti che si presentavano al momento del passaggio delle Google Cras e Bikes.

Scatti che teoricamente chiunque può trovare su Street View, l’unico problema è sapere dove cercare, perché diversamente sarebbe umanamente impossibile individuarli nel vasto archivio fotografico di tale modalità in Google Maps e Google Earth.

Ma l’artista canadese Jon Rafman non si è fatto scoraggiare, e passando svariate ore a spulciare questo immenso archivio dati, è riuscito a scoprire svariate immagini strane su Google Street View pubblicandole sul suo sito 9-eyes.com (The Nine Eyes of Google Street View). Una lunga lista di foto curiose, affascinanti, preoccupanti e divertenti provenienti dalle strade di tutto il mondo, assolutamente da non perdere. Sotto quattro scatti di assaggio:

Foto strane Street View

Jon Rafman ha inoltre il blog 9eyes su Tumblr al quale ci si può iscrivere così da essere informati delle nuove immagini che l’artista è riuscito a scovare su Street View.

Vai al sito 9-eyes.com

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati