Passa ai contenuti principali

DNS 1.1.1.1 per navigare veloce, con più privacy e sicurezza su internet

Navigare su internet più veloce, con più sicurezza e privacy con i DNS 1.1.1.1 e 1.0.0.1 di CloudFlare
DNS è il sistema che traduce in automatico in indirizzi IP i nomi di dominio digitati dall'utente, in maniera tale che i computer possano comunicare tra loro.

Per impostazione predefinita alla connessione internet vengono automaticamente applicati i DNS del fornitore del servizio, l'ISP, cosicché si possa subito navigare su i siti web e in generale comunicare con gli altri computer del world wide web.

Il fatto però è che i DNS forniti automaticamente dall'ISP la maggior parte delle volte sono poco performanti in termini di velocità in navigazione internet, oltreché essere parecchio carenti dal punto di vista della privacy e della sicurezza.

Difatti se si utilizzano tali DNS, l'ISP può vedere tutta l'intera lista dei siti internet visitati dall'utente, ovvero la sua cronologia di navigazione.

LEGGI ANCHE: Come impedire all'ISP di vedere cronologia e attività internet

Inoltre i DNS forniti dall'ISP potrebbero non essere provvisti della crittografia, dunque potenzialmente i dati di navigazione internet che passano attraverso tali DNS sono a rischio di attacchi informatici del tipo man in the middle.

Per tale motivo ai DNS predefiniti dall'ISP è bene preferire e applicare per la propria connessione internet, DNS più performanti e sicuri come ad esempio quelli di Google, Yandex, Cisco, Quad9 e via dicendo.

Da qualche giorno sono inoltre disponibili i due nuovi DNS 1.1.1.1 e 1.0.0.1 lanciati pubblicamente dal noto provider americano CloudFlare.

Tali DNS, come annunciato dalla stessa CloudFlare, rispondo alle mancanze dei DNS forniti dall'ISP, ovvero: velocità, privacy e sicurezza.

Velocità
I DNS di CloudFlare di fatti sono attualmente fra i più veloci disponibili, anche più performanti di quelli di Google come si può vedere dai risultati dei test effettuati con DNS Jumper (sotto in figura):
DNS più veloci test DNS Jumper
Tenere in considerazione che, a seconda della propria posizione, i risultati ottenuti potrebbero differire da quelli qui sopra riportati.

LEGGI ANCHE: Trovare e applicare il server DNS più veloce con DNS Jumper

Privacy
Per quanto riguarda la privacy, CloudFlare dichiara che non scrive mai l'indirizzo IP del sistema di interrogazione su disco e che cancella tutti i registri entro 24 ore.

Inoltre la società ha incaricato la società KPMG di revisionare annualmente il codice sorgente e le pratiche del servizio, e di rilasciare pubblicamente il rapporto dei risultati ottenuti.

Sicurezza
A livello di sicurezza i server DNS ClouFlare supportano i protocolli DNS-over-TLS e DNS-over-HTTPS (fin'ora unica prerogativa dei DNS di Google): il primo aggiunge al protocollo DNS esistente la crittografia del livello di trasporto; il secondo provveda ad aumentare la privacy e la sicurezza proteggendo i dati DNS da intercettazioni e attacchi di tipo man-in-the-middle, oltreché comprendere tutti i miglioramenti moderni come il sostegno ad altri livelli di trasporto (come QUIC) e le nuove tecnologie come server HTTP/2 Server Push.

Come applicare i server DNS CloudFlare
Per applicare i server DNS di CloudFlare alla propria connessione internet (Ethernet o WiFi), su Windows portarsi in Pannello di controllo > Rete e Internet > Centro connessioni di rete e condivisione e qui fare un clic di mouse sul nome della rete alla quale si è connessi per aprire la rispettiva finestra di "Stato" nella quale come nell'esempio sotto in figura:
si deve clicccare il pulsante "Proprietà" per aprire la finestra delle proprietà della connessione; qui nel riquadro "La connessione utilizza gli elementi seguenti" scorrere la lista, individuare e selezionare la voce "Protocollo Internet versione 4 (TCP/IPv4)", cliccare il pulsante "Proprietà" per aprire la finestra delle proprietà del protocollo IPv4, qui nella scheda "Generale" spuntare l'opzione "Utilizza i seguenti indirizzi server DNS" e come "Server DNS preferito" digitare 1.1.1.1 invece come "Server DNS alternativo" digitare 1.0.0.1 e confermare cliccando i pulsanti OK.

LEGGI ANCHE: Cambiare DNS su Android e iOS

Finito. Da questo momento in poi la connessione internet farà uso del resolver DNS di CloudFlare godendo quindi dei conseguenti vantaggi, ovveri di maggiore velocità, privacy e sicurezza.

Commenti

  1. Articolo molto interessante. Viaggio dsa sempre sotto OpenDNS e mi sono sempre trovato ottimamente. Che dici... Switcho su Cloud Flare? Consigli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In termini di velocità e sicurezza pare sia superiore. Provare non fa male. Io è da una settimana che utilizzo questi DNS con soddisfazione.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Windows 10 October 2018 Update risolto il problema che cancellava i file con l'aggiornamento

Lo scorso 5 ottobre Microsoft ha interrotto la distribuzione di Windows 10 October 2018 Update iniziata ufficialmente tre giorni prima, in quanto dopo l'aggiornamento su alcuni computer (solo sullo 0.001% delle installazioni) venivano cancellati file personali contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download ecc.

Ma ieri con un post sul blog ufficiale di Windows è stato annunciato che gli ingeneri hanno identificato e risolto tutti i problemi noti che portavano a tale perdita di dati con l'upgrade a Windows 10 versione 1809.

Qual'è stata la causa del problema? La perdita dei dati ha interessato i file contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download e via dicendo, reindirizzate in un percorso di destinazione diverso da quello predefinito (es. C\Users\NomeUtente\Documents); soluzione che alcuni adottano per risparmiare spazio sul disco di sistema archiviando, con il reindirizzamento delle cartelle, tali file su altre unità di memori…

Vedere il consumo elettrico dei programmi nel Task Manager di Windows 10

A partire dall'aggiornamento October 2018 Update, il Task Manager di Windows 10 ora mostra il consumo elettrico da parte dei programmi in esecuzione.

In questo modo è possibile individuare rapidamente i processi degli applicativi che incidono maggiormente a livello energetico quando il computer portatile è alimentato dalla solo batteria, e in base a tali informazioni decidere se terminare o meno i programmi più dispendiosi in questo senso, soprattutto se sono in esecuzione in background.

Per prima cosa è necessario aprire il Task Manager facendo un clic destro sulla barra delle applicazioni e qui nel menu contestuale cliccando la voce "Gestione attività"; oppure ci si può servire direttamente della combinazione dei tre tasti Ctrl+Shift+Esc.

LEGGI ANCHE: Cosa si può fare con il Task Manager di Windows 10

Qualora il Task Manager venisse eseguito in un piccola finestra, allora qui nell'angolo in basso a sinistra cliccare il link "Più dettagli" per visualizzare…