Passa ai contenuti principali

Differenza tra DVD-R, DVD+R, DVD+RW -RW, BD-R, BD-RE, BDXL, Mini-BD, CD-R, CD-RW

Differenza tra DVD-R, DVD+R, DVD+RW -RW, BD-R, BD-RE, BDXL, Mini-BD, CD-R, CD-RW caratteristiche e capacità
Per masterizzare su dischi ottici, i supporti di memoria attualmente a disposizione sono i noti CD, DVD e Blu-ray, soluzioni per archiviare e imprimere musica, dati, immagini, video, software, documenti e qualsiasi altra tipologia di file.

In commercio però esistono differenti versioni di CD, DVD e Blu-ray ognuna con una diversa sigla che identifica le caratteristiche del disco in questione. Nello specifico per quanto riguarda i CD ci sono i CD-R e CD-RW, i DVD si trovano in DVD-R, DVD+R, DVD-RW, DVD+RW, DVD-RAM, DVD-R DL, DVD+R DL, HD DVD; infine i dischi Blu-ray si suddividono in BD-R, BD-RE, BDXL e Mini-BD.

Tutte queste tipologie di dischi ottici talvolta sono causa di confusione, dunque se non si conosce il significato di tali sigle si potrebbe procedere all’acquisto di quelli sbagliati o comunque non idonei all’utilizzo e/o al supporto di lettura o scrittura al quale sono destinati. A questo proposito sotto a seguire andiamo dunque a vedere le differenze tra i vari tipi di CD, DVD e Blu-ray.

NOTA: Prima di acquistare CD, DVD o Blu-ray, verificare che il lettore o masterizzatore sul quale essi verranno riprodotti o scritti supporti quella tipologia di disco ottico. I formati disco riconosciuti dal lettore sono riportati talvolta nella scocca stessa del lettore e ovviamente nel libretto informativo o delle istruzioni. Se ad esempio un lettore supporta solo i DVD-R non ha senso acquistare i DVD+R in quanto non verranno appunto riconosciuti.

LEGGI ANCHE: Migliori 4 programmi gratis per masterizzare (in italiano).

CD-R, CD-RW

CD Compact Disc
I CD-R (ovvero i comuni CD) sono i compact disc masterizzabili e la sigla deriva dal nome inglese Compact Disc-Recordable, appunto abbreviato CD-R. Possono essere masterizzati anche più volte ma non cancellati o riscritti. Non esiste il formato CD+R.

I CD-RW (dall’inglese Compact Disc Rewritable) come i CD-R sono i compact disc masterizzabili ma che a differenza di quest’ultimi possono essere cancellati e riscritti più volte.

I CD più comunemente commercializzati hanno una capacità di 650 MB, 700 MB ma anche se più rari ci sono i formati da 800 e 870 MB.

DVD-R, DVD+R, DVD-RW, DVD+RW, DVD-RAM, DVD-R DL, DVD+R DL, HD DVD
DVD
I DVD-RAM (DVD-Random Access Memory) creato nel 1996 è un disco ottico più adatto per fare i backup che per la masterizzazione di file multimediali come ad esempio video e audio, in quanto la maggior parte dei lettori DVD da tavolo non supporta questo formato. Come appena detto si rivela un supporto di memoria utile per fare i backup in quanto si differenzia dalle altre tipologie di DVD per maggiore durata dai danni fisici e usura, può essere masterizzato più di 100.000 volte, consente un accesso rapido ai dati in lettura e scrittura.

DVD-R creato nel 1997, è un disco ottico scrivibile una sola volta e tra i DVD è la tipologia supportata dalla maggior parte dei lettori da tavolo.

DVD+R creato nel 2002, rispetto al DVD-R ha alcuni vantaggi di natura tecnica come ad esempio migliore gestione degli errori che a sua volta favorisce una masterizzazione più accurata, maggiore resistenza a danneggiamento e usura, superiore velocità di scrittura.

DVD-R DL (DVD-R Double Layer) creato nel 2004, è un DVD per la masterizzazione a doppio strato con una capienza di 8,5 GB, quasi il doppio rispetto a quella delle altre tipologie di DVD (4,7 GB).

DVD+R DL (DVD+R Double Layer) creato nel 2002, come il DVD-R DL ha una capienza di 8,5 GB dovuta alla masterizzazione a doppio strato che consente di scrivere più dati.

DVD-RW è un DVD-R riscrivibile ma che può essere cancellato e riscritto più volte.

