Passa ai contenuti principali

Riprendere la riproduzione video e audio da dove si aveva interrotto su Windows Media Player

Windows Media Player riprendere la riproduzione da dove si aveva interrotto con il plugin MyMediaBookmarks
Personalmente non riesco a ricordare una volta in cui sono riuscito a vedere per intero un film al computer senza nessuna interruzione. Squilla il telefono, arrivano visite in casa e altre distrazioni ancora, in alcuni casi si è costretti per forza di cose a dover chiudere il player multimediale e rimandare la riproduzione del filmato a un altro momento.

Quando poi finalmente si può tornare a guardare il video in questione non ci si ricorda dove lo si aveva interrotto ed ecco allora che si dovrà agire sul cursore della barra del tempo del player multimediale spostandolo avanti e indietro per cercare ed individuare la parte del film dal quale continuare la visione. Azione che potrebbe rivelarsi anche fastidiosa soprattutto se si ha poca memoria. 

Per ovviare a questo inconveniente, i tantissimi utilizzatori di Windows Media Player possono servirsi dell’ottimo plugin gratuito MyMediaBookmarks che ha il compito di far riprendere la riproduzione di un video (ma anche audio) dal punto in cui la si aveva interrotta, evitando così all’utente di doversela cercare manualmente. 

LEGGI ANCHE: VLC riprendere video e audio da dove si aveva interrotto l'ultima volta

Facile da usare, per prima cosa scaricare e installare MyMediaBookmarks. Per una corretta installazione assicurarsi che tutte le istanze di Windows Media Player siano chiuse. A installazione conclusa avviare il player multimediale della Microsoft. Ed ecco che in automatico verrà visualizzata la finestra dei settaggi del plugin (sotto in figura):
MyMediaBookmarks
La scheda General è già settata in modo ottimale e nello specifico le impostazioni configurate consentono riprendere dal punto di interruzione la riproduzione video, audio e dei CD audio. In Playback time when resuming si può indicare di riprendere la riproduzione tot secondi prima del punto di interruzione, utile per ricordarsi meglio la scena in questione; di default il tempo di playback e settato su 5 secondi, ma all’occorrenza lo si può modificare a proprio piacimento.

I punti di ripresa della riproduzione interrotta dei file video e audio vengono salvati dal plugin come bookmarks. Dunque quando non saranno più necessari li si potrà cancellare rapidamente cliccando il pulsante Clear all bookmarks.

Nella scheda File Types si può dare uno sguardo a tutti i formati video e audio supportati:
MyMediaBookmarks formati video e audio supportati
e all’occorrenza cliccando il pulsante + o si potranno aggiungere o rimuovere i formati multimediali di proprio interesse. Confermare cliccando OK.

Dunque MyMediaBookmarks è pronto per entrare in funzione. Mettiamo il caso che si è dovuto interrompere (chiudendo Windows Media Player) la riproduzione del film Avatar. Quando più avanti si potrà tornare al computer per continuare a guardare il film, basterà avviare il video del film Avatar ed ecco che la riproduzione riprenderà dal punto in cui la si aveva interrotta precedentemente.

Compatibile con Windows: 2000, 2003, XP, Vista, 7, 8, 8.1, 10 | Dimensione: 2.19 MB | Download MyMediaBookmarks

Commenti

  1. Ottimo, se si utilizza Media Player.
    Gli altri, come VLC o la serie Mplayer, non ne hanno bisogno: di default il programma riprende il video dove l'avevamo chiuso.
    Ciao da rico.

    RispondiElimina
  2. Si vero, anche KMPlayer e altri player hanno questa funzione di default. Io pur avendo installato VLC e Media Player Classic, i film preferisco vederli con Windows Media Player.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…