Passa ai contenuti principali

Come nascondere il tasto Start in Windows 8.1 e 7

Un piccolo programma gratis per nascondere il pulsante Start di Windows 8.1 e 7 liberando lo spazio nella barra delle applicazioni
Il tasto Start è stata in assoluto una delle opzioni più attese in Windows 8.1 dato che la Microsoft decise di non implementarlo nella precedente versione Windows 8, mettendo così fine a una delle principali caratteristiche che da sempre hanno accompagnato i sistemi operativi Windows.

Dunque tenendo conto dei tantissimi feedback degli utenti rilasciati in merito al grande assente, sull'ultimo sistema operativo Windows 8.1, Microsoft ha rimesso il pulsante Start nella barra delle applicazioni. Però chi ha avuto modo di testarlo personalmente, questo tasto non visualizza il classico menu Start al quale ci si è abituati fino a Windows 7, bensì è il menu Windows+X di Windows 8 (combinazione di tasti che fra l'altro funziona anche in Windows 8.1) con in aggiunta l'opzione per spegnere, riavviare e sospendere il computer.

Cosa che non è andata giù a molti utenti ma alla quale si può comunque rimediare mettendo il tasto Start con annesso menu su Windows 8 e 8.1 in vero e proprio stile Windows 7, installando uno di questi appositi programmi gratis, fra i quali consiglio Classic Shell.

D'altra parte però ci sono invece altri utenti che non hanno rimpianto la mancanza del pulsante Start su Windows 8, anzi hanno apprezzato la novità, dunque dopo l'aggiornamento ritrovarselo in Windows 8.1 si è rivelato essere fastidioso. Se si è fra questi utenti, a seguire andiamo ora a vedere un piccolo software freeware con il quale nascondere il tasto Start su Windows 8.1 e anche su Windows 7.

Il programma in questione si chiama 7+ Taskbar Tweaker e consente di configurare vari aspetti della barra delle applicazioni di Windows, fra i quali anche il tasto Start. Una volta avviato si presenterà con questa interfaccia (sotto in figura):
nella quale fra le tante opzioni, in basso a destra nel riquadro "Altro" evidenziato in rosso, ci sono quelle necessarie allo scopo. Ovvero per nascondere il tasto Start di Windows 8.1 e Windows 7, basterà selezionare l'opzione "Nascondi il tasto Avvio" e nell'immediato come si avrà modo di notare, esso scomparirà dalla barra delle applicazioni liberando anche lo spazio da esso occupato.

Il pulsante Start non viene eliminato, bensì nascosto, infatti se si va a posare il puntatore del mouse nell'angolo in basso a sinistra della barra delle applicazioni, eccolo spuntare nuovamente; fra l'altro sarà possibile adoperarlo come di consueto.

Tra le altre opzioni del riquadro "Altro" di 7+ Taskbar Tweaker potrebbero tornare utili anche quelle per nascondere dalla barra delle applicazioni il tasto mostra Desktop e quella per mostrare i secondi nell'orologio di Windows. Per far si che tali opzioni funzionino automaticamente ogni volta che si usa il PC, è necessario che 7+ Taskbar Tweaker venga avviato con Windows (l'opzione verrà mostrata durante l'installazione del programma).

Compatibile con Windows: 7 e 8.1 | Dimensione: 1.06 MB | Download 7+ Taskbar Tweaker

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…