Passa ai contenuti principali

Windows 10: cose da fare quando si connette il PC all'hotspot WiFi del cellulare per risparmiare dati

Cose da fare per risparmiare dati del cellulare quando usato come hotspot WiFi per dare connessione internet al computer Windows 10
Qualora con Windows 10 per navigare su internet si decidesse di connettere il computer all'hotspot WiFi del cellulare, al fine di evitare di esaurire velocemente e inutilmente il traffico dati mobili di quest'ultimo, è necessario cambiare alcune impostazioni al PC.

LEGGI ANCHE: Huawei come creare hotspot WiFi con il cellulare per condividere la connessione internet

Diversamente, tra aggiornamenti del sistema operativo, driver, applicazioni, programmi installati e contenuti dei siti internet, i dati per la navigazione web disponibili sullo smartphone potrebbero esaurirsi in poco tempo. A seguire vediamo dunque le cose da fare per evitare ciò su Windows 10.

1. Connessione a consumo
Subito dopo aver connesso il computer all'hotspot WiFi del cellulare, la prima cosa da fare è indicare a Windows 10 che la rete internet in questione non è una ADSL bensì a consumo; in questo modo Windows 10 eviterà di scaricare gli aggiornamenti di sistema, driver, e applicazioni di sistema.

Per attivarsi in tal senso portarsi in Impostazioni > Rete e Internet > Wi-Fi cliccare il nome della propria rete WiFi e come nell'esempio sotto in figura:
Impostazioni Connessione a consumo Windows 10
nella schermata che a seguire verrà visualizzata, scorrere fino a individuare la sezione "Connessione a consumo" e spostare su "Attivato" l'interruttore dell'opzione "Imposta come connessione a consumo".

2. Navigare su internet con la compressione dati
Sotto una connessione a consumo è importante navigare su internet usando la compressione dei dati dei siti web visitati, proprio per evitare rapidi e inutili dispendi di traffico mobile.

In tal senso si presta bene il browser web Google Chrome con installata l'apposita estensione Risparmio dati (Data Sever), che su i server di Google comprime i dati delle pagine web visitate restituendole all'utente alleggerite al fine del risparmio.
Report estensione Risparmio dati per Google Chrome
Stessa cosa la fa il browser internet Opera attivando la funzione Opera Turbo la quale, su i server di Opera, provvederà a comprimere i dati dei siti e pagine internet visitati, fornendoli all'utente in una versione più leggera e dunque meno onerosa in termini di consumo di traffico.

Tenere però in considerazione che sia su Chrome che su Opera, il risparmio dati ha luogo soltanto sulle pagine e siti web con protocollo HTTP ma non con protocollo di crittografia HTTPS; inoltre il risparmio dati non funziona se si sta navigando in modalità incognito.

3. Altri interventi
Partendo dal presupposto che indicando a Windows 10 di stare utilizzando una connessione a consumo, in automatico dovrebbe impedire gli aggiornamenti di sistema, driver e di altre applicazioni Microsoft e di sistema, la prudenza non è mai troppa, dunque si potrebbe prendere in considerazione di disattivare anche le applicazioni in background e gli aggiornamenti delle app scaricate dal Microsoft Store.

Per disattivare gli update delle applicazioni scaricate dal Microsoft Store, avviare Microsoft Store e come nell'esempio sotto in figura:
Microsoft Store Impostazioni per disattivare aggiornamento app automatico
nella barra dei menu toccare il tasto "Menu" (quello dei tre pallini in orizzontatale), nel menu a tendina che verrà visualizzato cliccare la voce "Impostazioni", e infine nella schermata delle impostazioni del Microsoft Store spostare su "Disattivato" l'interruttore dell'opzione "Aggiorna le app automaticamente".

Invece per disattivare gli aggiornamenti delle app in background, portarsi in Start > Impostazioni > Privacy > App in background e qui come nell'esempio sotto in figura:
Windows 10 Impostazioni per disattivare app in background
spostare su "Disattivato" l'interruttore dell'opzione "Consenti l'esecuzione delle app in background".

Infine, qualora sul cellulare si avesse a disposizione abbastanza dati internet, dunque eccetto gli aggiornamenti di sistema, le altre impostazioni del PC qui viste possono restare come da configurazione di default, allora su Windows 10 si potrebbe prendere in considerazione di sospendere o rimandare gli aggiornamenti servendosi dell'apposita opzione avanzata dedicata.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Windows 10 October 2018 Update risolto il problema che cancellava i file con l'aggiornamento

Lo scorso 5 ottobre Microsoft ha interrotto la distribuzione di Windows 10 October 2018 Update iniziata ufficialmente tre giorni prima, in quanto dopo l'aggiornamento su alcuni computer (solo sullo 0.001% delle installazioni) venivano cancellati file personali contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download ecc.

Ma ieri con un post sul blog ufficiale di Windows è stato annunciato che gli ingeneri hanno identificato e risolto tutti i problemi noti che portavano a tale perdita di dati con l'upgrade a Windows 10 versione 1809.

Qual'è stata la causa del problema? La perdita dei dati ha interessato i file contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download e via dicendo, reindirizzate in un percorso di destinazione diverso da quello predefinito (es. C\Users\NomeUtente\Documents); soluzione che alcuni adottano per risparmiare spazio sul disco di sistema archiviando, con il reindirizzamento delle cartelle, tali file su altre unità di memori…

Vedere il consumo elettrico dei programmi nel Task Manager di Windows 10

A partire dall'aggiornamento October 2018 Update, il Task Manager di Windows 10 ora mostra il consumo elettrico da parte dei programmi in esecuzione.

In questo modo è possibile individuare rapidamente i processi degli applicativi che incidono maggiormente a livello energetico quando il computer portatile è alimentato dalla solo batteria, e in base a tali informazioni decidere se terminare o meno i programmi più dispendiosi in questo senso, soprattutto se sono in esecuzione in background.

Per prima cosa è necessario aprire il Task Manager facendo un clic destro sulla barra delle applicazioni e qui nel menu contestuale cliccando la voce "Gestione attività"; oppure ci si può servire direttamente della combinazione dei tre tasti Ctrl+Shift+Esc.

LEGGI ANCHE: Cosa si può fare con il Task Manager di Windows 10

Qualora il Task Manager venisse eseguito in un piccola finestra, allora qui nell'angolo in basso a sinistra cliccare il link "Più dettagli" per visualizzare…