Passa ai contenuti principali

Opera VPN gratis per Android navigare anonimi e più sicuri su internet

Opera Free VPN gratis per Android per navigare su internet anonimi e in sicurezza
Dopo il browser desktop e dopo l'app iOS, Opera Free VPN è ora disponibile anche come applicazione per smartphone e tablet Android.

Il tutto completamente gratis e illimitato. Con Opera VPN è possibile navigare su internet in modo anonimo e più sicuro.

Facile da usare, non si deve fare altro che avviare l'app e consentire a Opera Free VPN di impostare la connessione VPN per monitorare il traffico di rete toccando il pulsante "OK" quando comparirà l'annessa notifica (sotto in figura):
Attivare Opera VPN su Android
diversamente non sarà possibile usare l'applicazione. Quando Opera VPN è attivata, nella barra di notifica del cellulare o del tablet comparirà l'icona della piccola chiave.

L'anonimato è garantito dal fatto che una volta attivata la connessione su questa VPN (toccando il pulsante "Connect") sarà possibile nascondere il reale indirizzo IP e risultare connessi anche da altre nazioni (al momento i Paesi disponibili sono Canada, Germania, Olanda, Singapore e Stati Uniti d'America, toccando il pulsante "Change Region"):
Connettere Opera VPN Android e cambiare nazione
Caratteristica che fra le altre cose può tornare comoda per accedere ai siti internet e vedere video e altri contenuti online bloccati che prevedono restrizioni geografiche.

La sicurezza è invece garantita dal fatto che sotto la VPN la connessione è cifrata dunque protetta da eventuali "spioni" che cercano di intercettare il traffico durante la navigazione. Inoltre Opera Free VPN ha anche integrato un test per determinare la sicurezza delle rete WiFi alla quale si è connessi per sapere se l'hotspot è sicuro oppure potenzialmente rischioso (sotto in figura la sicurezza della mia rete WiFi prima e dopo aver attivato Opera VPN):
Test sicurezza WiFi di Opera VPN per Android
Per determinare la sicurezza di un hotspot WiFi, Opera VPN con il test assegna un punteggio in lettere dalla A alla F dove A è il punteggio più alto dunque la rete è sicura, mentre F invece è il punteggio più basso dunque la rete WiFi in questione è potenzialmente non sicura ovvero che non è protetta da una password forte, che è pubblica e non privata, se l'indirizzo IP è esposto, se c'è rischio che qualche malintenzionato in rete possa intercettare il traffico internet degli altri dispositivi connessi all'hotpsot, se c'è il rischio che l'amministratore dell'hotspot WiFi possa monitorare il traffico internet degli altri dispositivi connessi.

Ad ogni modo una volta connesso Opera VPN gli hotspot WiFi non sicuri verranno comunque messi in sicurezza dalla cifratura della connessione garantita dai server dell'applicaizone.
Attivare Guardian Opera VPN per Android
Infine "Guardian" (sopra in figura) è l'altra caratteristica di Opera VPN che una volta attivata blocca il tracciamento degli annunci per migliorare la privacy online.

Compatibile con Android: 4.0.3 o versioni successive| Dimensione: 46 MB | Download Opera Free VPN

In conclusione Opera Free VPN e/o qualsiasi altra applicazione VPN, non dovrebbero mancare sul cellulare e sul tablet dato che oggi sempre più spesso si è soliti connettersi a internet ovunque e in ogni momento per le più disparate operazione e di conseguenza si è maggiormente esposti a rischio di sicurezza.

Commenti

  1. Opera VPN è utile anche all'estero dove, per motivi di costo della rete dati, ci si allaccia spesso a reti WiFi sconosciute.
    L'Europa è unita da vent'anni, ma chissà perchè appena si passa il confine, per il provider il tuo contratto da tot GB al mese... non vale più niente.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…