Passa ai contenuti principali

Rimozione sicura delle copie di backup dei vecchi aggiornamenti di Windows XP per liberare spazio sul disco

Rimozione sicura delle copie di backup dei vecchi aggiornamenti di Windows XP per liberare spazio sul disco

Microsoft periodicamente rilascia e rende disponibili nuovi aggiornamenti per il sistema operativo, in questo caso specifico per Windows XP. Gli aggiornamenti si possono effettuare in modi diversi, accedendo al Windows Update con Internet Explorer oppure attivando gli Aggiornamenti automatici dal Pannello di controllo.

Effettuare l’installazione degli aggiornamenti di Windows è di fondamentale importanza per mantenere il computer più affidabile dal punto di vista delle prestazioni e della sicurezza. Qualunque sia il metodo con il quale vengono eseguiti, è bene sapere che quando si installano i nuovi aggiornamenti, i vecchi sostituiti non verranno eliminati del tutto dall’hard disk, bensì in Disco locale (C:)>Windows per ognuno di essi verrà conservata la cartella di backup che servirà ad effettuare il ripristino della precedente versione qualora il nuovo aggiornamento dovesse andare male e dare luogo a problematiche.

Nel corso del tempo queste cartelle di backup vanno ad accumularsi e potrebbero occupare anche diverso spazio sul disco. Ad esempio nel mio caso su Windows XP con Service Pack 3 tali cartelle sono 130 con 7.376 file complessivi che in totale occupano 1.55 GB di memoria.

Per sapere quanto spazio occupano queste cartelle di backup sul proprio disco fisso, si deve entrare in Risorse del computer>Disco locale (C:)>Windows e selezionare insieme tutte le cartelle per le quali il nome inizia con questo simbolo $ (come nell’esempio sotto in figura):

Dimensioni totali delle cartelle di backup dei vecchi aggiornamenti di Windows XP

dunque cliccare la selezione con il tasto destro del mouse e nel menu fare clic sulla voce Proprietà ed ecco che nella scheda Generale in Dimensioni verrà mostrato lo spazio da esse occupato.

Ma queste cartelle di backup si devono mantenere o possono essere eliminate? Personalmente non ho mai avuto alcun problema dopo l’installazione dei nuovi aggiornamenti di Windows dunque potrei eliminare tranquillamente queste cartelle e liberare così un po’ di spazio sul disco. Ma prima di procedere alla cancellazione delle cartelle di backup è meglio monitorare prima il proprio PC per verificare che dopo gli ultimi aggiornamenti effettuati il sistema funzioni bene. Dunque una volta passate due settimane o un mese che non si sono verificati imprevisti dovuti ai nuovi aggiornamenti si può procedere ad eliminare le cartelle di backup di quelli vecchi.

Se si ha una hard disk capiente, come quelli attualmente in commercio, le cartelle di backup si possono lasciare dove sono se la loro capacità non incide sullo spazio libero del disco. In caso contrario se la memoria dell’hard disk è agli sgoccioli si può procedere con l’eliminazione. Per eliminare le cartelle di backup dei vecchi aggiornamenti di Windows XP esiste un programma gratis specifico per farlo dal nome Windows XP Update Remover che una volta avviato individua e visualizza in lista in automatico tutte le cartelle di backup dei vecchi aggiornamenti di XP in modo tale da non sbagliare come invece potrebbe accadere se si esegue questa operazione manualmente.

Una volta installato e avviato Windows XP Update Remover si presenterà con questa interfaccia grafica (sotto in figura):

Windows XP Update Remover

nella quale in elenco verranno mostrati tutti i backup dei vecchi update. Per eliminarli in modo sicuro dal sistema si devono selezionare con un clic di mouse e poi cliccare il pulsante Remove backup folder (procedendo un aggiornamento alla volta). Al termine uscire dal programma cliccando il pulsante Quit ed ecco che si avrà così liberato un po’ di memoria nell’hard disk.

Commenti

  1. Interessante,esiste qualcosa di simile anche per Seven?

    RispondiElimina
  2. Vedo un po' che trovo e al limite pubblico una recensione se ne vale la pena.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…