Passa ai contenuti principali

Come ripristinare singoli file dai punti di ripristino di sistema di Windows

Come ripristinare singoli file dai punti di ripristino di Windows

La funzione Windows di Ripristino del sistema si rivela particolarmente importante in quanto consente appunto di riportare il sistema operativo a uno stato precedente funzionante (magari creato appositamente) nel caso in cui in seguito a un problema improvviso è necessario tornare indietro con la configurazione rispetto a quella attuale.

Infatti con il Ripristino viene effettuato il rollback dei file di sistema, delle impostazioni del registro di sistema e delle varie applicazioni in generale. Quando si esegue un ripristino di sistema, la configurazione viene riportata totalmente a quella che era nella data e nell’ora in cui è stato creato il punto di ripristino. Dunque se si ha intenzione di ripristinare solamente qualche file e non tutto il sistema, normalmente tale azione non è consentita appunto per tale motivo.

Ciò è però possibile per vie alternative, ovvero servendosi dell’ottimo programma gratis System Restore Explorer, sviluppato specificamente per vedere tutti i punti di ripristino del sistema disponibili nel computer, per cancellare quelli inutili al fine di risparmiare spazio su disco, ma anche per montare il punto di ripristino di sistema di proprio interesse dal quale poter così estrarre facilmente e singolarmente i file desiderati per copiarli poi in un’ altra cartella del disco fisso.

Facile da usare, una volta installato e avviato System Restore Explorer si presenterà con questa interfaccia grafica (sotto in figura):

System Restore Explorer

Nella quale in lista, ordinati per data e ora vengono mostrati tutti i punti di ripristino di sistema a disposizione (rimuovendo la spunta dalla casella Hide restore points created in the last 5 days, nell’elenco verranno mostrati anche i punti di ripristino creati negli ultimi cinque giorni).

Per eliminare il punto di ripristino di sistema di proprio interesse basterà individuarlo, selezionarlo con un clic di mouse e cliccare il pulsante Delete.

Invece per montare un punto di ripristino di sistema dal quale poter così recuperare singoli file, si dovrà selezionare con un clic di mouse il punto di ripristino di proprio interesse e cliccare il pulsante Mount (oppure la voce Mount se si agisce dal menu contestuale del tasto destro del mouse). Subito dopo il punto di ripristino di sistema in questione verrà montato e visualizzato in una nuova finestra (come nell’esempio sotto in figura):

System Restore Explorer finestra del punto di ripristino di sistema montato

Da questa finestra sarà dunque possibile accedere a tutte le directory e ai corrispondenti file memorizzati nel punto di ripristino in questione come per citarne alcune, la cartella Programmi, Windows, la cartella Utenti che a sua volta consentirà di accedere a sottocartelle come Desktop, Documenti, Immagini, Video, Download e via dicendo (esempio sotto in figura):

System Restore Explorer cartelle Utenti memorizzate nel punto di riprisitno

Non resta che individuare i file o direttamente la/e cartella di proprio interesse, copiarli con il mouse e incollarli in una nuova cartella dell’hard disk, magari creata appositamente per lo scopo sul Desktop. In questo modo si avrà così ripristinato solamente i contenuti desiderati senza aver dovuto ripristinare completamente il sistema.

N.B. Quando si monta un punto di ripristino, System Restore Explorer crea un’icona di collegamento in Computer>C:>HarddiskVolume.. (evidenziato in rosso nella figura 2) che è possibile eliminare una volta terminato il recupero dei contenuti di proprio interesse; ovviamente eliminando il collegamento non verrà eliminato il punto di ripristino, che invece si può rimuovere definitivamente come indicato qualche riga più su in questa guida.

Compatibile con Windows: Vista e 7 | Dimensione: 837 KB | Download System Restore Explorer

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…