Passa ai contenuti principali

Come disattivare la grafica in Material Design di Google Chrome per PC

Come disattivare la nuova grafica Material Design di Google Chrome per tornare al vecchio aspetto
Il Material Design è un design sviluppato da Google che oltre a dare quel tocco di più moderno, nei fatti garantisce una migliore e più intelligente adattabilità dell'interfaccia grafica alla dimensione dello schermo.

Per questi motivi il Material Design lo si ritrova nella maggior parte delle applicazioni mobili di Google per Android, ma è stato esteso anche nelle interfacce desktop di servizi e programmi Google come Google Drive, Documenti Google, Fogli Google, Presentazioni Google, Google Analytics, Google Developers e Inbox, e il browser web Google Chrome.

Per quanto riguarda Chrome, Google sul suo browser ha iniziato a introdurre la grafica di tipo Material Design a partire dal 2015 dapprima con il lettore PDF, seguito via via durante il 2016 con la pagina dei Download, delle Estensioni, della Cronologia e del riquadro superiore, e infine nel 2017 con la pagina delle Impostazioni.

Se da una parte la grafica in Material Design può essere più piacevole alla vista e meglio adattabile alla dimensione della finestra, dall'altra per questione di gusti si potrebbe preferire il vecchio stile, oppure si potrebbe essere costretti a tornare a esso in quanto alcune funzionalità del browser non possono essere utilizzate sotto il Material Design come ad esempio la funzione per Esportare o Importare le password da e in Google Chrome che si trova sotto la pagina delle Impostazioni.

A tale proposito a seguire andiamo a vedere come disattivare la grafica in Material Design di Google Chrome per PC (e come riattivarla).

1. Per prima cosa dato che il Material Design su Google Chrome per il desktop è una funzionalità sperimentale, ci si deve portare nella pagina degli esperimenti del browser che si raggiunge inviando nella barra degli indirizzi internet chrome://flags/.
Disattivare esperimento flags di Google Chrome

2. Fatto ciò, per disattivare la grafica in Material Design, come nell'esempio sopra in figura è necessario settare su "Disabled" i seguenti esperimenti:
NOTA: Per individuare gli esperimenti nella pagina si può richiamare il campo di ricerca interno (premendo il tasto F3, oppure Ctrl+F, oppure da Menu > Trova) e incollando il nome dell'esperimento, ad esempio Enable Material Design settings, per passare subito a esso.
Oppure con Chrome più rapidamente si può cliccare il link (sopra riportati) corrispondente a ogni esperimento per passare subito a esso, ad esempio chrome://flags/#enable-md-settings per passare all'esperimento Enable Material Design settings, o in alternativa incollare e inviare il link nella barra degli indirizzi internet.

3. Dopo aver settato su "Disabled" gli esperimenti, confermare le modifiche apportate cliccando il pulsante "RIAVVIA ORA" che comparirà in basso a sinistra della finestra.

Ovviamente il tutto è reversibile in ogni momento; ovvero per riattivare il Material Design su Chrome basterà settare su "Default" o "Enabled" gli esperimenti che si è disattivato.

LEGGI ANCHE: Scaricare e installare Chrome e Firefox a 64-bit su Windows

Commenti

  1. 2 delle voci che hai inserito (nable Material Design history - Enable Material Design settings) non le trovo nella lista degli esperimenti? Hanno forse un nome diverso? Io ho Chrome nella versione 62.0.3202.62 (Build ufficiale) (a 64 bit).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Walter, no hai ragione, Google ha nuovamente cambiato le cose e rimosso quelle voci. Usa la ricerca interna alla pagina, cerca la parola material e disattiva tutto il disattivabile; ma ormai è una battaglia persa versione dopo versione; il futuro e material :(

      Elimina
  2. Material?? Aggiornami appena puoi. Grazie ancora per la risposta e per la disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, aggiornarti su cosa? E per cosa?

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…