Passa ai contenuti principali

Come usare le app Android sul computer con Chrome (Windows, Mac e Linux)

Con ARChon è possibile convertire le app Android in app Chrome per usarle sul computer tramite il browser internet di Google
Google su i suoi Chromebook come funzionalità predefinita permette di eseguire alcune applicazioni Android (Evernote, Duolingo, Sight Words e Vine ma in futuro ne verranno portate altre), cosa che invece al momento non è ancora possibile su computer Windows se non si utilizzano appositi software di terze parti come il già recensito BlueStacks.

Ma da qualche giorno grazie al lavoro di uno sviluppatore indipendente (non legato a Google), è possibile aprire e usare le applicazioni Android sul computer Windows, Mac e Linux tramite il browser internet Google Chrome e ARChon Custom Runtime.
L'unico requisito richiesto è che sul computer sia installato Chrome versione 37 o successiva. Vediamo come procedere.

1. Da questa pagina web scaricare sul computer ARChon Custom Runtime in versione a 32 bit o 64 bit a seconda dell'architettura di Chrome installato sul computer (leggi qui per vedere se il tuo Chrome è a 32 bit o 64 bit). ARChon Custom Runtime verrà scaricato come file ZIP e la sua dimensione è di 95 MB. Una volta scaricato, scompattare l'archivio.

2. Avviare Google Chrome, andare in Menu > Altri strumenti > Estensioni e come nell'esempio sotto in figura:
prima abilitare la "Modalità sviluppatore" (1), dunque cliccare il pulsante "Carica estensione non pacchettizzata" (2) e infine indicare la cartella ottenuta scompattando l'archivio ZIP ARChon Custom Runtime (3). Fatto ciò, se tutto è andato a buon fine ARChon Custom Runtime verrà installato come estensione di Google Chrome.

3. Adesso sul proprio cellulare o tablet Android lanciare Google Play e da questa pagina dello Store scaricare e installare l'applicazione gratis ARChon Packager (Chrome APK Packager). La funzione di questa app è di modificare/convertire le app Android (installate sullo smartphone o tablet, oppure i file APK archiviati nella memoria del dispositivo) in app Google Chrome in maniera tale che possano appunto funzionare sul browser desktop del computer tramite ARChon Custom Runtime precedentemente installato.
Una volta avviato Chrome APK Packager, come riportato sopra in figura, nel primo screenshot da sinistra selezionare l'opzione "Installed application" se, per farla funzionare su Chrome del computer, si desidera modificare un'app installata sul cellulare, oppure selezionare l'opzione "Select an APK from phone's storage" se si preferisce modificare un file APK (il file d'installazione delle app Android) presente in memoria; confermare toccando Next.

A seguire (secondo screenshot) scorrere la lista delle app installate sul proprio dispositivo Android e toccare, per selezionarla, quella che intende modificare/convertire.

Nella schermata successiva (terzo screenshot) selezionare l'opzione "Phone mode" o "Tablet mode" se si preferisce far girare l'app su Chrome del computer come se fosse in esecuzione sul cellulare o sul tablet; selezionare l'opzione "Portrait" o "Landscape" se rispettivamente si preferisce usare l'app in orientamento verticale oppure orizzontale; confermare e proseguire toccando Next.

Al termine del processo di modifica/conversione, nell'ultima schermata (quarto screenshot) confermare e concludere il tutto toccando il pulsante "Finish". Ripetere la stessa procedura per convertire/modificare in applicazione Chrome tutte le app Adroid desiderate.

4. Collegare il cellulare o tablet al computer e sul computer copiare tutti i pacchetti ZIP ottenuti con la conversione delle app Android precedentemente effettuata (per ogni app convertita/modificata si otterrà un pacchetto/archivio ZIP). I pacchetti ZIP verranno automaticamente salvati nella memoria interna o esterna dello smartphone o tablet nella sottocartella "ChromeAPKS".

5. Copiato l'archivio ZIP dell'app sul computer non resta che scompattarlo. Fatto ciò lanciare Google Chrome, andare in Menu > Altri strumenti > Estensioni e con la "Modalità sviluppatore" attiva cliccare il pulsante "Carica estensione non pacchetizzata" dunque indicare la cartella ottenuta scompattando l'archivio ZIP dell'applicaizone Android per installarla su Chrome (una volta installata sarà disponibile in chrome://apps come nell'esempio delle due sotto in figura evidenziate in rosso):
Per avviare l'app basterà farci sopra un doppio clic di mouse; subito dopo essa verrà eseguita in una finestra separata come una qualsiasi altra app Chrome.

Il problema è che non tutte le app Android convertite in app Chrome funzioneranno, in quanto ARChon è ancora un progetto sperimentale, dunque non ancora stabile al 100%. Io ad esempio non sono riuscito a eseguire l'app Android "Avanti un altro" comunque convertita correttamente in app Chrome.

Ad ogni modo, per fare più in fretta, da questa pagina web dedicata al progetto ARChon è possibile scaricare subito app Android convertite in app Chrome già pronte da installare sul browser ma soprattutto già testate, ovvero che funzionano sicuramente o quasi sul browser di Google. Come visto in precedenza, anche qui occorre scompattare l'app dall'archivio ZIP e installarla su Chrome con il metodo "Carica estensione non pacchetizzata".

LEGGI ANCHE: Android, scaricare le app APK sul cellulare da Google Play

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…