Passa ai contenuti principali

Malwarebytes Anti-Rootkit rimuovere infezioni rootkit da Windows

Malwarebytes Anti-Rootkit rimuovere infezioni rootkit dal sistema

I rootkit sono dei programmi malevoli difficili da individuare e rimuovere da parte dei comuni software antivirus, che consentono di prendere il controllo di un sistema operativo in modo nascosto, non rilevabile, senza avere il bisogno di alcuna autorizzazione da parte dell’amministratore o utente del computer colpito in questione.

Per queste caratteristiche i rootkit vengono impiegati dai pirati informatici al fine di sottrarre principalmente informazioni sensibili e dati privati degli utenti che adoperano PC infetti da tale tipologia di malware, inviando poi il tutto al pirata informatico che a scapito della vittima ne farà uso per scopi personali, certamente tutt’altro che benevoli.

La Malwarebytes, azienda nota principalmente per aver sviluppato l’ottimo programma Malwarebytes Anti-Malware Free e Pro con il quale individuare e rimuovere svariate tipologie di malware dal computer, ha recentemente rilasciato la versione BETA del nuovo programma Malwarebytes Anti-Rootkit, specifico per scansionare il sistema operativo per trovare ed eventualmente eliminare rootkit che infettano il PC.

Malwarebytes Anti-Rootkit si può scaricare gratuitamente, non richiede installazione e si rivela subito di facile utilizzo. Una volta scaricato nel computer occorre decomprimere l’archivio, e nella cartella mbar estratta, per avviare il programma occorre fare un doppio clic sull’eseguibile mbar.exe. Nella prima schermata, Introduction, dell’interfaccia grafica di Malwarebytes Anti-Rootkit cliccare il pulsante Next per passare alla schermata Update Database (sotto in figura):

Malwarebytes Anti-Rootkit Update Database

nella quale si deve cliccare il pulsante Update per aggiornare il database delle definizioni anti-rootkit. Terminato l’aggiornamento proseguire cliccando Next. Verrà così visualizzata la schermata di scansione Scan System (sotto in figura):

Malwarebytes Anti-Rootkit Scan System

nella quale di default sono già selezionati i tre principali settori nei quali normalmente potrebbero insediarsi i rootkit nel sistema operativo (Drivers, Sectors e System); all’occorrenza è possibile deselezionare uno o più settori ma non sarebbe di certo consigliabile se si desidera ottenere risultati completi riguardo le eventuali infezioni. Per avviare la scansione del computer non resta che cliccare il pulsante Scan.

La durata della scansione è legata alla quantità di file presenti nell’hard disk, comunque dovrebbe terminare in circa 10-20 minuti. Nel caso in cui al termine verranno individuati rootkit nel sistema si potrà procedere con la pulizia (Cleanup) per eliminarli; se invece come nell’esempio sotto in figura:

Malwarebytes Anti-Rootkit Cleanup

nella schermata Cleanup verrà visualizzata la notifica “Congratulations, no cleanup is required! – Scan Finished: No malware found!” significa che il sistema operativo è pulito, ovvero non è infettato dal alcun rootkit.

Compatibile con Windows: XP, Vista, 7 e 8

Dimensione: 12.3 MB

Download Malwarebytes Anti-Rootkit

Commenti

  1. Grazie Vinnie! Usavo già periodicamente il classico MBytes Antimalware, questo anti-rootkit è una preziosa risorsa anche per la mia chiavetta USB!
    Su windows7 64Bit con circa 70 GB di memoria occupata, ci ha messo 10 minuti.
    Certo, andrebbe testato su un PC infetto... ;-)

    RispondiElimina
  2. Ciao rico si poi è anche portable, un altro valido software per la sicurezza che ho aggiunto alla cartella Attrezzi ;) Si provarlo su di un PC infetto sarebbe l'ideale, anche se lo sviluppatore ha dichiarato che individua ed elimina i peggiori rootkit.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…