Passa ai contenuti principali

App Android per diminuire la luminosità dello schermo oltre il limite migliorando la lettura al buio e la durata della batteria

Screen Filter è un app Android per abbassare la luminosità dello schermo oltre il limite consentito migliorando la lettura al buio e la durata della batteria
La luminosità dello schermo del cellulare e del tablet, Android in questo caso specifico, può essere regolata a piacimento secondo le proprie personali esigenze agendo dall'apposita impostazione standard prevista dal sistema operativo.

Regolare la luminosità dello schermo, abbassandola, si rivela utile principalmente in due circostanze: per risparmiare la carica della batteria in quanto se è troppo luminoso la durata di quest'ultima verrà ridotta talvolta anche notevolmente, e per la lettura in ambienti con poca luce, al buio magari, così da non affaticare troppo gli occhi e senza disturbare le persone vicine in quel momento.

Ma non sempre con l'impostazione predefinita di Android si riesce a ridurre la luminosità dello schermo del telefonino o del tablet al livello desiderato ottenendo così un display ancora troppo luminoso. Se ci si riconosce in questa situazione, per i dispositivi del robottino verde ecco allora che potrebbe rivelarsi risolutiva l'applicazione gratis Screen Filter (link di download a fine articolo).

L'app Screen Filter infatti fa una sola cosa e la fa bene, ovvero permette di diminuire la luminosità dello schermo Android oltre la soglia minima consentita dall'impostazione standard del sistema operativo; in questo modo e allo stesso tempo ne gioveranno sia la vista che la durata della batteria. Tra l'altro Screen Filter è semplice da utilizzare. Vediamo come usarla.

Per prima cosa installare Screen Filter senza però avviarla ancora. Richiamare l'impostazione di default di sistema e abbassare la luminosità del dispositivo al minimo consentito. Adesso avviare Screen Filter per vedere l'effetto che è possibile ottenere; come si avrà modo di notare un volta avviata l'app verrà automaticamente settata una riduzione della luminosità dello schermo di circa il 50%. Difatti lo schermo dello smartphone o del tablet Android risulterà essere meno luminoso rispetto al minimo normalmente consentito dall'impostazione predefinita.

Ovviamente si ha modo di accedere all'app per regolare ulteriormente a proprio piacimento la luminosità dello schermo. Basterà aprire la barra degli strumenti Android (strisciando il dito dall'alto dello schermo verso il basso) e qui toccare la notifica "Screen Filter" che porterà subito alle impostazioni dell'app (sotto in figura):
Non si dovrà fare altro che agire sul cursore di selezione "Adjust filter brightness" per indicare la percentuale di riduzione luminosità che più si preferisce. Ci si può fare un'idea dell'effetto che si andrà ad ottenere basandosi sul testo dimostrativo visualizzato subito sotto il cursore di selezione. Quando soddisfatti confermare e applicare il nuovo filtro di luminosità toccando il pulsante "Enable Screen Filter". Sotto tre screenshot che mostrano la luminosità dello schermo minima consentita di default da Android OS (prima immagine a sinistra) ridotta poi ulteriormente con Screen Filter:
N.B. Se si è già provveduto ad abbassare al minimo la luminosità dello schermo agendo dall'impostazione predefinita di sistema, su Screen Filter evitare una riduzione della luminosità sotto il 20% in quanto lo schermo diverrebbe del tutto nero di conseguenza ingestibile.

Per attivare o disattivare Screen Filter è sufficiente toccare l'icona dell'applicazione che verrà creata con l'installazione; per maggiore comodità si potrebbe dunque prendere in considerazione di spostarla nella Schermata Home del cellulare o del tablet.

Download applicazione Screen Filter per Android

LEGGI ANCHE: Cambiare i colori delle pagine internet per leggere senza fatica anche di notte

Commenti

  1. Gente che scherza: per luminosità si intende la quantità di luce emessa dai led sotto i cristalli liquidi. Questa dipende dalla corrente con cui alimento i led e non da cosa ci metto sopra. Ovviamente uno screen fatto con luminosità bassa o alta ha lo stesso aspetto!! Un app che ingrigisce lo schermo non diminuisce la luce emessa dai led ma abbassa solo la luce trasmessa dall'LCD. VOMITO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la stessa Apple afferma che "la luminosità dello schermo può influenzare la durata della batteria" un motivo ci sarà:

      https://support.apple.com/it-it/HT202613

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…