Passa ai contenuti principali

Novità Gestione Dispositivi Android: il pulsante nella schermata di blocco per chiamare il prorietario del telefono perso

Con la Nuova schermata di blocco in Gestione Dispositivi Android, sulla lock screen del cellulare o tablet rubato o perso si può visualizzare un pulsante da toccare per chiamare il proprietario
Nel caso in cui il proprio cellulare o tablet Android venisse perso o rubato, per rintracciarlo abbiamo già visto in questa guida come fare utilizzando il servizio Gestione Dispositivi Android di Google e in quest'altra guida come fare da "ospite" agendo da un altro dispositivo Android ad esempio lo smartphone o il tablet di un amico o di un parente.

La Gestione Dispositivi Android è dunque l'ultima spiaggia, l'ultima possibilità di ritrovare il proprio telefonino perso o rubato, grazie alla quale è possibile bloccare da remoto il dispositivo e nei casi senza speranza di recupero cancellare da remoto tutti i file e tutti i dati personali in maniera tale che non entrino in mano al "nuovo proprietario".

Vista l'importanza di Gestione Dispositivi Android, Google ha deciso di arricchire ulteriormente il servizio introducendo di recente la Nuova Schermata di Blocco che prevede una nuova funzionalità grazie alla quale adesso nella schermata di blocco del cellulare o tablet Android è possibile mostrare un pulsante che una volta toccato dalla persona che lo ha trovato (e che ha voglia di restituirlo) avvierà automaticamente una chiamata a un numero di telefono di proprio interesse indicato in Gestione Dispositivi Android. Vediamo meglio come funziona e di cosa si tratta.

Mettendo il caso di aver smarrito il cellulare o tablet Android, andare dunque sul sito Gestione Dispositivi Android e come nell'esempio sotto in figura:
cliccare l'opzione "Blocca" per aprire la finestra di configurazione della "Nuova schermata di blocco". Come si avrà modo di notare sarà ora possibile bloccare con password da remoto il cellulare o tablet perso o rubato direttamente dalla schermata di blocco (non utilizzare la stessa password dell'account Google).

Ma è anche possibile digitare un messaggio di testo da visualizzare nella schermata di blocco (Messaggio per il ripristino) e il numero di telefono da chiamare nel caso in cui la persona che ha trovato il dispositivo voglia restituircelo. Una volta immesso il tutto confermare e avviare il blocco del dispositivo cliccando il pulsante "Blocca". Sul cellulare o tablet la schermata di blocco apparirà così:
Ovvero uno sfondo nero sul quale è visualizzato il messaggio di testo precedentemente inserito seguito dal pulsante verde di chiamata il quale  come detto prima una volta toccato avvierà in automatico una telefonata al numero di telefono che si è indicato/associato in Gestione Dispositivi Android.

Infine, oltre le chiamate di emergenza e la chiamata al proprietario, con il cellulare o tablet bloccato la persona che lo ha trovato non potrà fare altro senza aver prima sbloccato con password il dispositivo (secondo screenshot sopra in figura).

LEGGI ANCHE: App Android per ritrovare il cellulare con un fischio

Commenti

  1. Chi mi spiega , come fare quando ho ritrovato il mio tablet, a non fare più richiedere la password all'accensione???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai in Impostazioni > Schermata di blocco > Blocco schermo > Nessuna. Se invece vuoi rimuovere l'inserimento del PIN della SIM vai in Impostazioni > Sicurezza > Configura PIN della SIM.

      Elimina
  2. ciao, ieri pomeriggio ho bloccato il mio cellulare da Gestione dispositivi Android, perché l'avevo smarrito, ma adesso non riesco a sbloccarlo perché ogni volta mi dice che la password è errata...qualcuno può aiutarmi, come posso fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può aiutarti solo Google se ti fa fare la procedura di recupero password dimenticata.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…