Passa ai contenuti principali

Come crittografare le email Gmail su Chrome per proteggere la privacy

Sulla scia del caso scandalo PRISM e sulle accuse mosse a Google riguardo il presunto mancato rispetto della privacy per i suoi utenti Gmail, vero o non vero prevenire è sempre meglio che curare, dunque sarebbe decisamente buona cosa prendere in considerazione di crittografare le email, almeno quelle dove si ha intenzione di scrivere informazioni riservate o comunque sensibili da comunicare a un’altra persona via internet.

Gli utenti Chrome in tal caso possono servirsi dell’ottima estensione Secure Gmail con la quale è possibile crittografare e decrittografare le email all’invio e alla ricezione (per decrittografarle è necessario che anche il destinatario adoperi Chrome e che abbia installato il componente aggiuntivo Secure Gmail).

Facile da usare, dopo aver aggiunto l’estensione sul browser, accedere a Gmail oppure aggiornare la pagina Gmail se già era aperta. Come si avrà modo di notare, adesso accanto al pulsante SCRIVI per comporre un nuovo messaggio di posta, è presente il pulsante che ha come icona un lucchetto:

Secure Gmail lucchetto

da cliccare quando si avrà la necessità di scrivere una nuova email crittografata. In questo caso la finestra di composizione si presenterà tale quale a quella classica:

Secure Gmail scrivere email criptata

ma con alcune sostanziali differenze, a parte la barra del titolo che qua è di colore rosso e che riporta la dicitura “Secured”. Innanzitutto la bozza non verrà mai salvata nei server di Google; infatti come indicato dalla freccia verde comparirà sempre la notifica “Salvataggio non riuscito”. Infine una volta composto il messaggio, per inviare l’email si dovrà cliccare il pulsante “Send Encrypted” e subito dopo agendo sulla finestra popup “Encrypt Message” che verrà visualizzata:

Secure Gmail settare password criptazione email

nel campo “Encryption Password” si dovrà digitare la password per criptare/decriptare l’email, parola segreta che dovrà essere fornita al destinatario (magari via SMS o altro mezzo) per poter leggere il messaggio in chiaro. Nel campo “Password Hint” opzionalmente si può digitare un suggerimento che aiuti a ricordare la password. Non resta che confermare la criptazione dell’email e inviarla cliccando il pulsante “Encrypt & Send”.

Il destinatario ricevuta e aperta l’email la visualizzerà criptata, incomprensibile (come nell’esempio sotto in figura):

Secure Gmail email criptata

Per poterla leggere in chiaro la dovrà necessariamente decriptare (ricordo ancora che anche il destinatario deve usare Chrome con installata l’estensione Secure Gmail) cliccando il link “Decrypt message with password” (indicato dalla freccia verde) e successivamente nella finestra popup che verrà visualizzata, nel campo “Decryption Password” dovrà digitare la password fornitagli dal mittente e confermare cliccando il pulsante “Decrypt” per decriptare il contenuto dell’email e vederlo così in chiaro:

Secure Gmail email decriptata

Download Secure Gmail per Chrome

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…