Passa ai contenuti principali

Scoprire se un iPhone, iPad, iPod è rubato con il servizio Blocco attivazione di Apple

Apple lancia il servizio web Blocco attivazione per sapere al volo se un iPhone, iPad, iPod usato è rubato o meno
Non appena Apple lancia un nuovo modello di iPhone, iPad o iPod touch aumenta in modo esponenziale la compravendita di tali dispositivi iOS usati, da un parte perché i nuovi acquirenti hanno l'occasione di strapparli a un prezzo vantaggioso al vecchio proprietario il quale a sua volta con il guadagno ottenuto dalla vendita potrà così ammortizzare il costo di acquisto del nuovo iDevice.

Ma quando si compra un iPhone, iPad o iPod touch di seconda mano bisogna prestare la massima attenzione perché nel caso in cui tale dispositivo fosse rubato è molto probabile che sia stato bloccato dal proprietario/vittima (tramite "Modalità Smarrito" dell'app Trova il mio iPhone/iPad/iPod come spiegato in questa guida dedicata), risultando così essere inutilizzabile, buttando di conseguenza via i soldi.

Apple di recente si è attivata ulteriormente per dare filo da torcere a questo fiorente losco mercato attivando il nuovo servizio online "Blocco attivazione" grazie al quale è possibile sapere velocemente se un iPhone, iPad o iPod touch è rubato oppure no. Tutto ciò che occorre fare è recarsi su questa pagina internet del servizio e come nell'esempio sotto in figura:
nell'apposito campo di inserimento digitare l'IMEI o il numero di serie dell'iDevice che si intende verificare prima di comprarlo. L'IMEI e/o il numero di serie di un iPhone, iPad o iPod touch si può reperire rapidamente dal dispositivo stesso andando in Impostazioni > Generali > Info oppure su iTunes nella scheda "Sommario" (quando il dispositivo è collegato al computer), o ancora nel retro dello stesso dispositivo o nella sua confezione. Dunque se il venditore si rifiuta di fornire l'IMEI o il numero di serie con qualche scusa, è già un segnale che quell'iPhone, iPad o iPod tocuh è rubato e/o bloccato.

Se invece il venditore acconsente a fornirlo, dopo averlo digitato sul servizio web "Blocco attivazione", una volta immesso il codice di verifica e confermato cliccando "Continua", Apple scansionerà velocemente il suo database per restituire il verdetto, ovvero se il dispositivo in questione è rubato/bloccato o meno:
Nell'esempio sopra in figura il responso "Blocco attivazione: non attivo" significa che l'iDevice corrispondente al numero IMEI o di serie fornitoci non è bloccato, dunque dovrebbe essere legittimo non rubato. In caso contrario se come verdetto compare "Blocco attivazione: attivo" allora è bene stare alla larga da quel venditore e spendere i soldi per un altro iPhone, iPad, iPod in regola.

LEGGI ANCHE: Come localizzare e bloccare a distanza l’iPod Touch, iPhone e iPad rubato o perso

Commenti

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…