Passa ai contenuti principali

WiFi differenza tra 2,4 GHz e 5 GHz e 802.11 a/b/g/n/ac

Differenze tra rete WiFi 2,4GHz e 5 GHz e differenze tra le classi 802.11 a, b, g, n, ac quale è meglio e più peformante?
Per quanto riguarda la connessione a internet in WiFi a un certo punto ci si potrebbe ritrovare davanti alla questione di scegliere tra un router a 2,4 GHz oppure a 5 GHz con 802.11 a, b, g, n, ac.

Ma prima di puntare su uno piuttosto che sull'altro è bene fare un po' di chiarezza e capire bene a cosa si riferiscono tali termini e a quello che ci sta dietro.

I due valori 2,4 GHz e 5 GHz indicano la banda di trasmissione dei dati sotto il router WiFi in questione. Tra le due la banda a 5 GHz è in grado di trasmettere più dati rispetto a quella a 2,4 GHz. Ma oltre a ciò ci sono da tenere in considerazione altri fattori.
Wi-Fi logo
La rete WiFi a 2,4 GHz tra le due è ad oggi la più diffusa e dunque impiegata da una miriade di dispositivi wireless quali smartphone, tablet, PC, Smart TV, babycall ecc di tutte le persone presenti in zona e nelle immediate vicinanze ad esempio: condominio, vicini di casa, negozi e altre attività varie.

Se la banda a 5 GHz dispone di 23 canali di trasmissione che non si sovrappongono e dunque non interferiscono fra loro, la banda a 2,4 GHz dispone invece di soli 13 canali di trasmissione parzialmente sovrapposti in frequenza, fatto che può dare luogo a una forte interferenza.
Oltre a ciò essendo la 2,4 GHz la più diffusa, il suo largo impiego può dare luogo a congestione della rete specialmente se si vive o si lavora in un luogo affollato dove è altamente probabile che svariati dispositivi wireless in zona stiano usando lo stesso canale impiegato dalla propria connessione WiFi con conseguente riduzione della qualità della stessa connessione che a seconda dei casi potrebbe rallentare.

Per questo motivo quando si è connessi a internet specialmente con un router WiFi a 2,4 GHz, è bene verificare e scoprire qual'è il miglior canale in zona, ovvero quello meno utilizzato e dunque quello a cui far puntare il router per godere di una connessione qualitativamente migliore.

Preso atto di ciò viene dunque da dire "Ok, la banda 5 GHz è la migliore", e invece no. Infatti seppur la banda a 5 GHz sia in grado di trasmettere più dati rispetto a quella a 2,4 GHz e seppur disponga di 23 canali di trasmissione che non si sovrappongono e dunque non interferiscono fra loro, c'è un altro fattore da tenere in considerazione.

A differenza della banda a 5 GHz, la banda a 2,4 GHz utilizza onde lunghe che sono in grado di penetrare meglio attraverso gli ostacoli (muri, armadi, porte e via dicendo) che intercorrono tra il router e i dispositivi a esso connessi; cosa che invece riesce meno alle onde corte della banda a 5 GHz.

Di conseguenza la connessione a 5 GHz è si da preferire ma solo nel caso in cui tra router WiFi e dispositivi connessi non vi siano eccessivi ostacoli (un openspace magari) ed eccessiva distanza; diversamente è allora meglio preferire la banda a 2,4 GHz.

Se invece si desidera godere dei pregi dell'una e dell'altra allora si può puntare a un router di tipo dual-bad ovvero che supporta sia la banda a 2,4 GHz che quella a 5 GHz. Tenere in considerazione ove possibile, l'acquisto di un router dual-band capace di trasmettere nello stesso momento le due bande piuttosto che l'una o l'altra (scelta che in questo ultimo caso è l'utente che dovrà effettuare impostando manualmente nelle impostazioni del router la banda a 2,4 GHz o a 5 GHz a seconda delle esigenze del momento).

WiFi 802.11 a, b, g, n, ac che significa?
Infine oltre al significato di banda 2,4 GHz e 5 GHz per completezza è bene comprendere anche quello della sigla 802.11 a e/o b, g, n, ac.

Il numero 802.11 è la sigla che identifica la tipologia di dispositivi a connessione WiFi differenziandoli ad esempio da quelli a connessione Bluetooth che hanno sigla 802.15 e da quelli a connessione Ethernet che hanno sigla 802.3.

Le lettere che compaiono subito dopo la sigla 802.11 si chiamano classi Wi-Fi e servono a indicare le prestazioni di trasmissione dati e a quale banda. Nello specifico:
  • classe a trasmissione a 54 Mb/s (5 GHz)
  • classe b trasmissione a 11 Mb/s (2,4 GHz)
  • classe g trasmissione a 54 Mb/s (2,4 GHz)
  • classe n trasmissione a 450 Mb/s (2,4 GHz e 5 GHz)
  • classe ac trasmissione a 3 Gb/s (5 GHz)
Tenere in considerazione che esistono anche altre classi capaci di trasmettere maggiori quantità di dati quali ad esempio la classe ad a 7 Gb/s (60 GHz) la quale però con tale frequenza non è capace di attraversare muri e altri ostacoli ed è sfruttabile solo se se ci sono due dispositivi connessi. [Fonte dati Wikipedia: IEEE 802.11 e Wi-Fi]

LEGGI ANCHE: Come migliorare il segnale WiFi per avere più copertura della rete

Commenti

  1. Grazie Vinnie e avrei una domanda, la maggior parte dei nuovi dispositivi wi-fi, router, ripetitori, antenne o quant'altro si usi per diffondere o ricevere il segnale wi-fi, riportano la dicitura 802.11ac e non più le altre classi, vanno ugualmente bene in ogni situazione o cosa? perché ad es. mi sembra di aver capito che la sigla ac trasmette solo a 5 GHz che però nel caso di molti ostacoli non è da prediligere...quindi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è così, ma in commercio (guarda su Amazon e eBay ad esempio) ci sono svariati router che supportano più classi WiFi dunque a doppia banda. Dovresti puntare su quelli se ti servono entrambe le bande.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…