Passa ai contenuti principali

Scaricare tutti gli aggiornamenti di Windows 7 in un unico pacchetto (dal 2011 al 2016)

Il pacchetto cumulativo di Microsoft per scaricare e installare tutti gli aggiornamenti di Windows 7 rilasciati dopo il SP1 fino ad Aprile 2016
Chi ha dovuto installare Windows 7 da zero per forza di cose ha avuto poi a che fare anche con la lunga e noiosa ma obbligatoria procedura di dover, tramite Windows Update, scaricare e installare tutti gli aggiornamenti e patch per la sicurezza e non, rilasciati da Microsoft dal principio fino a quel momento.

Più nello specifico updates come in primis il Service Pack 1 (indispensabile) e a seguire tutti gli aggiornamenti venuti dopo, ben oltre il centinaio se si considera che il SP1 di Windows 7 è stato rilasciato nel lontano 22 Febbraio 2011 ovvero più di cinque anni fa.

Di conseguenza installare tutti questi aggiornamenti richiederà svariato tempo oltreché svariati riavvi del computer, e se si deve fare l'installazione su più PC la cosa è piuttosto scoraggiante.

Ma finalmente Microsoft ha posto fine a questo problema. Lo scorso 17 Maggio 2016 ha infatti annunciato il rilascio del nuovo "convenience rollup" ossia un unico pacchetto nel quale sono compresi tutti gli aggiornamenti rilasciati da Febbraio 2011 ad Aprile 2016.

In questo modo adesso tramite questo pacchetto cumulativo è possibile installare tutti gli aggiornamenti Windows Update rilasciati da Microsoft per Windows 7 dopo l'uscita del SP1 fino allo scorso mese di Aprile, il che si traduce in un davvero grosso risparmio di tempo se si deve fare l'installazione pulita di questo sistema operativo. Vediamo come procedere.

NOTA: Tenere in considerazione che se sul computer non è già installato il Service Pack 1 di Windows 7 è allora necessario installarlo prima di procedere con l'installazione del pacchetto cumulativo. Windows 7 SP1 si può scaricare da questa pagina Microsoft.

1. Per poter installare il pacchetto cumulativo in questione prima di tutto come dice la stessa Microsoft è necessario scaricare e installare sul computer in uso l'aggiornamento stack di manutenzione Aprile 2015 per Windows 7 (KB3020369).

2. Fatto ciò si può ora scaricare e installare il pacchetto cumulativo agendo dalla pagina http://catalog.update.microsoft.com/v7/site/Search.aspx?q=3125574 di Microsoft Update Catalog (che può essere aperta soltanto con il browser Internet Explorer in quanto richiede l'attivazione del controllo ActiveX che è supportato solo da tale browser web) dove come nell'esempio sotto in figura:
Microsoft Update Catalog aggiungere aggiornamento cumulativo Windows 7
si deve cliccare il pulsante "Aggiungi" dell'aggiornamento (il pacchetto cumulativo) relativo all'edizione di Windows 7 di proprio interesse ovvero Windows 7 a 32 bit oppure Windows Server 2008 R2 x64 Edition oppure Windows 7 per sistemi x64. Come si ha modo di notare la dimensione del pacchetto/aggiornamento varia a seconda dell'edizione di Windows da un minimo di 316 MB a un massimo di 476,9 MB.

NOTA: Finché funzionano è possibile scaricare il pacchetto cumulativo dai seguenti link diretti saltando la procedura ufficiale: Scarica la versione a 64 bit del pacchetto | Scarica la versione a 32 bit del pacchetto. Nel caso in cui non dovessero più funzionare allora procedere con il metodo ufficiale qui descritto atrraverso il Microsoft Update Catalog.

3. Dopo aver cliccato il pulsante "Aggiungi" il pacchetto cumulativo in questione verrà aggiunto al carrello, dunque in alto a destra della finestra cliccare il link "visualizza carrello" per visualizzarlo. Come nell'esempio sotto in figura:
Microsoft Update Catalog scaricare aggiornamento cumulativo Windows 7
all'interno del carrello non resta che cliccare il pulsante "Download" per scaricare il pacchetto/aggiornamento cumulativo sul computer dopo aver indicato la cartella di destinazione di salvataggio. Una volta scaricato non resta che eseguire il file con un doppio clic di mouse per avviare sul computer in uso l'installazione di tutti gli aggiornamenti di Windows 7 rilasciati dall'uscita del Service Pack 1 fino a Aprile 2016 compreso.

Al termine dell'installazione l'unica cosa che resta da fare è di eseguire Windows Update e avviare la ricerca e l'installazione di eventuali nuovi aggiornamenti rilasciati dopo il 30 Aprile 2016 che non sono compresi nel pacchetto cumulativo.

LEGGI ANCHE: Scaricare la ISO di Windows 7, 8.1 e 10 tutte le edizioni

Commenti

  1. Vinnie, mi farai fare bella figura. Un amica mi chiede da tempo di aggiornare il "suo" win 7 SP1, perchè non si fida a farlo da sola. Lo farò in un paio di colpi di "chiavetta magica" (con stack e file .msu).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Novità caduta proprio a pennello ;)

      Elimina
  2. Salve dopo aver formattato tutto e reinstallato windows 7 da cd con i driver del mio pc ho seguito questa guida che ha funzionato fino allo scaricamento del pacchetto Aggiornamento per Windows KB3125574 che contiene gli aggiornamenti fino ad aprile 2016..il problema ora è che dopo questo facendo la ricerca dal pc dopo ore e ore di ricerca non ne trova neanche uno...non credo sia normale...soluzioni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è "normale". Dagli tempo anche una settimana o 10 giorni e vedrai che verranno rilevati i nuovi aggiornamenti (attiva l'opzione segnala nuovi aggiornamenti). Di tanto in tanto 1 o 2 volte al giorno avvia una ricerca Windows Update, ripeto tempo 1 settimana o 10 giorni e i nuovi verranno rilevati. È esattamente quello che è successo a me dopo aver reinstallato Windows 7 e aggiornato con questo pacchetto cumulativo.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…