Passa ai contenuti principali

Disattivare l'audio delle schede Chrome, Firefox, Edge, Opera

Come disattivare l'audio delle singole schede internet aperte su Chrome, Firefox, Microsoft Edge e Opera
Nel giro degli ultimi due anni circa, i moderni browser internet si sono tutti attrezzati dell'apposita funzione che permette all'utente di disattivare l'audio della pagina internet aperta nella scheda di navigazione.

Tale esigenza è dovuta al fatto che svariati siti web hanno preso la brutta abitudine di riprodurre in automatico contenuti multimediali che emettono audio (spesso annunci pubblicitari) non appena viene aperta una pagina web di quel dominio, senza il permesso dell'utente il quale di conseguenza viene disturbato e obbligato a intervenire.

E se prima "intervenire" significava dover disattivare gli altoparlanti del computer, oggi basta un semplice clic di mouse per zittire al volo soltanto la scheda internet rumorosa. Vediamo come procedere su i principali browser internet.

Google Chrome
Disattivare audio scheda Chrome
LEGGI ANCHE: Chrome, rendere cliccabile l'icona per disattivare l'audio della scheda

Sul browser di Google la scheda internet rumorosa viene segnalata dall'icona dell'altoparlante che compare alla destra della barra del titolo. Per disattivarne l'audio si deve fare un clic destro di mouse sulla barra del titolo della scheda e infine nel menu contestuale cliccare l'opzione "Disattiva l'audio del sito".

In questo modo verrà messo in muto qualsiasi contenuto audio del completo sito web in questione, dunque non solo quello della scheda sulla quale si è appena intervenuti.

Ovviamente la procedura è reversibile in ogni momento, facendo un altro clic destro di mouse sulla barra del titolo della scheda e questa volta cliccando l'opzione "Riattiva l'audio del sito".

LEGGI ANCHE: Chrome disattivare la riproduzione automatica dei video

Mozilla Firefox
Disattivare audio scheda Firefox
Sul browser internet di Mozilla in tal senso è possibile intervenire in due modi differenti: il primo, più veloce, consiste nel fare un clic di mouse sull'icona dell'altorparlante che compare alla destra della barra del titolo (per segnalare la scheda rumorosa), la quale verrà sbarrata per informare l'utente che l'audio di quella scheda è stato disattivato; il secondo metodo consiste nel fare un clic destro di mouse sulla barra del titolo della scheda e nel menu contestuale che compare cliccare l'opzione "Disattiva audio in questa scheda".

Le modifiche sono reversibili, nel primo caso cliccando l'icona dell'altorparlante sbarrato, nel secondo caso facendo un clic destro di mouse sulla barra del titolo della scheda e nel menu contestuale che compare questa volta cliccare l'opzione "Attiva audio in questa scheda".

LEGGI ANCHE: Firefox 56 blocco dei media in secondo piano e altre novità

Opera
Disattivare audio scheda Opera
Sul browser internet norvegese, per disattivare l'audio di una scheda si interviene allo stesso modo di Firefox.

Ovvero ci sono due possibilità: un clic di mouse sull'icona dell'altorparlante che compare alla sinistra della barra del titolo (per segnalare la scheda rumorosa), la quale verrà sbarrata da una croce per informare l'utente che l'audio è stato disattivato; il secondo metodo consiste nel fare un clic destro di mouse sulla barra del titolo della scheda e nel menu contestuale che verrà visualizzato cliccare l'opzione "Silenzia scheda".

Per ridare audio alle schede disattivate, nel primo caso basterà fare un altro clic sull'icona dell'altoparlante a sinistra della barra del titolo della scheda; nel secondo caso si deve fare un clic destro di mouse sulla barra del titolo della scheda e questa volta nel menu contestuale che compare cliccare l'opzione "Riattiva audio scheda".

Microsoft Edge
Con l'aggiornamento Windows 10 April 2018 Update, anche Microsoft Edge ha finalmente guadagnato la funzione per disattivare rapidamente e comodamente l'audio delle schede internet.
Microsoft Edge disattivare audio scheda internet.PNG
Come nell'esempio sopra in figura infatti basterà individuare la scheda rumorosa,che verrà segnalata dall'icona dell'altoparlante, e fare un clic di mouse su tale icona/pulsante dell'altoparlante per disattivare/riattivare l'audio in riproduzione.

In alternativa si può anche fare un clic destro di mouse sulla scheda rumorosa e nel menu contestuale che compare cliccare l'opzione "Disattiva/Attiva audio scheda".

Ad ogni modo, qualora tornasse utile, anche su Windows 10 April 2018 Update è ancora possibile servirsi del seguente e precedente metodo per silenziare le schede rumorose in Microsoft Edge, intervenendo dal Mixer volume di Windows.
Mixer volume Windows disattivare audio schede Microsoft Edge
Ovvero, fare un clic destro di mouse sull'icona "Altoparlanti" visualizzata nell'area di notifica della barra delle applicazioni di Windows e nel menu contestuale cliccare la voce "Apri mixer volume" per aprire quest'ultimo.

Come si può notare nell'esempio sopra in figura, nel mixer volume verranno visualizzate tutte le schede internet aperte su Microsoft Edge, per le quali è possibile disattivare l'audio facendo un clic di mouse sulla rispettiva icona dell'altoparlante (e un secondo clic di mouse per riattivarlo).

LEGGI ANCHE: 3 modi per aumentare il volume dei file video se l'audio è troppo basso

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…