Passa ai contenuti principali

Salvare le email Gmail in PDF sul PC (o in CSV o Excel)

Estensione Google Chrome per salvare in PDF le email di Gmail compresi anche gli allegati presenti nel messaggio di posta elettronica
Fino a qualche tempo fa, ma ora non più, su Gmail era disponibile un lab (una funzione sperimentale) che una volta attivato permetteva all'utente di salvare le email come un documento PDF.

Funzionalità che tornava parecchio utile in diverse circostanze e con la quale convertire le conversazioni email in PDF, più comode da gestire a vario livello.

Se si è in cerca di un'alternativa al lab dismesso in questione, gli utenti Google Chrome possono utilizzare l'estensione gratis Save emails to PDF la quale permette di fare esattamente la stessa cosa, ovvero di salvare le email come documento PDF direttamente sul computer.

Facile da usare, una volta installata affinché possa funzionare è necessario concedergli l'autorizzazione ad accedere al proprio account Gmail, dopodiché sulla casella di posta elettronica ecco che quando si aprirà una email, nella barra dei comandi sarà disponibile il nuovo pulsante "Save to" (come nell'esempio sotto in figura):
Email Gmail e pulsante Save to per salvare l'email in PDF
cliccato il quale, nel sottomenu si dovrà fare un clic sull'opzione "Save to PDF" per salvare quell'email nel computer come documento PDF.

Tenere in considerazione che in caso di email contenenti allegati, all'interno dello stesso documento PDF che verrà generato sarà disponibile sia il contenuto dell'email che l'allegato in pagine separate; soluzione comoda per avere in un unico file l'intero contenuto del messaggio di posta elettronica in questione.
Email Gmail e opzioni salvataggio pulsante Save to PDF
Altra caratteristica interessante dell'estensione Save emails to PDF, come si può vedere nell'esempio sopra in figura, è la possibilità di lavorare con più email alla volta. Ad esempio nella posta in arrivo o inviata, selezionando più email e poi cliccando il pulsante "Save to" a disposizione si avranno quattro differenti possibilità di salvataggio:
  • Save each conversetion into a separate PDF - Per salvare ogni email selezionata in un documento PDF separato;
  • Merge all conversetions into one PDF - Per unire tutte le email in un unico documento PDF;
  • Save all conversetions to CSV - Per salvare tutte le email come file CSV;
  • Save all conversetions to MS Excel - Per salvare tutte le email come file Micorsoft Office Excel.
Tenere in considerazione che la versione gratuita dell'estensione Save emails to PDF permette di salvare fino a 100 email al mese; se si necessita di ulteriore margine (illimitato) si dovrà sottoscrivere un abbonamento mensile dal costo di 5 dollari al mese.

LEGGI ANCHE: Gmail attivare il riquadro anteprima email come in Outlook

Commenti

  1. sempre molto esauriente e preciso grazie

    RispondiElimina
  2. Ho installato l'applicazione ma...quando seleziono la mail per salvarla mi si apre una finestra con un tutorial Save emails to PDF
    Easily save Gmail™ emails as PDF documents (including all attachments) to your
    computer's hard drive. Just 1 click and you're done!
    Mi chiede di creare un account, lo faccio...nulla, ogni volta la stessa storia. Aiutooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando richiesto, su Gmail, devi cliccare il pulsante "Login" che compare nella fienstra popup per effettuare l'accesso col tuo account Google a cloudhq.net affinché l'estensione possa funzionare. La procedura è divenuta più macchinosa rispetto a quando l'ho recensita la prima volta, ma il risultato è il medesimo.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…