Passa ai contenuti principali

Usare la chiavetta USB come RAM aggiuntiva su Windows 10, 8 e 7 per velocizzare il sistema

Usare la chiavetta USB come RAM aggiuntiva su Windows 10, 8 e 7 per velocizzare il sistema attivando ReadyBoost
Quando un computer è lento, per velocizzarlo si avrà sicuramente sentito dire che è necessario installare un banchetto/modulo di RAM aggiuntivo in maniera tale da migliorare le prestazioni del sistema operativo e a tale proposito in questo articolo abbiamo visto come sapere tipo e caratteristiche memoria RAM del PC per comprala nuova.

Ma nel caso in cui al momento si è impossibilitati nell’andare ad acquistare un banchetto di RAM o proprio non si è minimamente intenzionati a farlo, c’è da sapere che la RAM del computer si può espandere usando come modulo di memoria la chiavetta USB.

Quanto appena detto è reso possibile dalla funzione ReadyBoost integrata in Windows 7, 8, 8.1 e 10. ReadyBoost infatti permette di dedicare lo spazio libero della chiavetta USB al fine di emulare la RAM per aumentare la velocità del sistema che interpreterà la chiavetta USB come una espansione della RAM stessa, ovvero come un modulo aggiuntivo. Vediamo come abilitare la funzione. 

Per prima cosa è necessario disporre di una chiavetta USB che abbia una capacità superiore da una a tre volte alla capacità della RAM installata nel computer. Ovvero se la RAM nel PC e di 512 MB si dovrà adoperare una chiavetta USB da 2 GB; oppure come nel mio caso, se la RAM del PC è 4 GB ci si dovrà servire di una chiavetta USB da 16 GB.

1. Dunque per iniziare, collegare la chiavetta USB (la memoria deve essere completamente libera) al computer, andare in Computer (Risorse del computer) e come nell’esempio sotto in figura:

Opzione Apri AutoPlay menu contestuale unità USB

cliccare l’icona del dispositivo con il tasto destro del mouse e nel menu fare clic sulla voce Apri AutoPlay e a seguire selezionare con un clic l’opzione Aumenta velocità del sistema Windows ReadyBoost (in alternativa alla voce "Apri AutoPlay" fare clic destro sulla chiavetta USB, nel menu contestuale cliccare la voce "Proprietà" e nella finestra delle proprietà che verrà visualizzata portarsi sulla scheda "ReadyBoost").

2. In entrambi i casi verrà visualizzata la finestra Proprietà dell’unità rimovibile nella quale nella scheda dedicata a ReadyBoost, terminato il test automatico della chiavetta (come nell’esempio sotto in figura):
Dedicare la chiavetta USB a ReadyBoost
si deve selezionare l’opzione Dedica il dispositivo a ReadyBoost settando al massimo lo spazio della chiavetta USB da riservare per aumentare la velocità del sistema. Confermare cliccando Applica e attendere che l’unità di memoria in questione venga configurata:
Configurazione ReadyBoost su chiavetta USB
al termine (occorrono pochi secondi) confermare cliccando OK. Finito. Adesso Windows 7 o Windows 8 risulterà più performante e veloce grazie al “nuovo modulo aggiuntivo di memoria RAM”.

Alcune cose da sapere in merito a ReadyBoost e la chiavetta USB
Se è necessario si potrà scollegare in ogni momento la chiavetta USB configurata in modalità ReadyBoost senza causare alcun problema al sistema in quanto tale tecnologia è estremamente sicura e studiata appositamente anche per questo scopo.

Lo spazio in memoria della chiavetta USB riservato a ReadyBoost non potrà essere utilizzato per l’archiviazione dei file.

Tenere in considerazione che ReadyBoost  avrà maggiore effetto su computer con poca RAM installata (meno di 3 GB).

Disabilitare ReadyBoost dall’unità USB
Nel caso in cui si desideri disabilitare ReadyBoost dalla chiavetta USB si può procedere in due modi; il primo agendo dall’area di notifica della barra delle applicazioni di Windows aprendo il Centro messaggi (come nell’esempio sotto in figura):
Disabilitare ReadyBoost dall’unità USB
facendo poi clic sulla voce Disabilita app per migliorare le prestazioni (la chiavetta USB in questione deve essere collegata al computer). In alternativa a questo metodo è sufficiente formattare l’unità USB da Computer, cliccandola con il tasto destro del mouse, nel menu selezionando la voce Formatta e procedere con la Formattazione veloce.

