Passa ai contenuti principali

Come chiedere la rimozione dei link Google che ci riguardano (diritto all'oblio)

Con il Diritto all'oblio Google mette a disposizione un modulo con il quale le persone posso richiedere la cancellazione dai risultati di ricerca
La sentenza della Corte Europea numero 131/12 ha stabilito che i motori di ricerca sono responsabili dei dati personali delle persone pubblicati su siti di terzi, di conseguenza nel caso in cui in seguito a una ricerca sul web tali dati compaiano su pagine internet linkate nei risultati di ricerca del motore, la persona interessata è legittimata a richiedere a quest'ultimo la rimozione di tali indirizzi.

Questa opportunità è chiamata Diritto all'oblio ovvero il diritto di essere dimenticati. Per adesso il motore di ricerca interessato è Google (solo nella sua versione europea, dunque anche Google Italia) chiamato in causa da un cittadino spagnolo affinché dai risultati di ricerca venissero rimossi alcuni link che lo riguardavano circa una vecchia vicenda giudiziaria pubblicata e ancora online sulla versione web di un noto quotidiano iberico. Ma va da sé che il diritto all'oblio interesserà tutti i motori di ricerca del web.

Preso atto della sentenza della Corte Ue, Google da canto suo si è tempestivamente adoperato in tal senso lanciando online un apposito modulo raggiungibile su questa pagina tramite il quale, come spiega Larry Page, ogni persona potrà richiedere la cancellazione dei link dai risulati di ricerca "che includono il loro nome, qualora tali risultati siano inadeguati, irrilevanti o non più rilevanti, o eccessivi in relazione agli scopi per cui sono stati pubblicati".
Compilando il modulo oltre ad inserire nazione di provenienza, nome e cognome, indirizzo email, si dovranno indicare gli URL (indirizzi) per i quali si sta richiedendo la rimozione e specificare per ognuno di essi il motivo della richiesta di cancellazione da Google. Ancora, per evitare l'opera di qualche buontempone sarà necessario anche fornire un valido documento di identità che servirà a Google per autenticare la richiesta di rimozione (Google fa sapere che la copia del documento inviata verrà eliminata entro un mese dalla chiusura della pratica relativa alla richiesta di rimozione effettuata). Tenere in considerazione che la richiesta di rimozione non verrà evasa se il modulo non viene compilato correttamente o è incompleto.

Al momento non si ha modo di sapere quanto tempo impiegherà Google nel cancellare i link dai risultati di ricerca. Stando ad alcuni rumors pare che nel suo solo primo giorno di attività il modulo abbia ricevuto oltre 12.000 richieste di rimozione (cifre non ufficiali).

Ad ogni modo prima di inoltrare la richiesta a Google, come quest'ultimo spiega nel dettaglio in questa pagina dedicata, è bene sapere che nella maggior parte dei casi è sufficiente contattare il webmaster del sito internet e chiedere a esso di eliminare i contenuti scomodi in questione; qualora non si ottenga alcun riscontro dal webmaster allora si che converrà procedere con la richiesta di rimozione a Google tramite l'apposito modulo.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…