Passa ai contenuti principali

Recuperare file da unità di memoria danneggiata agendo dal prompt dei comandi

Per recuperare i file cancellati da un hard disk o da unità di memoria esterna come ad esempio chiavette USB, schede SD e via dicendo, in questo articolo abbiamo già visto una raccolta di programmi gratis per farlo.

Nel caso in cui il drive di memoria risulti essere danneggiato, ovvero non si riesce più ad accedere all’intera partizione dunque ad alcuni dati in esso memorizzati, è comunque possibile tentare di recuperare i file senza servirsi per forza di software esterni bensì del prompt dei comandi di Windows, oppure combinando l’impiego di entrambi i metodi. Sotto a seguire andiamo dunque a vedere come recuperare file da una unità di memoria danneggiata agendo dal prompt dei comandi.

1. Aprire Start > Esegui (la finestra Esegui si può aprire anche con la combinazione dei due tasti Windows+R), digitare il comando cmd (come nell’esempio sotto in figura):

Finestra Esegui comando cmd
e confermare cliccando il pulsante OK oppure premendo Invio nella tastiera.

2. A seguire verrà così aperta la finestra del prompt dei comandi nella quale come nell’esempio sotto in figura:
Recupero file da prompt dei comandi da unità di memoria danneggiata
nella prima riga subito dopo il NomeUtente> senza alcuno spazio si dovrà digitare il comando chkdsk lettera-unità: /r che in riferimento all’immagine qui sopra, sottolineato in verde, diventa chkdsk j: /r, ovvero la "j" corrisponde alla lettera assegnata dal PC alla mia chiavetta USB, informazione reperibile da Risorse del computer

Nello specifico chkdsk (Checkdisk) ha il compito di eseguire il controllo di errori nella struttura del file system dell’unità di memoria in questione; mentre /r ha il compito di individuare i settori danneggiati recuperando da essi i dati ancora leggibili.

Immesso il comando confermare premendo Invio. Subito dopo avrà inizio la verifica dei file e delle cartelle, procedura che potrebbe durare qualche minuto a seconda della dimensione del drive di memoria sottoposto. Nel caso in cui durante la verifica venissero rilevati dei “collegamenti errati nel concatenamento perso al cluster”, alla domanda  Convertire i concatenamenti persi in file ? (indicata dalla freccia gialla) rispondere affermativamente digitando la lettera S e confermando premendo Invio.

A seguire avrà così inizio la correzione del file system e il recupero dei file leggibili dai settori danneggiati individuati. Terminato il tutto non resta che andare in Risorse del computer, accedere all’unità di memoria in questione per verificare al suo interno quali file sono stati recuperati.

Commenti

  1. Ciao ho fatto tutto il procedimento descritto qui ma quando inserisco chkdsk f: /r e premo invio mi compare la frase: "Impossibile aprire il volume per accesso diretto".
    Cosa devo fare?

    grazie in anticipo!

    RispondiElimina
  2. Ciao anonimo, ma la f corrisponde alla lettera dell'unità sulla quale devi intervenire? Purtroppo il metodo è questo non ci sono altri comandi alternativi.

    RispondiElimina
  3. Grazie...avete salvato la mia memoria esterna e soprattutto i miei 500MB di files.

    RispondiElimina
  4. Ciao, ho una microsd danneggiata e volevo provare a recuperare qualcosa tramite il DOS...
    Con un adattatore USB per la SD riesco a vedere la sd sul drive f: ma risulta vuota... con i soliti programmini di recupero dati addirittura non si vede neanche il drive... e con il comando chkdsk f: /r appare "Impossibile aprire il volume per accesso diretto"... che devo fare? Grazie a tutti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse dipende proprio dal danno della microSD, se è troppo esteso non credo si possa recuperare qualcosa. Prova comunque ad utilizzare PhotoRec 7 che ora è stato dotato di interfaccia grafica ma prima si poteva usare solo da linea di comando; ne ho parlato qui:

      http://www.guidami.info/2015/04/photorec-come-recuperare-foto-e-file-cancellati.html

      Elimina
  5. Non è vero. nella mia memoria ha trovato i file che ho caricato dopo il crack e niente altro....che file ha recuperato? Nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere che i settori della tua unità di memoria sono troppo danneggiati. Ad ogni modo tenta anche con queste risorse:

      http://www.guidami.info/2011/04/recuperare-file-cancellati-da-hard-disk.html

      Elimina
  6. GRANDISSIMO. HAI SALVATO I CONTENUTI DELLA MIA MICROSD! GRAZIE!!!!

    RispondiElimina
  7. Ho effettuato al mio hard disk esterno la correzione automatica. Una cartella mi si è cancellata come contenuto, appare solo un file rinominato come la mia cartella, ma di 0 byte come dimensione e come icona ha un foglio bianco e quando la apro mi chiede con che programma farlo.
    Mi puoi aiutare??
    Posso recuperarla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a vedere se riesci a recuperarla con questi programmi:

      http://www.guidami.info/2015/03/disk-drill-gratis-per-windows-per-recupero-file.html

      Elimina
    2. Ti ringrazio per la celere risposta e con Disk Drill, sto riuscendo a recuperare qualcosina... Grazie mille, mi hai salvato la vita!! <3

      Elimina
  8. Ciao, ho un hard disk 2,5 con partizione C e D .. si è danneggiato C quindi mi appare schermata nera con disk error. Ho inserito hd in un box esterno collegato tramite usb ad un altro pc per recuperare almeno i dati in D .. viene vista la cartella D con tutte le sotto cartelle ma il pc si incanta perché cerca di leggere C danneggiato e continua a lavorare impedendomi di fare altre operazioni ..
    come posso fare ?
    Grazie
    Maicol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova con questo programma:

      http://www.guidami.info/2015/01/come-recuperare-file-da-computer-windows-non-avvia.html

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…