Passa ai contenuti principali

Come creare una partizione dell'hard disk con EaseUS Partition Master

Guida su come creare una partizione del disco usando il programma gratis EaseUS Partition Master Free Edition
Partizionare l'hard disk del computer significa suddividerlo in una o più unità logiche di memoria che è possibile gestire come unità separate in modo indipendente l'una dall'altra.

Principalmente si va a creare una partizione dell'hard disk quando si ha necessità di installare un'altro sistema operativo nello stesso hard disk oppure per creare un tot di spazio di archiviazione sul quale conservare file e dati importanti o di altra tipologia ancora.

Se i sistemi operativi come Windows 7 e Windows 8 e 8.1 (ma non Windows XP e Windows Vista) sono già provvisti per impostazione predefinita del tool Gestione disco (disponibile in Pannello di controllo > Strumenti di amministrazione > Gestione computer o Computer Management) con il quale appunto gestire e creare partizioni, su internet a disposizione ci sono svariati programmi di terze parti sviluppati appositamente per questo scopo e talvolta più funzionali. A tale proposito a seguire andremo ora a vedere come creare una partizione dell'hard disk con il programma EaseUS Partition Master Free (la versione gratuita).

1. Una volta installato e avviato EaseUS Partition Master Free Edition (link di download a fine articolo) come nell'esempio sotto in figura:
si avrà modo di notare che nella schermata iniziale verrà mostrato in lista l'hard disk principale (quello dove è installato Windows che solitamente è C:) ed eventualmente le altre partizioni già esistenti e/o le altre unità di memoria collegate al computer, per ognuna delle quali è riportato la tipologia di file system, la capacità totale, lo spazio utilizzato, lo spazio libero, lo stato e il tipo.

Qui non si deve fare altro che selezionare con un clic di mouse l'unità di memoria che si desidera partizionare e nella colonna a sinistra dell'interfaccia cliccare l'opzione "Resize/Move partition".

2. Verrà così aperta l'omonima finestra "Resize/Move partition" nella quale, come nell'esempio sotto in figura:
agendo sul cursore evidenziato in rosso si dovrà specificare lo spazio da dedicare alla partizione che si desidera creare. Lo spazio selezionato per la partizione sarà visibile nel riquadro "Unallocated" e lo si potrà aumentare o diminuire ancora a piacimento agendo ulteriormente sull'apposito cursore. Una volta specificata la capacità della partizione confermare cliccando OK.

3. Tornati alla schermata iniziale di EaseUS Partition Master Free Edition, come si avrà modo di notare è adesso disponibile virtualmente la nuova partizione ma che al momento non è allocata (Unallocated) in quanto appunto è ancora virtuale e non effettiva. Dunque come nell'esempio sotto in figura:
con un clic di mouse selezionare la nuova partizione e nella colonna a sinistra dell'interfaccia cliccare l'opzione "Create partition". Nell'omonima finestra che verrà visualizzata subito dopo, come nell'esempio sotto in figura:
in "Partition Label" si dovrà digitare un nome da dare alla partizione, in "Drive Letter" indicare la lettera da assegnare all'unità, infine assicurarsi che il File System sia di tipo NTFS. Confermare il tutto cliccando il pulsante OK.

4. Tornati alla schermata iniziale del programma non resta altro che cliccare il pulsante "Apply" (in alto alla colonna a sinistra dell'interfaccia) per confermare il tutto. Verrà chiesto il riavvio del computer durante il quale verrà eseguita l'operazione di partizionamento. Al termine, al prossimo accesso a Windows si potrà così constatare che in Risorse del computer è ora disponibile la nuova partizione del disco pronta da usare per le proprie necessità.

Notare che EaseUS Partition Master Free Edition è un programma gratis per la gestione completa delle partizioni di memoria in Windows, non solo per crearne di nuove bensì anche per copiare, unire, convertire, nascondere, eliminare e formattare le partizioni esistenti.

