Chat non intercettabili su WhatsApp con la crittografia end-to-end

Con la crittografia end-to-end adesso le chat di WhatsApp non possono più essere intercettate e decifrate

La crittografia end-to-end su WhatsApp da ieri 5 Aprile è ora disponibile per tutti gli utenti che fanno uso dell’applicazione.

Che a influire maggiormente sia stato il caso di Apple contro le FBI dove la prima si è rifiutata di fornire alla seconda le chiavi per decriptare il contenuto dell’iPhone di un terrorista, non c’è dubbio.

E così quelli di WhatsApp si sono portati avanti abilitando la crittografia di tipo end-to-end grazie alla quale adesso tutti i messaggi delle chat di testo e/o foto e/o video e/o audio e/o chiamate non possono essere più intercettati e/o recuperati da nessuno sia esso uno spione, malintenzionato, organo governativo o chiunque altro, compresi gli stessi tecnici di WhatsApp che ora possono accedere ai server dell’applicazione e recuperare soltanto informazioni circa la data, l’ora e gli utenti delle conversazioni, ma non il contenuto dei messaggi delle chat in quanto appunto non possiedono più le chiavi di decifrazione.

LEGGI ANCHE: Cose da sapere e limiti sulla crittografia end-to-end di WhatsApp

Contenuto che infatti soltanto il mittente e il destinatario sono in grado di vedere in chiaro in quanto appunto protetto da crittografia end-to-end la quale fa si che in modo del tutto automatico il contenuto del messaggio venga criptato prima dell’invio da parte del mittente e tale transiti in rete e venga consegnato al destinatario, sul cellulare del quale verrà poi decifrato e visualizzato in chiaro sempre automaticamente.

Dunque se da ieri sopra il campo di immissione testo di una chat vi compare la notifica gialla “I messaggi che invii in questa chat e le chiamate sono ora protetti con la crittografia end-to-end” (sotto in figura):
WhatsApp notifica chat crittografata
significa che tale conversazione (sia essa di testo e/o foto e/o video e/o audio e/o chiamata vocale) con quel contatto non è intercettabile da nessuno. Ciò si può inoltre verificare toccando nella chat con quell’utente il tasto Menu > Mostra contatto e nella scheda informativa che verrà visualizzata, nel campo “Crittografia” verrà visualizzata la notifica “I messaggi che invii in questa chat e le chiamate sono protetti con la crittografia end-to-end” (sotto in figura):
WhatsApp chat crittografata
Se invece tale notifica non compare significa che la conversazione non è protetta da crittografia end-to-end e ciò, come appena visto, lo si può verificare immediatamente toccando nella chat il tasto Menu > Mostra contatto e nella scheda informativa che verrà visualizzata, nel campo “Crittografia” verrà visualizzata la notifica “I messaggi che invii in questa chat e le chiamate non sono crittografati end-to-end” (sotto in figura):
WhatsApp chat non crittografata
La causa è dovuta al fatto che il mittente e/o il destinatario sta usando una versione non aggiornata di WhatsApp; dunque per godere delle crittografia end-to-end è prima necessario aggiornare l’applicazione all’ultima versione disponibile.

Lo stesso discorso vale anche nelle chat di gruppo dove la crittografia end-to-end non viene applicata anche se soltanto uno degli utenti partecipanti sta usando una versione non aggiornata di WhatsApp.

In tal caso dunque avvisare l’utente di aggiornare l’applicazione in maniera tale che le conversazioni possano godere di tale protezione.

LEGGI ANCHE: WhatsApp trucchi e funzioni da conoscere per usarlo al meglio



Lascia un commento