Windows 7 riceverà aggiornamenti dopo gennaio 2020 con 0patch

Con 0patch di Acros Security, Windows 7 continuerà a ricevere aggiornamenti di sicurezza anche dopo il 14 gennaio 2020 al termine del supporto ufficiale di Microsoft

Pubblicità

Il prossimo 14 gennaio 2020 Microsoft staccherà la spina a Windows 7, ovvero in tale data avrà luogo la fine del supporto del sistema operativo, il che significa che Windows 7 non riceverà più gli aggiornamenti e patch di sicurezza divenendo a tutti gli effetti obsoleto.

Dopo questa data la maggior parte di aziende e privati non sarà in grado di estendere ufficialmente il supporto.

LEGGI ANCHE: Prezzi per tenere aggiornato Windows 7 dopo gennaio 2020, fino a 350$ per PC

Con un post sul blogAcros Security ha annunciato che dopo il 14 gennaio 2020, dunque dopo l'ultima patch ufficiale di Microsoft, attraverso 0patch continuerà a rilasciare aggiornamenti della sicurezza per Windows 7 e Windows Server 2008.
Schermata login Windows 7 con dicitura messo in sicurezza da 0patch
0patch è una nota piattaforma attraverso la quale vengono distribuiti e applicati istantaneamente, talvolta anche prima delle correzioni ufficiali, aggiornamenti di sicurezza per il sistema operativo Windows e per altri software, fra i quali ad esempio OpenOffice, LibreOffice, 7-Zip, WinRAR, Adobe Reader, Java e via dicendo.

Nello specifico di Windows 7, attraverso 0patch, Acros Security ricaverà e distribuirà gli aggiornamenti di sicurezza seguendo questo processo:
  • Ogni martedì gli ingegneri revisioneranno ed esamineranno gli avvisi di sicurezza di Microsoft per determinare quali delle vulnerabilità che hanno risolto per le versioni di Windows ancora supportate potrebbero essere applicabili a Windows 7 o Windows Server 2008, e che presentano un rischio sufficientemente elevato da giustificare lo sviluppo dell patch di sicurezza correttiva.
  • Per le vulnerabilità identificate come ad alto rischio di sicurezza, verranno esaminati gli aggiornamenti di Windows rilasciati per le versioni di Windows supportate (ad esempio Windows 10) al fine di verificare se il codice vulnerabile che è stato rilevato e corretto da Microsoft in Windows 10 è effettivamente presente anche su Windows 7 o su Windows Server 2008.
  • Se tale codice vulnerabile di cui si è assodata la presenza in Windows 7 o Windows Server 2008 è ad alto rischio di sicurezza, allora gli ingegneri di 0patch svilupperanno una serie di micropatch correttive, e una volta passati i test, verranno infine distribuite sulla piattaforma 0patch (che va installata sul PC Windows) pronte per essere applicate per aggiornare il sistema operativo mettendolo al sicuro da tali vulnerabilità.
In via generale gli aggiornamenti di sicurezza di 0patch potranno essere installati solamente dagli utenti Windows 7 che hanno acquistato la versione Professional o Enterprise della piattaforma (la versione Pro costa 25,95 dollari all'anno); ma le patch che riguarderanno le vulnerabilità di sicurezza più gravi verranno rilasciate liberamente anche per tutti gli utenti che utilizzano la versione Free di 0patch.

Compatibile con: Windows | Download 0patch

LEGGI ANCHE: Come aggiornare gratis a Windows 10 nel 2019 da Windows 7 e 8.1


Pubblicità

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore del blog