Passa ai contenuti principali

Windows 10 menu Start lento come risolvere

Soluzioni per risolvere menu Start di Windows 10 lento ad aprirsi dopo aver cliccato il tasto Start
Potrebbe capitare che in seguito a un qualche problema non meglio identificato il menu Start di Windows 10 risulti lento ad aprirsi, ovvero non viene visualizzato e/o caricato nell'immediato bensì solo dopo qualche secondo una volta cliccato il tasto Start.

Su tutti i sistemi operativi Windows da sempre l'impostazione predefinita del tempo di caricamento del menu Start dopo aver cliccato l'apposito tasto è di 400 millisecondi ovvero pressoché istantanea; dunque tempistiche al di sopra di questo normale ritardo soprattutto sé prolungate possono dare luogo a qualche disagio.

A seguire andiamo dunque a vedere alcune soluzioni che è possibile attuare per risolvere il menu Start lento di Windows 10.

1. Riavviare il processo Esplora risorse
Task Manager Windows 10 riavviare Esplora risorse
Tanti piccoli problemi momentanei di Windows possono essere facilmente risolti riavviando il processo explorer "Esplora risorse". Per fare ciò aprire il Task manager di Windows (Gestione attività) richiamabile con la combinazione dei tre tasti Windows+Shift+Esc oppure con un clic destro sulla barra delle applicazioni) e qui nella scheda "Processi" individuare "Esplora risorse", farci sopra un clic destro di mouse e nel menu contestuale che comparirà cliccare l'opzione "Riavvia".

Non resta che verificare se il problema è stato risolto o meno; diversamente procedere con la successiva soluzione.

2. Riavviare Windows
Svariati problemi minori di Windows si risolvono riavviando il sistema operativo, azione che su Windows 10 è molto probabile che non si fa da tempo se si è attivata la modalità di avvio rapido. Dunque dal menu Start o con la combinazione dei due tasti Ctrl+F4 accedere alle opzioni di arresto e qui dare "Riavvia il sistema".

Se al successivo avvio di Windows il problema non è stato risolto procedere allora con la successiva soluzione.

3. Disattivare le animazioni
Windows 10 Impostazioni Disattiva animazioni in Windows
Il menu Start lento di Windows 10 potrebbe essere dovuto alle animazioni che lo caratterizzano, dunque si può tentare con il disattivarle. Per fare ciò accedere alla finestra delle "Impostazioni" premendo la combinazione dei due tasti Windows+I oppure dal menu Start o ancora dal Centro notifiche.

Aperta la finestra delle Impostazioni ora portarsi in Accessibilità > Altre opzioni e come nell'esempio sopra in figura nella sezione "Opzioni visive" disattivare l'opzione "Riproduci animazioni in Windows".

Verificare se il problema è stato risolto. Diversamente procedere con la prossima soluzione.

4. Registro di sistema
Windows 10 registro sistema modifica valore
Come detto in apertura per impostazione predefinita il menu Start di Windows viene visualizzato con un ritardo di 400 millisecondi dopo aver cliccato il tasto Start.

Per risolvere il problema di lentezza si può allora provare a ridurre tale ritardo agendo dal registro di sistema.

Dunque nella tastiera premere la combinazione dei due tasti Windows+R per richiamare la finestra di dialogo "Esegui" (altrimenti richiamabile dal menu Start secondario di Windows 10 con un clic destro di mouse sul tasto Start o premendo la combinazione dei due tasti Windows+X) e qui digitare e inviare il comando regedit per aprire l'Editor del Registro di sistema.

Nell'Editor del Registro di sistema adesso portarsi sulla chiave HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop e nel pannello a destra della finestra individuare e fare doppio clic sul valore "MenuShowDelay" per aprire la rispettiva finestra "Modifica dati valore" nella quale nel campo "Dati valore" rimpiazzare 400 con un valore più basso ma non inferiore a 100.

Chiudere il registro di sistema e riavviare il computer, quindi verificare se il problema è stato risolto o meno. Diversamente procedere con la prossima soluzione.

5. Fix it di Microsoft
Strumento Microsoft per riparare problemi menu Start Windows 10
In questo articolo avevamo già parlato dell'apposito strumento messo a disposizione da Microsoft per individuare e riparare eventuali problemi del menu Start di Windows 10 in automatico. Occorre semplicemente scaricarlo e avviarlo per dare inizio alla scansione e alla riparazione delle problematiche riscontrate.

Al termine verificare se adesso i problemi di lentezza del menu Start sono stati risolti. In caso contrario procedere con la successiva soluzione.

6. Controllo File di Sistema
Prompt comandi Windows 10 System File Checker
Diversi problemi di Windows possono essere risolti lanciando dal prompt dei comandi il Controllo File di Sistema ovvero System File Checker il quale si occupa in automatico di ripristinare gli eventuali file di sistema mancanti o danneggiati risolvendo le relative problematiche.

Dunque richiamare il menu Start secondario di Windows 10 cliccando il tasto Start con il pulsante destro del mouse (oppure richiamarlo con la combinazione dei due tasti Windows+X) e qui fare clic sulla voce "Prompt dei comandi (amministratore)".

Aperto il prompt dei comandi, al suo interno non resta che digitare e inviare il comando sfc /scannow e attendere che il Controllo File di Sistema completi l'operazione. Al termine riavviare il computer e verificare se il problema è stato risolto.

Se così non fosse, come ultima spiaggia si potrebbe prendere in considerazione di ripristinare Windows 10 reimpostando il PC alla configurazione iniziale senza però perdere file personali e le impostazioni: Come reimpostare e reinstallare Windows 10 allo stato di fabbrica.

LEGGI ANCHE: Come rendere Windows 10 più veloce senza aggiungere RAM o SSD

Commenti

  1. Grazie molte! le ultime due soluzioni sono quelle più specifiche dovresti metterle in cima. L'ultima soluzione mi ha risolto definitivamente questo odioso lag

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…