Passa ai contenuti principali

Come rimuovere il jailbreak e riportare iPhone, iPad, iPod alle impostazioni di fabbrica

Come rimuovere il jailbreak e riportare iPhone, iPad, iPod alle impostazioni di fabbrica

Facendo il jailbreak si potrà sbloccare il proprio iPhone, iPad e iPod touch per avere Cydia in maniera tale da poter scaricare e installare sul dispositivo Apple applicazioni e utility varie non ufficiali perciò non disponibili sull’App Store (in questa guida abbiamo visto come fare il jailbreak della versione iOS 6 e iOS 6.1).

Un dispositivo Apple jailbroken (sul quale è stata eseguita la procedura del jailbreak) è invalidato ai fini della garanzia, dunque se l’iPhone, iPad o iPod touch dovesse presentare qualche problema o difetto tecnico, prima di spedirlo all’assistenza è di fondamentale importanza levare il jailbreak riportando il dispositivo alle impostazioni di fabbrica al fine di rientrare nella copertura della garanzia.

Eliminare il jailbreak è anche una soluzione da attuare nel caso in cui si deve vendere l’iPhone, iPad o iPod touch a un’altra persona in quanto un dispositivo non sbloccato è molto più appetibile alla vendita. Oppure più semplicemente si può avere l’esigenza di togliere il jailbreak in quanto l’iPhone, iPad o iPod touch non funziona più come prima in seguito allo sblocco. Quale sia il motivo, sotto a seguire andiamo a vedere la procedura da seguire per rimuovere il jailbreak dall’iPhone, iPad o iPod touch riportandolo allo stato iniziale.

N.B. Si parte dal presupposto che prima di fare il jailbreak si abbia effettuato il backup del dispositivo in maniera tale da poter ripristinare i dati e le applicazioni precedenti al jailbreak, in quanto riportando l’iPhone, iPad o iPod touch alle impostazioni di fabbrica verrà perso ogni contenuto. In caso contrario prima di seguire la procedura qui sotto, collegare il dispositivo al computer ed effettuare una copia di backup dei dati.

1. Collegare il dispositivo al computer con il cavo USB e avviare la modalità di recupero DFU (Device Firmware Update), modalità che ripristina da zero l’iPhone, iPad o iPod touch scaricando e reinstallando il firmware. Per avviare la modalità DFU si devono tenere contemporaneamente premuti il tasto di accensione e il tasto Home per dieci secondi; passati i dieci secondi lasciare il tasto di accensione e tenere premuto solo il tasto Home fino a che il computer o iTunes rileverà il dispositivo in modalità Recovery (modalità di recupero), fatto che verrà notificato con relativi messaggi (esempi sotto in figura):

iTunes ha rilevato un iPod/iPhone/iPad in modalità di recuper. Devi ripristinare iPod/iPhone/iPad prima di usarlo con iTunes

2. Dunque nella finestra di notifica di iTunes “iTunes ha rilevato un iPod/iPhone/iPad in modalità di recuper. Devi ripristinare iPod/iPhone/iPad prima di usarlo con iTunes” premere il tasto OK per confermare e proseguire con la procedura. A seguire (come nell’esempio sotto in figura):

Modalità di recupero Ripristina iPod/iPhone/iPad

nella schermata Riepilogo>Modalità di recupero cliccare il pulsante Ripristina iPod/iPhone/iPad.

3. Subito dopo verrà mostrata la notifica iTunes di conferma per ripristinare il dispositivo alle impostazioni predefinite (sotto in figura):

conferma per ripristinare iPod/iPhone/iPad alle impostazioni predefinite

dunque confermare facendo clic sul pulsante Ripristina e aggiorna. A seguire nelle due schermate della finestra “Aggiornamento software iPod/iPhone/iPad” che verrà visualizzata confermare ulteriormente facendo clic sul pulsante Avanti e Accetta. Avrà così inizio la procedura di Aggiornamento Software iPod/iPhone/iPad:

Aggiornamento Software iPod/iPhone/iPad

procedura che impiegherà tra i 45-60 minuti (il computer deve essere necessariamente connesso a internet in maniera tale che iTunes possa scaricare il firmware).

Una volta che iTunes avrà finito di installare il software e di ripristinare il firmware, il dispositivo verrà riconosciuto a livello driver dal computer e dallo stesso iTunes. Al termine, ci vogliono circa 5-10 minuti, (come nell’esempio sotto in figura):

Ripristinare l’iPod/iPhone/iPad da un precedente backup

sarà possibile ripristinare l’iPod/iPhone/iPad da un precedente backup per rimettere tutte le applicazioni, file multimediali e dati che c’erano prima, oppure eventualmente si può scegliere di configurare il dispositivo come nuovo. Comunque sia a questo punto il jailbreak è stato completamente rimosso dunque l’iPod/iPhone/iPad non è più sbloccato e rientra nuovamente sotto la copertura della garanzia.

Potrebbe tornare utile anche la guida: Vendere iPhone, iPad, iPod? Cancellare tutti i dati per riportarlo alle impostazioni di fabbrica.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…