Passa ai contenuti principali

Dopo il 29 Luglio Windows 10 non sarà più un aggiornamento gratis

Aggiornare a Windows 10 entro il 29 Luglio 2016 perché dopo non sarà più gratis lo annuncia Microsoft
Se si è ancora indecisi se installare o meno Windows 10 sul PC aggiornando Windows 7 o 8.1 allora è bene decidersi entro e non oltre il prossimo 29 Luglio 2016 in quanto dopo questa data si dovrà pagare per passare al nuovo sistema operativo di Microsoft.

Il prossimo 29 Luglio infatti Windows 10 compirà esattamente un anno di vita. Dodici mesi entro i quali qualsiasi utente con installato sul proprio computer una versione genuina di Windows 7 o 8.1 può aggiornare gratis a questo SO.

Ma la promozione sta per finire e chi si era illuso che Windows 10 sarebbe stato per sempre un aggiornamento gratis deve ricredersi e piuttosto affrettarsi in quanto la conferma ufficiale arriva dalla stessa Microsoft che ha recentemente annunciato il termine dell'offerta di aggiornamento gratuito.
Windows 10 il 29 Luglio 2016 fine aggiornamento gratis
Dopo il 29 Luglio per avere Windows 10 o si comprerà un nuovo computer con preinstallato questo sistema operativo oppure si dovrà pagare 119 euro per la versione Home e molto probabilmente 199 euro per la versione Pro.

Considerando che il supporto Microsoft di Windows 7 terminerà fra circa 3 anni e mezzo (il 14 Gennaio 2020) e che chi ha Windows 8.1 con l'upgrade avrà solo da guadagnare in termini di funzionalità e prestazioni, la possibilità di aggiornare gratis a Windows 10 è un'occasione da prendere al volo. Riguardo al passaggio a Windows 10 torneranno utili questi articoli:

- Tool per aggiornare a Windows 10 e/o scaricare la ISO
- Cose da sapere prima di aggiornare a Windows 10
- Novità dell'aggiornamento di Windows 10 di Novembre 2015
- Articoli dedicati a Windows 10

Se poi ci si è fatti spaventare dalle voci che incolpano Windows 10 come uno spione anti-privacy allora l'articolo Windows 10 ti spia? Ecco cosa disattivare schiarirà meglio le idee dimostrando che si può tenere tutto sotto controllo.

Voglio inoltre ricordare che Windows 10 è diventato il secondo sistema operativo desktop più diffuso al mondo, installato su oltre 300 milioni di computer attivi. Questo dimostra il successo della mossa di Microsoft di rendere gratis l'aggiornamento per un anno, aiutata poi fortemente anche dall'app "Ottieni Windows 10" che dallo scorso Luglio 2015 compare su tutti i PC Windows 7 e 8.1 per invogliarli a passare al nuovo sistema operativo.

E a proposito dell'app "Ottieni Windows 10" dopo il prossimo 29 Luglio non verrà più visualizzata (cosa che farà piacere agli utenti che nonostante tutto vogliono restare su Windows 7 o 8.1) proprio per il motivo che l'offerta di aggiornamento gratuito è terminata.

Ricordo infine a tutti gli utenti Windows 10 e a chi vuole aggiornare a Windows 10, che il prossimo Luglio il sistema operativo verrà interessato dal secondo grande aggiornamento "Anniversary Update" con il quale l'SO verrà arricchito di interessanti nuove funzioni come ad esempio l'integrazione nativa di Linux Ubuntu.

Commenti

  1. Mi confermate che i Sony Vaio hanno problemi perché Sony, non producendoli più, non ne ha seguito l'aggiornamento al nuovo sistema operativo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcuni modelli supportano Windows 10. Controlla qui se il tuo fa parte di quelli compatibili:

      https://www.sony.it/support/it/hub/prd-comp-vaio

      https://esupport.sony.com/US/p/os10upgrade.pl

      Elimina
  2. quindi significa che non romperanno più le scatole e non scaricheranno mai l'aggiornamento a w 10 per chi non lo desidera?
    diolibenedica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Non immediatamente dopo il 29 ma nel giro di qualche giorno o settimana.

      Elimina
  3. Ciao Vinnie, grazi di questa informazione io lo vorrei ma ho dei problemi (ti mando una mail ) ed ho un Sony Vajo portatile però ha Vista e credo che bisogna avere Seven per il 10 per cui non ha molta importanza se supporta o no. Grazie ancora delle info e buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edvige ;) Per aggiornare gratis a Windows 10 devi avere almeno Windows 7 SP1 oppure Windows 8.1, quindi non è possibile fare l'upgrade da Windows Vista e Windows XP. Come ho detto all'altro utente, alcuni Sony Vaio sono compatibili con Windows 10, devi verificare se il tuo rientra fra questi, dunque segui questi link appositi:

      https://www.sony.it/support/it/hub/prd-comp-vaio

      https://esupport.sony.com/US/p/os10upgrade.pl

      Elimina
  4. Io mi trovo benissimo con Windows7 e non sento nessun bisogno di cambiarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti win 7 è fra i sistemi operativi migliori mai realizzati, lo uso sul lavoro e mai che sia andato in crash. Gli mancano alcune funzioni del precedente Vista, il quale però senza un opportuno "tweak" è pesante e difettoso.
      Se non serve Cortana o nuove app, si può fare tutto col 7.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…