Passa ai contenuti principali

Come disattivare la copia delle foto su iCloud (iPhone, iPad, iPod touch)

Guida su come non mettere le foto su iCloud disattivando il caricamento automatico dal cellulare o tablet
Qualche giorno fa ha fatto grosso clamore la notizia delle foto sexy rubate dagli account iCloud di svariati personaggi famosi come Jennifer Lawrence, Kaley Cuoco, Avril Lavigne, Kate Upton, Ariana Grande, Lea Michele, Kirsten Dunst e tantissimi altri VIP ancora (dei quali è possibile consultare l'intera lista su questa pagina) pubblicate poi sul sito internet 4chan.org nei canali /b/ e /s/.

Il clamoroso furto è a opera di hacker che hanno sfruttato la tecnica del bruteforce per violare la password di accesso agli account iCloud delle vittime sui quali venivano caricate automaticamente le foto scattate con l'iPhone, iPad, iPod touch ma anche con altri cellulari e tablet non Apple sui quali comunque veniva utilizzato iCloud come servizio di archiviazione online.

Tale vicenda ha così allarmato non poco gli utenti di tutto il mondo che sul proprio smartphone e/o tablet hanno installato e attivato iCloud. Dunque se si è in cerca di un modo per non mettere le proprie foto su iCloud disattivando il caricamento automatico, a seguire andiamo a vedere come procedere su i dispositivi Apple iPhone, iPad e iPod touch.

LEGGI ANCHE: Android come rendere i dati irrecuperabili prima di vendere il cellulare o tablet

Il tutto è piuttosto semplice. Sul proprio dispositivo Apple iOS (e su ogni dispositivo in proprio possesso) portarsi in Impostazioni > iCloud > Immagini e come mostrato nel terzo screenshot sopra in figura disattivare la funzionalità "Il mio streaming foto" così da impedire che l'iPhone, iPad o iPOd touch carichi automaticamente le foto nuove su iCloud quando è attiva la connessione a internet. Si potrebbe prendere in considerazione di disattivare anche la funzionalità "Condivisone foto" anche se serve solamente per creare album online (con foto di propria scelta) da condividere con altre persone.

Infine per essere sicuri che il caricamento automatico su iCloud delle foto scattate sia stato disattivato, sul proprio iDevice portarsi in Impostazioni > Foto e fotocamera e qui verificare che le due funzionalità "Il mio streaming foto" e "Condivisone foto" siano spente.

Se invece si preferisce evitare la disattivazione del caricamento automatico delle foto su iCloud ma allo stesso tempo rendere la vita difficile se non impossibile agli eventuali cybercriminali, per una maggiore sicurezza si può allora prendere in considerazione di attivare la verifica in due passaggi per accedere al proprio account (ID Apple) oltre che con l'immisione della password anche con l’inserimento di un codice di verifica a 4 cifre che si riceverà per SMS (su un numero di telefono abilitato a ricevere SMS).

Inoltre valgono sempre gli accorgimenti base di sicurezza quali: utilizzare password complesse difficili da indovinare che siano lunghe e composte da simboli, lettere maiuscole e minuscole e numeri; non utilizzare la stessa password su account diversi; non abboccare alle email phishing nelle quali viene chiesto di comunicare la propria password per questioni di sicurezza, in quanto sono vere e proprie truffe (LEGGI ANCHE: Come riconoscere le email di phishing per non cascare nella truffa).

Commenti

  1. Le foto copiate su icluod sono divise per terminali o vengono tutte mischiate in un unico calderone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tutte accessibili (quelle su iCloud) tramite il tuo account (ID Apple) a prescindere dal dispositivo.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…