Passa ai contenuti principali

Sapere se i propri dati Facebook sono stati venduti a Cambridge Analytica

Come scoprire se le proprie informazioni Facebook fanno parte di quelle vendute a Cambridge Analytica nell'omonimo scandalo
This is your digital life è il nome dell'app Facebook dal quale ha avuto origine l'attuale scandalo Cambridge Analytica.

Più nello specifico "This Is Your Digital Life" era un'applicazione di tipologia quiz sulla personalità, che è stata installata da circa 270.000 utenti Facebook.

Il problema però è che tale app non ha ottenuto soltanto i dati di questi utenti effettivi utilizzatori. Bensì, grazie alla più che discutibile politica sulla privacy del social network (che permette di condividere in automatico, con le app installate da un utente, le informazioni degli amici, e degli amici degli amici di quest'utlimo) dalla cifra iniziale di 270.000 persone, la raccolta dati si è allargata a macchia d'olio accaparrandosi così i dati e le informazioni di ben oltre 87 milioni di utenti Facebook.

LEGGI ANCHE: Ridurre i dati personali inviati a Facebook per più privacy

Tali dati poi sono stati poi venduti e dunque ceduti all'ormai popolare società di consulenza Cambridge Analytica, che li ha impiegati per la campagna elettore dell'attuale presidente USA, Donald Trump.

Di questi 87 milioni di utenti, stando alle analisi fin'ora effettuate, oltre 200 mila sono italiani, coinvolti direttamente o indirettamente per aver utilizzato l'app This Is Your Digital Life, oppure perché amici o amici di amici di qualcuno che l'ha usata.

A tale proposito, qualora si volesse sapere se il proprio profilo Facebook e annesse informazioni sono state cedute a Cambridge Analytica, oggi è possibile farlo con un'apposita pagina dedicata messa a disposizione da Facebook stesso.

Più nello specifico, dopo aver effettuato l'accesso a Facebook, non si deve fare altro che portarsi sulla pagina https://www.facebook.com/help/1873665312923476.
Facebook test per sapere se i propri dati sono stati condivisi con Cambridge Analytica
Se come nell'esempio sopra in figura, nella sezione "Le mie informazioni sono state condivise?" viene riportata la dicitura "In base ai dati a nostra disposizione, né tu né o tuoi amici avete effettuato l'accesso a This Is Your Digital Life. Di conseguenza, non ci risulta che le tue informazioni di Facebook siano state condivise con Cambridge Analytica tramite This Is Your Digital Life" allora significa che non si è stati interessati dallo scandalo, dunque i propri dati e informazioni del profilo e dell'account non sono state cedute Cambridge Analytica.

Per chi se lo avesse perso, consiglio la visione del video "Facebook e Cambridge Analytica: cosa è davvero successo" di Marco Montemagno.

LEGGI ANCHE: Come disattivare o eliminare l'account Facebook

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…