Passa ai contenuti principali

Disattivare l'accesso automatico a Chrome quando si fa il login a un servizio Google (trucco da registro di sistema)

Disattivare il login automatico a Chrome quando si accede a un servizio Google. Metodo più efficace dal Registro di sistema di Windows
Chrome 69 è dotato di una caratteristica la quale fa si che quando si effettua il login a un qualsiasi servizio di Google (es. Gmail), l'accesso con quell'account utente al contempo viene automaticamente eseguito anche sullo stesso browser.

Feature che è stata criticata per il fatto che l'accesso a Chrome deve essere effettuato a sola discrezione dell'utente a prescindere dal login ai servizi Google; oltre ciò questo accesso forzato potrebbe in qualche modo dare noie a livello di privacy e sincronizzazioni non volute (anche se Google ha smentito ciò).

Se in questa guida dedicata abbiamo visto come disattivare tale caratteristica intervenendo sull'apposita flag dalla pagina degli esperimenti di Chrome, a seguire andremo a vedere un secondo metodo per il quale si deve intervenire dal registro di sistema, che disabilita questa funzione in modo definitivo (ma reversibile in ogni momento all'occorrenza) anche se il primo metodo smettesse di funzionare (come in Chrome 71).

AGGIORNAMENTO DEL 18/10/2018: In Chrome 70 è stata introdotta l'opzione per disattivare l'accesso forzato a Chrome quando si fa il login a un servizio Google qualsiasi.

1. Aprire il menu Start, digitare la parola regedit e cliccare l'omonimo risultato di ricerca che verrà mostrato per aprire l'Editor del Registro di sistema.
Editor del Registro di sistema Windows valori creati sotto la chiave Chrome
2. Nell'Editor del Registro di sistema, agendo dal menu a colonna del pannello a sinistra delle finestra, portarsi in HKEY_CURRENT_USER\Software\Policies\Google\Chrome. Qualora sotto "Policies" non fosse presente la chiave "Google" allora seguire i passaggi 3 e 4; se invece è disponibile andare direttamente al passaggio 5.

3. Fare un clic destro di mouse sulla chiave "Polices", nel menu contestuale cliccare Nuovo > Chiave e rinominare la chiave in Google.

4. Fare un clic destro di mouse sulla chiave "Google" appena creata, nel menu contestuale cliccare Nuovo > Chiave e rinominare la chiave in Chrome.

5. Con un clic selezionare la chiave "Chrome" appena creata, spostarsi nel pannello a destra, qui fare un clic destro di mouse su di un'area vuota e nel menu contestuale cliccare Nuovo > Valore DWORD (32 bit).

6. Rinominare il nuovo valore in SyncDisabled.

7. Fare un doppio clic di mouse sul valore "SyncDisabled" per aprire la rispettiva finestra di modifica, e qui nel campo "Dati valore" cancellare lo zero e rimpiazzarlo con 1; confermare cliccando OK.

8. Nel pannello a destra fare un clic destro di mouse su di un'area vuota e nel menu contestuale cliccare Nuovo > Valore stringa.

9. Rinominare il nuovo valore in RestrictSigninToPattern.

10. Fare un doppio clic di mouse sul valore "RestrictSigninToPattern" per aprire la rispettiva finestra di modifica, e qui nel campo "Dati valore" digitare il valore .*@example.com e confermare cliccando OK.

11. Chiudere l'Editor del Registro di sistema.

12. Riavviare Chrome digitando e inviando il comando chrome://restart nella barra degli indirizzi internet.
Chrome 69 differenze tra i menu icona profilo account utente
Come si avrà modo di notare, adesso anche se si è effettuato l'accesso a un servizio Google, l'icona dell'account utente posta a destra della barra degli indirizzi internet non visualizzerà più la foto del profilo utente (come invece accade seguendo il primo metodo), e facendoci sopra un clic destro di mouse si potranno constatare le differenze anche a livello di menu contestuale, dove nel secondo metodo è riportato più chiaramente "Accesso non eseguito" (a Chrome) e "Sincronizzazione disattivata".

Ovviamente il tutto è reversibile in ogni momento cancellando dal registro di sistema i due valori "SyncDisabled" e "RestrictSigninToPattern" creati sotto la chiave "Chrome".

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…

Scaricare video da ogni sito internet – Migliori programmi gratis per farlo

Scaricare video da internet è un’operazione ormai comune a tutti. La maggior parte degli utenti ha imparato bene come fare il download dei filmatidalla rete.

Ma la tendenza per la stragrande maggioranza degli utenti è quella di scaricare video sempre dagli stessi siti, tendenza in parte dovuta alla loro popolarità, al tanto materiale disponibile e alle varie risorse gratis sviluppate appositamente per fare il download da quei siti.

Però bisogna ricordare che oltre ai soliti noti, internet brulica di tanti altri portali video ricchi di contenuti di vario tipo e genere. L’unico problema potrebbe essere quello di non sapere come fare a scaricare i video nel PC anche da questi siti, magari perché non esistono estensioni dedicate o software appositi.

A tale proposito sotto a seguire andiamo dunque a vedere una lista dei migliori programmi gratis per scaricare video praticamente da ogni sito internet, anche da quelli dove normalmente è impossibile farlo.

1. aTube Catcher
Ne avevamo parlato de…

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…