Passa ai contenuti principali

Windows: come vedere se la memoria RAM ha problemi

Abbiamo già visto quali caratteristiche deve avere un computer buono da comprare nuovo e come avere e mantenere un PC veloce e performante nel tempo.

Ad ogni modo in tal senso gli imprevisti e i problemi possono sempre manifestarsi specialmente quando si inizia a riscontrare lentezza del sistema operativo rispetto a prima. Ad esempio viene impiegato più tempo (a volte troppo) per aprire un file, per riprodurre file multimediali, programmi e giochi, o addirittura per aprire una cartella, per non parlare del browser internet che tra eseguirlo e caricare la pagina iniziale richiede anche un minuto o più.

A chi si lamenta di tali problematiche solitamente viene suggerito l’aggiunta o la sostituzione della memoria RAM. Per quanto riguarda l’aggiunta in parte è vero, più memoria RAM è installata maggiore sarà la velocità di sistema. Ma c’è da tenere in considerazione quanta memoria RAM riesce a supportare la scheda madre prima di comprare e montare un modulo da 4 o 6 GB. C’è anche da considerare il processore, se è vecchio e neanche un Dual Core almeno, più di tanto non lo si può velocizzare a prescindere dall’aggiunta di RAM che comunque apporta benefici in termini di velocità del sistema operativo.

Per quanto riguarda la sostituzione prima di dare la colpa dei problemi alla RAM e sostituirla alla cieca con un nuovo modulo, è bene appurare se effettivamente quella installata risulta essere problematica o meno. Da questo punto di vista i sistemi operativi Windows 8, 7 e Vista di default sono provvisti dello strumento di diagnosi dei problemi di memoria del computer con il quale è appunto possibile verificare eventuali problematiche della RAM installata.

Per servirsi di questo strumento, nel Pannello di controllo o nella Ricerca del menu Start o nella Ricerca della Charm bar digitare “diagnostica memoria” e una volta individuato il tool “Esegui la diagnosi dei problemi di memoria del computer”:

Esegui la diagnosi dei problemi di memoria del computer

non resta che farci sopra un click di mouse per avviarlo. A seguire verrà così visualizzata la finestra “Diagnostica memoria Windows” (sotto in figura):

Diagnostica memoria Windows

nella quale cliccare l’opzione “Riavvia ora e individua eventuali problemi” per riavviare subito il computer eseguendo in automatico lo Strumento di diagnostica della RAM:

Strumento di diagnostica della memoria RAM di Windows

Processo che impiegherà circa 10-20 minuti e al termine del quale si potrà sapere se la memoria RAM presenta problemi o meno.

Chi ha Windows XP o comunque vuole testare su Windows 8, 7 o Vista un altro strumento di diagnostica della memoria RAM, può servirsi dell’ottimo programma gratis MemTest86 (funziona anche su Linux). Il programma va eseguito all’avvio di Windows dunque deve essere scritto su chiavetta USB oppure CD o floppy disk bootable e settare nel BIOS l’avvio dal supporto di memoria sul quale si ha messo MemTest86.

Scaricato il programma, nell’archivio è presente anche l’applicazione imageUSB.exe la quale permette di creare con pochi click la chiavetta USB bootable di MemTest86:

imageUSB di MemTest86

Nell’interfaccia grafica di imageUSB si dovrà solamente indicare la chiavetta USB da usare, verificare che in Step 3 nel percorso sia stato specificato il file immagine memtest86-usb.img, quindi cliccare il pulsante “Write to UFD” per creare la chiavetta USB bootable.

Creata la chiavetta USB bootable non resta che riavviare il computer, settare nel BIOS l’avvio da unità USB ed ecco che a seguire avrà inizio lo strumento di diagnostica delle memoria RAM del computer:

MemTest86

che graficamente ricorda il tool integrato in Windows 8, 7 e Vista. Il completamento del controllo potrebbe richiedere anche più di 20 minuti. Ad ogni modo al termine si saprà se la RAM presenta problemi (in Errors) o meno.

Nel caso in cui non venissero riscontrati errori della memoria allora è il caso di cercare e rimediare alle cause del rallentamento provvedendo a fare una scansione del sistema per individuare ed eliminare eventuali malware, controllare che lo spazio su disco sia sufficiente e in caso contrario liberare la memoria, provvedere anche alla deframmentazione dell’hard disk. Per quanto riguarda Windows 7 e 8 leggi anche la guida: Usare la chiavetta USB come RAM aggiuntiva per velocizzare il sistema.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Scaricare video da ogni sito internet – Migliori programmi gratis per farlo

Scaricare video da internet è un’operazione ormai comune a tutti. La maggior parte degli utenti ha imparato bene come fare il download dei filmatidalla rete.

Ma la tendenza per la stragrande maggioranza degli utenti è quella di scaricare video sempre dagli stessi siti, tendenza in parte dovuta alla loro popolarità, al tanto materiale disponibile e alle varie risorse gratis sviluppate appositamente per fare il download da quei siti.

Però bisogna ricordare che oltre ai soliti noti, internet brulica di tanti altri portali video ricchi di contenuti di vario tipo e genere. L’unico problema potrebbe essere quello di non sapere come fare a scaricare i video nel PC anche da questi siti, magari perché non esistono estensioni dedicate o software appositi.

A tale proposito sotto a seguire andiamo dunque a vedere una lista dei migliori programmi gratis per scaricare video praticamente da ogni sito internet, anche da quelli dove normalmente è impossibile farlo.

1. aTube Catcher
Ne avevamo parlato de…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…

3 modi per aumentare il volume dei file video se l'audio è troppo basso

Alcune volte può capitare che riproducendo un file video al computer, un film scaricato da internet ad esempio, l'audio sia troppo basso e di conseguenza si faccia fatica a sentire i dialoghi anche aumentando al massimo il volume del player multimediale e/o del computer stesso.

Se si sta usando un computer fisso si può rimediare facilmente alzando il volume delle casse collegate al case, mentre invece il discorso cambia se si sta usando un computer portatile per il quale per ovvie ragioni di comodità, specialmente se si è fuori casa, non si avranno sicuramente con se le casse esterne da collegare al PC, di conseguenza aumentare il volume del lettore e del computer stesso potrebbe rivelarsi essere non sufficiente per ottenere un livello audio accettabile.

In tali circostanze si può comunque risolvere abbastanza rapidamente riproducendo il video su alcuni player multimediali provvisti di apposita opzione che permette di aumentare ulteriormente il volume anche se lo si è già portato …