Passa ai contenuti principali

Come sapere se un sito è sicuro oppure se contiene malware e come difendersi

Come sapere se un sito è sicuro oppure se contiene malware e come difendersi

La maggior parte delle infezioni virus provengono direttamente o indirettamente da internet navigando siti web pericolosi e/o scaricando da questi programmi e file in generale con contenuti malevoli.

Spesso attratti da scritte e immagini lampeggianti che incitano a cliccarci sopra, oppure ora più che mai con i social network sui quali vengono condivisi link di ogni tipo, soprattutto per gli utenti meno esperti è facile incappare su siti internet pericolosi che potrebbero contaminare il sistema operativo e mettere a rischio i propri dati personali.

Per fortuna, programmi antivirus a parte, i browser internet da questo canto stanno diventando sempre più attenti, sicuri e mirati nel proteggere la navigazione web dell’utente su siti malevoli impedendone il collegamento. Ecco l’esempio di Google Chrome e Mozilla Firefox che bloccano in automatico il collegamento a un sito pericoloso:

Google Chrome e Mozilla Firefox rilevano sito malevolo

Ma dato che non per forza un sito internet pericoloso può sempre essere riconosciuto, magari perché è stato appena creato dunque ancora non indicizzato nei database ai quali le tecnologie di sicurezza fanno riferimento, è sempre bene prestare molta attenzione evitando di cliccare a caso, soprattutto quando sia ha qualche sospetto riguardo alla pagina web in questione. Ecco allora che per tale scopo sono nati diversi servizi gratuiti online appositamente dedicati al controllo antivirus degli indirizzi internet in maniera tale che l’utente possa verificarne l’affidabilità prima di collegarvisi. Tra tutti, sotto a seguire andiamo a vedere i migliori servizi online per sapere se un sito è sicuro oppure pericoloso contenente malware.

1. VirusTotal – Recentemente acquistato da Google è uno dei siti più noti nel suo genere che sottopone la scansione degli indirizzi internet o dei file indicati dall’utente a più di 40 motori di ricerca virus piuttosto noti come: Kaspersky, BitDefender, Comodo, NOD32, McAfee, Panda, SUPERAntiSpyware, TrendMicro, Avast, AVG e altri ancora.

2. Norton Safe Web – Tra l’altro completamente disponibile anche in lingua italiana. Rileva problemi come minacce al computer, all’identità e fattori di disturbo.

3. URLVoid – Come VirusTotal incarica della scansione una serie di noti motori di ricerca virus, in questo caso una trentina circa.

4. Sucuri SiteCheck – Analizza di un indirizzo internet: blacklist, malware, javascript e iFrames malevoli, reindirizzamenti sospetti e altro ancora.

5. ScanURLs – Analizza i contenuti HTML della pagina, javascript, eventuali tentativi di phishing, file exe pericolosi nascosti, blacklist e altro ancora.

6. ScamAdviser – Popolare servizio web gratuito indicato per sapere se un sito internet è affidabile oppure no soprattutto quando si deve acquistare online da quel dominio.

7. Safe Preview – Estensione per Chrome che raggruppa tutti questi servizi, ora fruibili più rapidamente e contemporaneamente con un solo click di mouse.

8. E’ anche possibile utilizzare il servizio SafeBrowsing di Google che adesso è parte di Chrome e Firefox e con il quale è possibile controllare l’attendibilità di un sito negli ultimi 90 giorni, ovvero se in questo lasso di tempo il dominio è stato interessato da contenuti malevoli.

Per controllare un sito con Google SafeBrowsing, nella barra indirizzi del proprio browser internet incollare questa stringa:

http://google.com/safebrowsing/diagnostic?site=

e subito dopo il simbolo uguale digitare l’indirizzo del sito web da analizzare, ad esempio http://google.com/safebrowsing/diagnostic?site=www.guidami.info. Ed ecco che subito dopo verrà mostrato il responso:

SafeBrowsing di Google

Per coloro che vorrebbero un ulteriore sicurezza al fine di evitare di incappare su siti internet non sicuri, a disposizione ci sono anche alcune risorse gratuite che analizzano i link dei risultati delle ricerche web (ma di qualsiasi altra pagina internet, anche quelle dei profili Facebook ad esempio) contrassegnandoli con un bollino di differente colorazione a seconda dell’affidabilità dell’indirizzo in questione. Vediamo quali.

McAfee SiteAdvisor – Una volta installato nel PC e riavviato il browser, installerà un componente aggiuntivo che ha il compito di monitorare le ricerche fatte su internet (e in generale tutti i link di ogni pagina web) attribuendo un bollino colorato (icona di classificazione) ad ogni link visualizzato nella pagina in questione, colore che varia in base all’attendibilità della URL (esempio sotto in figura):

McAfee SiteAdvisor

Il bollino verde significa che il link è sicuro, quello giallo che bisogna prestare attenzione, quello rosso che si possono correre rischi di grave entità se viene cliccato quel link, quello grigio significa che ancora il sito non è stato classificato da McAfee SiteAdvisor.

Con l’installazione di McAfee SiteAdvisor nel browser verrà aggiunto anche il motore di ricerca opzionale del servizio per fare ricerche sicure e già filtrate.

WOT (Web Of Trust) – E’ un ottimo componente aggiuntivo per i browser internet Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari che funziona un po’ come McAfee SiteAdvisor. Ovvero anch’esso si integra nelle ricerche web (e non solo) bollando i risultati con icone di classificazione di colorazione differente in base all’affidabilità del link in questione (esempio sotto in figura):

WOT (Web Of Trust)

Il bollino verde classifica il link del sito come eccellente, il colore giallo lo classifica come insoddisfacente, quello rosso come povero ovvero per niente soddisfacente, dunque prestare attenzione. La classificazione dei link da parte di WOT è ricavata tenendo conto di quattro parametri: l’attendibilità, l’affidabilità del fornitore, la riservatezza e la sicurezza dei bambini; parametri che possono essere visualizzati per ogni singolo link posando il cursore del mouse sopra il bollino (come sopra in figura).

Inoltre l’icona di WOT viene integrata anche accanto alla barra indirizzi del browser in maniera tale da poterla cliccare in ogni momento e vedere così come questo componente aggiuntivo ha classificato il sito che si sta visitando. In linea di massima combinando tutte le risorse viste fino ad ora si potrà navigare su internet in modo decisamente più sicuro evitando di parecchio le possibilità di finire in siti pericolosi contenenti malevoli.

Commenti

  1. Ho istallato il McAfee site Advisor, ma a me non appare proprio un bel niente dietro alle voci di una ricerca. Come mai? è tutto come prima. Ho win 10 64bit e Mc Afee come antivirus - ecco perché ho voluto aggiungere il McAfee site Advisor. Il computer è stato riavviato, ma è tutto come prima. Cosa mi consiglia di fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Controlla che nel browser in uso McAffe siteadvisor sia attivato. Chrome potrebbe infatti disattivarlo.

      Elimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…