Passa ai contenuti principali

Chrome attivare la protezione dai reindirizzamenti indesiderati a pagine web non richieste

Come attivare la protezione Google Chrome che blocca il reindirizzamento a pagine internet non richieste dall'utente
A partire dalla versione Chrome 64 (nel momento in cui scrivo la più recente è la numero 62), Google ha annunciato che integrerà nel browser delle protezioni anti-reindirizzamento a pagine internet non richieste dall'utente, dunque indesiderate.

Google ha ricevuto svariate segnalazioni circa questi comportamenti che spesso provengono da script implementati dallo stesso webmaster oppure da script di terze parti, ovvero non dipendenti dal webmaster bensì inseriti a sua insaputa in qualche widget del sito, ad esempio un banner pubblicitario.

Qualunque sia l'origine, ad ogni modo il risultato ottenuto (e voluto da chi ha implementato lo script, per trarne un qualche vantaggio, solitamente economico) è di portare l'utente visitatore a contenuti internet non richiesti.

Da qui la scelta di Google di introdurre ne i prossimi rilasci di Chrome tre nuove protezioni progettate per bloccare molti di questi tipi di comportamenti indesiderati, che come nell'esempio sotto in figura:
Chrome esempio di reindirizamento bloccato a pagina web indesiderata
intercettano e impediscono il reindirizzamento informando di ciò all'utente con una notifica di "Redirect blocked" ovvero reindirizzamento bloccato, per il quale all'occorrenza è possibile ottenere maggiori dettagli agendo sull'apposito link.

Senza attendere l'uscita di Chrome 64 e successivi, chi è interessato, può già attivare una prima protezione dai reindirizzamenti a pagine internet non richieste, su Windows, Mac, Linux, Android e iOS. Vediamo come.
Chrome flags attivare esperimento per bloccare reindirizzamenti a pagine web indesiderate
1. Per fare ciò è necessario intervenire dalla pagina delle funzioni sperimentali di Chrome che si raggiunge digitando e inviando nella barra degli indirizzi del browser la stringa chrome://flags e qui individuando la funzione "Framebusting requires same-origin or a user gesture" (che volendo è possibile raggiungere all'istante inviando nella barra degli indirizzi la stringa #enable-framebusting-needs-sameorigin-or-usergesture).

2. Come nell'esempio sopra in figura non resta altro che espandere il rispettivo menu a tendina e qui settare la funzione su "Enabled", ovvero su attivata, e applicare il tutto riavviando Chrome premendo il pulsante "Riavvia ora".

Ricordo che su Chrome è possibile sbarazzarsi di altri contenuti fastidiosi come i popup in finestra e in sovrapposizione installando rispettivamente le due estensioni Poper Blocker e BehindTheOverlay.

LEGGI ANCHE: Chrome per Windows più sicuro con tre nuove funzioni 

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…