Passa ai contenuti principali

Eliminare i vecchi aggiornamenti di Windows per liberare spazio (novità Microsoft)

Anche se ormai da qualche anno i PC vengono forniti con hard disk sempre più capienti, non è affatto una situazione rara ritrovarsi con la memoria del disco agli sgoccioli, soprattutto se si tende a collezionare e archiviare musica, video e file di tutt’altro che modeste dimensioni.

Dunque a un certo punto si prenderà la decisione di liberare spazio sul disco, magari usando appositi programmi per individuare quali sono i file e le cartelle più pesanti in tal senso. Ma oltre ai file personali, fra le tante altre cose su Windows un certo quantitativo di memoria viene occupato anche dai vecchi aggiornamenti di Windows che di default vengono conservati sul disco in maniera tale che l’utente possa ripristinarli qualora il nuovo update effettuato si riveli problematico per il computer. Ma se dopo qualche giorno o settimana non si riscontrano anomalie e instabilità in seguito all’update, significa che quest’ultimo funziona correttamente, dunque i vecchi aggiornamenti diventano inutili e inutilmente occupano spazio sul disco.

A tale proposito come descritto in questo articolo dedicato, su Windows XP un po’ di memoria (nell’ordine di qualche centinaio di megabyte se non pure di qualche gigabyte) si può guadagnare proprio eliminando dall’hard disk i vecchi aggiornamenti di Windows Update.

Con un recente aggiornamento per Windows 7 SP1 la Microsoft integra in questa versione del sistema operativo, l’opzione “Pulizia di Windows Update” nello strumento predefinito Pulizia disco. Come si può intuire dal nome, tale opzione serve ad eliminare i vecchi Windows Update dall’hard disk al fine di recuperare spazio. Su Windows 8 e Windows 8.1 tale caratteristica è già integrata. Per averla su Windows 7 SP1, se ancora non lo si è fatto, scaricare e installare gli ultimi aggiornamenti disponibili su Windows Update oppure agire da questa pagina. Vediamo come usare la nuova opzione Pulizia di Windows Update.

1. Nella tastiera premere il tasto Windows per richiamare il menu Start e cercare cleanmgr per avviare lo strumento Pulizia disco:

Pulizia disco Windows

Oppure premere la combinazione dei due tasti Windows+R e nella finestra di dialogo Esegui digitare il comando cleanmgr quindi premere Invio.

2. Una volta che lo strumento Pulizia disco avrà terminato di calcolare la quantità di spazio che è possibile liberare sull’hard disk, verrà visualizzata la finestra Pulizia disco per (nome del proprio hard disk):

Pulizia file di sistema Windows

nella quale si deve cliccare il pulsante “Pulizia file di sistema”. Subito dopo verrà nuovamente effettuato il calcolo della quantità di spazio che è possibile liberare sull’hard disk.

3. Al termine verrà aperta nuovamente la finestra Pulizia disco per (nome del proprio hard disk) ma questa volta scorrendo la lista dei “File da eliminare” ecco che a disposizione ci sarà la nuova opzione Pulizia di Windows Update, come nell’esempio sotto in figura:

Pulizia di Windows Update

Opzione che di default è già abilitata. Subito accanto all’opzione come si avrà modo di vedere personalmente, è riportata la quantità di spazio che verrà liberata eliminando i vecchi aggiornamenti di Windows; nel mio caso 2,68 GB ma per voi potrebbe essere di più o di meno, dipende dai casi.

4. Per avviare la pulizia del disco (compresa l’eliminazione dei vecchi Windows Update) non resta altro che confermare cliccando OK. Al termine della pulizia per completare a pieno il processo potrebbe essere necessario dover riavviare il computer.

Infine per chi avesse tale necessità, la Microsoft in questa pagina spiega come automatizzare lo strumento di Pulizia disco su Windows.

LEGGI ANCHE: Eliminare gli aggiornamenti di Windows corrotti e risolvere problemi comuni.

Commenti

  1. Grazie mille per le tue utili guide pensavo che non si poteva cancellare gli aggiornamenti,dopo quanto tempo posso disintallarli per essere sicuro di non aver problemi? un mese basta ? questo vale anche per gli aggiornamenti di java e adobe flash player? in attesa di una tua risposta,ti ringrazio tantissimo, grazie a te scopro argomenti nuovi e imparo cose nuove,continua cosi mitico e buon lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, basta anche una settimana, il tempo comunque che ti serve per essere sicuro che tutto sta funzionando bene e quel punto puoi dunque sbarazzarti dei vecchi aggiornamenti. Gli aggiornamenti di java e adobe flash player vengono automaticamente rimpiazzati con la nuova versione che installi, ma nel caso in cui per un qualche motivo ci sono installate due versioni differenti mantieni solo la più recente e rimuovi la più vecchia. ;)

      Elimina
  2. Grazie mille sei unico,buona serata.

    RispondiElimina
  3. Ho notato che dopo la pulizia mi segnala un "nuovo" aggiornamento che risale a giugno, è normale? Grazie e complimenti per il blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mirko, non dovrebbe dipendere dalla pulizia, perché vengono eliminati slo i vecchi aggiornamenti (installati). Ad ogni modo installa quell'aggiornamento di Giugno, dopo qualche tempo ripeti la pulizia e vedi se te lo ripropone.

      Elimina
  4. chiedo scusa,ma su windows 7 in "Pulizia Disco" non mi appare il quadratino con "pulizia windows update".
    come mai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Pulizia disco devi poi cliccare il pulsante Pulizia file di sistema dopodicHè ti apparirà l'opzione Ppulizia windows update. Provato proprio ora su Windows 7 Pro.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…