Prime cose da controllare e da fare su un PC che non funziona bene

Prime cose da controllare e da fare su un PC che non funziona beneDi punto in bianco potrebbe capitare che il computer inizi a funzionare stranamente e a non essere più performante come prima. Il PC in questione può essere il proprio o quello di un amico o parente che ha chiesto aiuto.

Nella maggior parte dei casi, se si è fortunati, quando a chiedere soccorso è un amico o un parente il malfunzionamento è dovuto a un virus o a qualche driver mancante “scomparso d’improvviso”, oppure a qualche impostazione stranamente modificata non si sa come, non si quando, ne da chi.

In altri casi il problema invece può essere più serio e dovuto da più fattori. In generale quando c’è da controllare un computer che non funziona bene ci sono specifiche cose da verificare e da fare per individuare e risolvere il problema, sia esso banale o grave. Vediamo come procedere.

1. In primis si deve fare la scansione del computer con l’antivirus per verificare se il sistema è stato infettato da qualche malware. Soprattutto se sul PC è installato un antivirus poco efficiente o magari scaduto e/o non aggiornato. Per fare tale controllo si devono usare validi software per la sicurezza come ad esempio questi quattro programmi gratis per trovare ed eliminare virus dal computer.

Verificare la presenza o meno di virus sul PC è il compito più lungo e più noioso, ma è un’operazione assolutamente dovuta e di primaria importanza. Al termine è conveniente disinstallare l’antivirus inefficiente e installarne invece uno buono scegliendo fra quelli ormai qualitativamente noti e gratuiti che abbiamo visto in questo articolo, oppure se si intende spendere qualcosina optare magari per Kaspersky che al momento è il miglior antivirus in circolazione.

2. Nel mentre che è incorso la scansione antivirus si può iniziare a dare una controllatina generale a più settori del sistema. Ad esempio verificare l’hardware principale e vedere se c’è qualcosa che non va. Per farlo su Windows XP, bisogna entrare in Pannello di controllo-Sistema-Hardware-Gestione Periferiche, su Windows Vista e 7 invece si deve andare in Pannello di controllo-Hardware e suoni-Gestione dispositivi.

In entrambi i casi verrà mostrato l’elenco dell’hardware del computer (esempio sotto in figura):

Gestione periferiche - Gestione hardware

e se qualcosa non va, accanto al nome della componente in questione verrà visualizzato un simbolo di avviso di colore giallo. In questo caso molto probabilmente il problema è dovuto al driver della componente che va reinstallato (tramite CD del sistema operativo o il CD del prodotto ad della stampante), oppure aggiornato. Per rilevare, verificare ed effettuare in automatico la disponibilità di aggiornamenti dei driver del PC, in questo articolo abbiamo visto come fare.

3. Si può poi controllare la presenza o meno di troppi programmi che si avviano automaticamente con Windows quando si accende il PC, che sé in numero eccessivo possono causare un rallentamento del sistema in fase di avvio ma anche rubare risorse e memoria utile durante l’utilizzo quotidiano del computer. In questo articolo abbiamo visto come usare il programma gratis WhatInStartup che serve a scoprire le applicazioni che si avviano con Windows e a bloccare quelle inutili.

4. Vanno poi eseguiti alcuni controlli dell’hard disk per vedere se il disco fisso dove c’è installato il sistema operativo presenta o meno problemi.

Spazio disponibile sull’hard disk Prima di tutto verificare se c’è spazio disponibile a sufficienza entrando in Risorse del computer, cliccando l’icona del hard disk con il tasto destro del mouse e dal menu la voce Proprietà:

Proprietà Disco locale C:

se la memoria disponibile è agli sgoccioli, il computer inizierà a rallentare, andare a scatti oppure potrebbe direttamente bloccarsi del tutto. In questo caso si deve liberare lo spazio sul disco eliminando tutti i file inutili, disinstallando programmi inutili, spostare su memorie USB e/o masterizzare e successivamente eliminare audio, video e file dal disco.

Temperatura dell’hard disk – Un computer mal ventilato, soprattutto in estate ma anche nel caso in cui venisse incassato in qualche angolo della stanza senza sufficiente aereazione, potrebbe provocare il surriscaldamento del disco fisso fino a causare rallentamenti, sbalzi, blocco o nei casi più gravi fusione, ovvero l’hard disk si brucia.

Per sapere la temperatura del disco fisso è possibile adoperare appositi programmi gratis come ad esempio DiskAlarm e RealTempGT. In questo articolo abbiamo invece visto come areare bene il computer nei mesi più caldi dell’anno.

Salute dell’hard disk – Verificare la salute del disco fisso è un’altra importante operazione. Un hard disk problematico si ripercuoterà negativamente sul normale funzionamento del computer. Inoltre sapere come sta l’hard disk è importante per prevenire in tempo la perdita di file e dati importanti.

Per conoscere lo stato di salute del disco fisso si possono ad esempio adoperare i due software freeware HDD Health e CrystallDiskInfo.

Riparare l’hard disk – Se malauguratamente venisse rilevata qualche problematica, se non è troppo grave si può tentare di riparare l’hard disk del PC usando ad esempio questi programmi gratis.

5. Un’altra importante operazione da effettuare, anche se lunga ma a differenza della scansione antivirus la si può lasciare per ultima, è la deframmentazione del disco che in poche parole serve ad ordinare a dovere e correttamente nell’hard disk tutti i file, i programmi e in generale tutti i dati e le risorse del sistema operativo in modo tale da poterle reperire più velocemente, quindi utile per guadagnare in termini di velocità e prestazioni.

6. Se tutte queste operazioni non hanno prodotto l’effetto sperato e il sistema operativo risulta essere danneggiato un po’ più seriamente del previsto, prima di buttarsi nella formattazione si può tentare il Ripristino configurazione di sistema (da Start-Accessori) a una data precedente nella quale ci si ricorda che il computer funzionava bene. Se il ripristino non ha funzionato e si utilizza XP, come spiegato in questa guida si può invece tentare con il ripristino dell’installazione che ripara e riscrive tutti i file di sistema senza disinstallare alcun programma o file dall’hard disk.

7. Infine per problemi generici che interessano il computer come internet, software, hardware e varie, consultare la categoria Kit di riparazione raggiungibile a questo indirizzo, nella quale sono raccolte svariate risorse gratis per fare riparazioni al computer.

2 commenti

Mi spieghi elementarmente come si fà da Chrome a Mozilla? Stò impazzendo ma eseguendo al contrario l'operazione non mi appaiono i preferiti su questo ultimo Firefox Mozilla. Grazie !!

Rispondi

Ciao enzopezzullo ho aggiunto la procedura inversa all'articolo.

Rispondi

Posta un commento

I commenti verranno moderati prima di essere pubblicati