LEGGI ANCHE: Verificare problemi della memoria RAM con Memory Diagnostic Tool di Windows 8, 7 e Vista

Commenti

  1. Mah... un mio collega aveva installato win7 starter su un vecchio pc, e avevo dedicato una chiavetta da 2GB al readyboost.
    Niente da fare, il sistema mi diceva sempre che avevo 512 MB di RAM, e non ho notato miglioramenti.
    Stessa cosa, ancora prima, su Win Vista.
    Non sarà una bufala di Microsoft?

    RispondiElimina
  2. Rico il sistema dovrebbe rilevare sempre 512 MB in quanto legge il modulo RAM installato a livello hardware, mentre quella ReadyBoost dovrebbe notarsi solo nelle prestazioni senza che venga sommata alla RAM fisica. Non credo sia una bufala, c'è anche la guida ufficiale Microsoft..sarebbe il colmo ;)

    RispondiElimina
  3. Si può usare anche la scheda SD , funziona come la chiavetta USB , non fa miracoli , ma la RAM ne risente di meno e girano meglio sia i GIOCHI che i VIDEO .

    RispondiElimina
  4. Si vero, grazie della segnalazione manolo.

    RispondiElimina
  5. Su un computer con 16 GB di RAM che chiavetta devo usare o meglio da quanti giga deve essere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su un PC con 16 GB di RAM non serve. 16 GB sono tantissimi non sentiresti alcun effetto con il ReadyBoost. Comunque dovresti usare una chiavetta di almeno 32 GB.

      Elimina
  6. Ho installato Win 10 su un vecchio Win 7 con 2 Gb di Ram. Quando inserisco la chiavetta da 8 Gb e clicco di dx non mi da " apri auto play " . Qindi che devo fare ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho corretto l'articolo. In alternativa alla voce "Apri AutoPlay" fai clic destro sulla chiavetta USB, nel menu contestuale clicca la voce "Proprietà" e nella finestra delle proprietà che verrà visualizzata vai sulla scheda "ReadyBoost"

      Elimina
  7. E se uso un hdd esterno da 1 tb? Il portatile decolla? xD

    RispondiElimina
  8. Formattare la chiavetta in NTFS. Comunque non è male come sistema implementato, ma servono chiavette buone.

    RispondiElimina
  9. Mi sembra un ottimo metodo per megliorare le prestazioni già buone del Tablet Samsung Galaxy Book con Windows 10. Ha 4 GB di RAM ma se ti trovi fuori e devi elaborare un grosso foglio Excel oppure un grosso disegno Autocad, poter raddoppiare la ram potrebbe essere molto utile. Quale tipo di chiavetta mi consigliate di acquistare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno una chiavetta USB da 16 GB. Come detto nell'articolo ti voglio ricordare che i miglioramenti sono più evidenti su PC poco potenti e con meno di 4 GB di RAM montata, quindi non ti aspettare chissà quale potenziamento.

      Elimina
  10. ciao su Surface pro 4 con 4 gb di ram che capienza di microsd mi consigli???inoltre si vedranno miglioramenti??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno 16 GB di dimensione. Per quanto riguarda i miglioramenti, pochi e forse impercettibili. Ready Boost si sente meglio su PC con RAM inferiore ai 4 GB. Comunque se hai a disposizione una chiavetta da 16 GB provare non costa nulla.

      Elimina
  11. articolo utilissimo e chiarissimo adatto anche a neofiti come me bravo bravo veramente

    RispondiElimina
  12. Se fosse così perché allora le ram da banco costosissime non vengono sostituite con le chiavette usb con un prezzo molto inferiore.chiedo scusa della domanda ma è da poco che inizio a capirci qualcosina di computer

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se leggi tutto l'articolo trovi la risposta: "Tenere in considerazione che ReadyBoost avrà maggiore effetto su computer con poca RAM installata (meno di 3 GB)."

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…