DVD+RW è un DVD+R riscrivibile ma che può essere cancellato e riscritto più volte.

Gli HD DVD nascono nel 2003 come concorrenti dei Blu-ray Disc, destinati ai contenuti in alta definizione. Più capienti rispetto a tutte le altre tipologie di DVD in quanto masterizzabili con tecnologia multistrato; sono rilasciati in tre differenti versioni: HD DVD 1 layer (singolo strato) da 15 GB di capienza, HD DVD 2 layer (a doppio strato) da 30 GB di capienza, HD DVD 3 layer (a triplo strato) da 45 GB di capienza.

BD-R, BD-RE, BDXL, Mini-BD
Blu-ray Disc
Il Blu-ray Disc nato nel 2002 è un supporto/disco ottico creato per la visualizzazione in alta definizione e che per le su più performanti caratteristiche tecniche, anche se ancora non è avvenuto in modo definitivo, avrebbe dovuto sostituire i DVD. I dischi Blu-ray riescono a contenere da 23,3, 25 e 27 GB fino a 54 GB di dati (a seconda della tipologia).

BD-R sono i dischi Blu-ray che possono essere scritti una sola volta.

BD-RE sono invece i dischi Blu-ray che possono essere cancellati e riscritti più volte.

Mini-BD sono fondamentalmente BD-R e BD-RE realizzati per videocamere e altri piccoli dispositivi di registrazione digitale.

I BDXL, certificati nel 2010, sono dischi Blu-ray multi-layer ovvero a strato multiplo il che significa una maggiore capacità di contenimento dati. I BDXL a 4 strati hanno capacità da 100 GB, quelli a 5 strati una capacità di 128 GB. Ci sono poi le versioni BD-R XL (registrabile) e BD-RE XL (riscrivibile). Data la loro elevata capacità, i BDXL sono destinati soprattutto per l’archiviazione di dati.

Commenti

  1. che differenza c'è tra dvd-rw e dvd+rw?

    RispondiElimina
  2. Sono entrambi riscrivibili (la w sta per riscrivibile) la differenza la trovi nella definizione di DVD-R e DVD+R.

    RispondiElimina
  3. I DVD-RW sono leggibili da lettori DVD anteriori al 2000?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse si, ma non ne sono sicuro. Bisogna anche vedere se il lettore supporta il formato DVD-RW.

      Elimina
  4. I DVD multistrato e i BD multistrato necessitano di un particolare masterizzatore e di un software dedicato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, che supporti anche questa tipologia di dischi ottici.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Windows 10 October 2018 Update risolto il problema che cancellava i file con l'aggiornamento

Lo scorso 5 ottobre Microsoft ha interrotto la distribuzione di Windows 10 October 2018 Update iniziata ufficialmente tre giorni prima, in quanto dopo l'aggiornamento su alcuni computer (solo sullo 0.001% delle installazioni) venivano cancellati file personali contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download ecc.

Ma ieri con un post sul blog ufficiale di Windows è stato annunciato che gli ingeneri hanno identificato e risolto tutti i problemi noti che portavano a tale perdita di dati con l'upgrade a Windows 10 versione 1809.

Qual'è stata la causa del problema? La perdita dei dati ha interessato i file contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download e via dicendo, reindirizzate in un percorso di destinazione diverso da quello predefinito (es. C\Users\NomeUtente\Documents); soluzione che alcuni adottano per risparmiare spazio sul disco di sistema archiviando, con il reindirizzamento delle cartelle, tali file su altre unità di memori…

Vedere il consumo elettrico dei programmi nel Task Manager di Windows 10

A partire dall'aggiornamento October 2018 Update, il Task Manager di Windows 10 ora mostra il consumo elettrico da parte dei programmi in esecuzione.

In questo modo è possibile individuare rapidamente i processi degli applicativi che incidono maggiormente a livello energetico quando il computer portatile è alimentato dalla solo batteria, e in base a tali informazioni decidere se terminare o meno i programmi più dispendiosi in questo senso, soprattutto se sono in esecuzione in background.

Per prima cosa è necessario aprire il Task Manager facendo un clic destro sulla barra delle applicazioni e qui nel menu contestuale cliccando la voce "Gestione attività"; oppure ci si può servire direttamente della combinazione dei tre tasti Ctrl+Shift+Esc.

LEGGI ANCHE: Cosa si può fare con il Task Manager di Windows 10

Qualora il Task Manager venisse eseguito in un piccola finestra, allora qui nell'angolo in basso a sinistra cliccare il link "Più dettagli" per visualizzare…