Passa ai contenuti principali

Ridurre i dati personali inviati a Facebook per più privacy

Come limitare i dati e le informazioni personali inviati e condivisi con Facebook per avere più privacy
Con lo scandalo che ha coinvolto Facebook e Cambridge Analytica, si è scoperta l'acqua calda, ovvero che i dati personali degli utenti iscritti al social network di Zuckerberg sono facilmente accessibili quando di mezzo ci sono tanti soldi, in beffa alla millantata protezione della privacy.

Pare comunque che questo ennesimo episodio abbia finalmente aperto gli occhi a un po' di utenza, la quale sta valutando se effettivamente cancellarsi da Facebook o meno.

Qualora invece si preferisse intervenire meno drasticamente senza cancellarsi ma "dare l'ultima possibilità a Facebook di redimersi" (come no!), almeno si può prendere in considerazione di limitare il quantitativo di dati da condividere con il social network. Vediamo alcuni suggerimenti (è consigliabile agire dal computer tramite browser internet).

1. Le applicazioni
È proprio grazie a una semplice applicazione che Cambridge Analytica è riuscita a impossessarsi dei dati personali di oltre 50 milioni di utenti Facebook.

Le app infatti possono avere accesso a più livelli alle informazioni del profilo e account e dunque conoscere svariati dettagli circa quell'utente.

Per vedere a quali applicazioni si è concesso l'accesso al proprio account Facebook portarsi sulla pagina https://www.facebook.com/settings?tab=applications.
Informazioni dati condivisi con app Facebook
Come si avrà modo di notare, per ogni applicazione visualizzata nella sezione "Accesso effettuato con Facebook" sono messi a disposizione due pulsanti: la "X" per eliminare l'applicazione; la "Matita" per modificare le impostazioni dell'app in questione e vedere a quali dati personali essa ha accesso.

Va da se che ai fini della privacy è conveniente rimuovere tutte le applicazioni inutili e inutilizzate, e tutte quelle che hanno accesso a dati e informazioni personali un po' troppo sensibili.

Da notare però (come Facebook stesso informa) che essendo gestite da sviluppatori esterni a Facebook, i dati dell'utente raccolti da tali app potrebbero restare memorizzato in quei database terzi anche dopo la loro disinstallazione; dunque in tal senso qualora si volesse eliminare tali dati, si dovrà contattare personalmente i singoli sviluppatori e invitarli alla cancellazione di tutto ciò che è in loro possesso (un bel daffare se le app in questione sono qualche decina).

2. Le applicazioni usate dagli altri
Altri dati e informazioni personali vengono poi rilevati e condivisi anche dalle applicazioni installate dagli altri utenti, ovvero dagli amici.

È dunque importante decidere quali dati si intende condividere con le app utilizzate dagli amici. Per fare ciò, nella pagina https://www.facebook.com/settings?tab=applications individuare la sezione "Applicazioni usate dagli altri" cliccare il rispettivo pulsante "Modifica" per vedere (come nell'esempio sotto in figura):
Popup Facebook Applicazioni usate dagli altri
le proprie informazioni che attualmente vengono condivise attraverso queste app, ed eventualmente rimuovere, deselezionandole, quelle che non si ha intenzione di condividere (tutte o la maggior parte possibilmente).

3. La piattaforma
La piattaforma raccoglie i dati di quello l'utente fa sull'uso delle applicazioni e dei siti web di terze parti su i quali è integrato Facebook (tramite widget, badge, pulsante Mi piace, Condividi ecc) al fine di fornirgli contenuti personalizzati in base alle informazioni raccolte.

Per porre fine a ciò, nella pagina https://www.facebook.com/settings?tab=applications individuare la sezione "Applicazioni, siti Web e plugin" cliccare il rispettivo pulsante "Modifica" per aprire il popup "Turn Platform Off" (come nell'esempio sotto in figura):
Popup Facebook Turn Platform Off
nel quale non resta che cliccare il pulsante "Disabilita piattaforma" per interrompere tale raccolta dati.

4. Pubblicità basate sugli interessi
Un'altra scorpacciata di informazioni personali, Facebook la fa attraverso la pubblicità basata sugli interessi monitorando le ricerche effettuate dall'utente su i siti internet dove è integrato Facebook (tramite widget, badge, pulsante Mi piace, Condividi ecc), al fine di propinargli annunci pubblicitari mirati e pertinenti a ciò che ha cercato e consultato, per indurlo all'acquisto.

Per disattivare questi annunci mirati abbiamo visto bene come procedere nella guida dedicata: Vietare a Amazon, Google e Facebook di mostrare pubblicità degli oggetti cercati o acquistati.

Ovviamente, e concludendo, va detto che attuando i suggerimenti visti fin'ora non significa che Facebook non saprà più niente di noi, affatto; bensì da ora in avanti potrà ottenere e condividere meno informazioni personali rispetto a prima; almeno fino al prossimo scandalo.

LEGGI ANCHE: Impedire a Facebook di spiare la nostra attività online (su PC Windows, Mac e Linux)

Commenti

  1. Un pò di pazienza, so già che fra qualche anno mi daranno la medaglia al valore per non essere mai stato iscritto a fakebook :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rico allora siamo in due........ciaoooo

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…