Passa ai contenuti principali

Migliorare le prestazioni della CPU su Windows PC con Project Mercury

Migliorare le prestazioni del processore del computer Windows per eseguire i programmi più veloce senza blocchi e rallentamenti
Nonostante il processore del computer abbia a disposizione più core non sempre Windows riesce a sfruttare a pieno tutta la potenza della CPU e di conseguenza alcuni programmi e videogame possono risultare lenti in avvio ma anche durante il loro utilizzo.

È in questa circostanza che può tornare utile Project Mercury, un piccolo programma gratis e portable che una volta avviato in automatico migliora le prestazioni del processore per i programmi in esecuzione.

Più nello specifico con Project Mercury attivato quando al computer si avvia un programma o un gioco, Project Mercury da a quell'applicazione una priorità CPU superiore al normale in maniera tale che possa essere eseguito nel miglior modo ed esperienza di utilizzo possibile.

Per dare maggiore priorità al programma che si sta attualmente utilizzando, Project Mercury andrà a ridurre la priorità CPU dei programmi e applicazioni in secondo piano e/o ridotti a icona nella barra delle applicazioni, che comunque non si stanno adoperando attivamente.

Quando poi si ridurrà a icona il programma in primo piano o lo si chiuderà, in automatico la priorità della CPU tornerà ai normali livelli sempre automaticamente per poi essere di nuovo incrementata quando si avvierà o si porterà in primo piano una nuova applicazione.
Project Mercury interfaccia grafica
Fra i software dello stesso genere Project Mercury è facile da usare e adatto anche agli utenti inesperti in quanto si può usare subito con le impostazioni raccomandate (che nell'interfaccia sono quelle segnalate con l'asterisco *) e non richiede installazione.

Ad ogni modo all'occorrenza è possibile personalizzare alcune impostazioni come ad esempio in "Increased Priority level" il livello di priorità del processore da assegnare al programma in primo piano: "AboveNormal" è il valore di default e assegna priorità CPU sopra il normale, "High" assegna priorità CPU alta e "RealTime" priorità CPU in tempo reale.

In "Windows CPU slice (Permanent)" si può ulteriormente perfezionare l'azione di Project Mercury indicando al programma che si sta utilizzando il computer per lavori in "Multitasking", per giocare ai videogame "Gamer", per attività lato "Server" o lato "Desktop"; in caso di dubbio o di nessuna esigenza in particolare si può lasciare il valore predefinito "Default".

Ci sono poi alcune impostazioni avanzate (per utenti avanzati) ad esempio "No Hyper-Threading conflicts" che disabilita ogni altro core (logico) sul programma mirato per evitare prestazioni ridotte dovute a conflitti di threading; "No multicore stutter" esegue il programma in primo piano solo su un singolo core per impedire problemi dovuti al core multi che possono avere luogo ad esempio con i vecchi giochi che non supportano tale tecnologia. Tenere però in considerazione che queste due impostazioni possono avere effetti negativi sulle prestazioni di software multithreaded dunque abilitarle solo per programmi specifici per i quali si è certi che possono beneficiarne.

Impostazione importante soprattutto per gli utenti Windows 10, nella sezione "Extra features" è necessario spuntare la casella dell'opzione "Start as Administrator" per far si che Project Mercury venga avviato come amministratore in quanto diversamente non avrebbe modo di gestire la priorità della CPU.
Project Mercury icona taskbar menu contestuale
Per aprire l'interfaccia grafica di Project Mercury, dopo averlo eseguito, si deve fare un clic destro di mouse sulla sua icona visualizzata nell'area di notifica della barra delle applicazioni di Windows e come nell'esempio sopra in figura nel menu contestuale cliccare la voce "Settings".

Come si ha modo di notare nel menu contestuale dell'icona è anche presente l 'opzione "Clear Memory" per liberare forzatamente la memoria occupata da tutti programmi in background e/o minimizzati nella barra delle applicazioni di Windows.

Infine agendo sempre dal menu contestuale è possibile mettere in pausa "Pause" Project Mercury in ogni momento e riattivarlo non appena lo si ritiene necessario.

Compatibile con Windows: Vista, 7, 8, 8.1, 10 | Dimensione: 469 KB | Download Project Mercury

LEGGI ANCHE: Eseguire programmi specifici alle massime prestazioni del PC in automatico

Commenti

  1. Ciao, l'idea era ottima ma a me non parte proprio. Una volta scaricato il file vado a cliccare con privilegi di amministratore e non parte. Non so perché. Forse tu puoi aiutarmi? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova ad avviarlo normalmente poi clicca l'opzione "Start as Administrator", spunta la casella "Save settings" dai OK, esci dal programma e riavvialo.

      Elimina
  2. Sono impostazioni che solitamente si cambiano dal BIOS e poi dal pannello di controllo windows, fa comodo trovarle riunite in un solo programmino, grazie Vinnie.
    E c'è la versione 64 Bit :)

    RispondiElimina
  3. Ciao, volevo riferirti una cosa strana: quando apro o chiudo il programma mi compaiono due messaggi- Uno dice " Annoying nag that is gone in donators version (CoreParking), e l'altro: £Annoying nag that is gone in core version" Sai dirmi che cosa signigica? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbero essere due problemi risolti nella versione donator e base del programma. Sul sito dello sviluppatore non è riportato niente in merito.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…