Compatibile con Windows: XP, Vista, 7, 8, 8.1, 10 | Dimensione: 29.16 MB | Download EaseUS Partition Master Free Edition

LEGGI ANCHE: Creare una partizione di ripristino da usare anche se Windows non si avvia (XP, Vista, 7, 8 e 8.1)

Commenti

  1. Caro Viennie,Il mio pc nuovo, escludendo l'unità E, ha 2 unità:1)windows in C (856GB disponibili su 913); 2)RECOVERY in D (1,92GB disp su 16,2). Se vado a vedere i dettagli nella finestra "Gestione Disco" accessibile dal pannello di controllo, la situazione è la seguente:
    1)volume (non ha un titolo), file system non è specificato; Stato:integro(partizione di sistema EFI), capacità 260MB interamente disponibile.
    2)volume (anche questo non ha un titolo),file system non è specificato;Stato:integro (partiz di ripristino);capacità 980MB interamente disponibile.
    3)volume RECOVERY (D:),file system non è specificato;Stato:integro (partiz OEM), capacità 16,28GB di cui disponibile 1,92GB.
    4)idem come il n.3 eccetto il file system che è specificato essere ntfs.
    5)volume Windows (C:), ntfs;Stato:integro (Avvio,...,partiz primaria);capacità 914GB di cui disponibili 856,91GB.

    Premesso che non capisco bene la storia dei 5 volumi e la descrizione degli Stati, la mia finalità è quella di utilizzare AOMEI OneKey Recovery per ripararmi nel caso W10 non si avvii autonomamente all'accensione del pc. Però, come tu stesso hai specificato a quel proposito, prima di ricorrere a AOMEI è necessario creare una partizione di ripristino. Non so se sia anche il caso di fare una ulteriore partizione con la finalità di archiviazione. Scusa la lungaggine dello scritto e il mio livello di ignoranza, ma ti chiedo cortesemente: come agiresti tu se fossi nei miei panni? Ti chiedo cioè di specificarmi esattamente che ripartizioni faresti e di quanti GB? Scrivimelo come se dovessi rivolgerti ad un bambino delle elementari 😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In entrambi i casi nessun problema perché tanto devi basarti sulla partizione principale che è il Disco locale C dal quale puoi creare una nuova partizione di archiviazione e una partizione di ripristino. ;)

      Elimina
    2. Quindi la D, ovviamente resta così.
      La C diventerà di 3 parti. Specificami, per piacere, queste 3 quantità in termini di GB in base alle info che ho fornito. Non dirmi: "a tuo piacimento" perchè immagino di non dover risicare, nè mi conviene abbondare, immagino. Dimmi le proporzioni delle 3 e le corrispondenti destinazioni. Grazie 😘

      Elimina
    3. Per la partizione di ripristino dai circa 5 - 10 GB in più dello spazio occupato in C; quella di archiviazione dipende dalle tue esigenze, la mia è da 20 GB, ma a te potrebbe andare bene meno o più, dipende da cosa ci vuoi archiviare e quanto. ;)

      Elimina
    4. Ho chiesto aiuto anche altrove, per venirne fuori, ma mi suggeriscono un appropcio differente e meno complicato, secondo il loro parere. Dal momeento che ho w10, mi suggeriscono di munirmi di disco esterno usb di capienza adeguata e utilizzare lo strumento nativo che esiste dall'epoca di Windows 7 ovvero "Crea un'immagine di sistema". A detta loro, in poco tempo metterò al sicuro tutti i volumi così come me lo trovo adesso (alcuni li includerà lui in automatico, e di solito sono tutti quelli necessari al ripristino). Sempre a detta loro, posso poi guardare dei tutorial che mi guideranno sia alla realizzazione dell'immagine sia al ripristino. Che opinione hai di questa risposta? Giungo allo stesso risultato o è una cosa diversa?

      Elimina
    5. Si certo che puoi reare l'immagine di sistema e poi ripristinare il PC a quello stato in caso di bisogno. Ne vaevo parlato qui:

      http://www.guidami.info/2015/10/windows-10-come-creare-immagine-di-sistema-e-ripristinare.html

      Avevo capito ti interessasse usare software di terze parti. Dato che ci sei l'hard disk esterno prendilo da 1 TB visto che costa dai 50 ai 60 euro così da farci stare anche più immagini nel caso ti occorresse.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…