CCleaner 5.46 con controllo della Privacy e Pulizia Intelligente al posto del Monitoraggio

Disponibile CCleaner 5.46 con le sezioni Privacy e Pulizia Intelligente per disattivare la raccolta e invio dati telemetrici e il monitoraggio del sistema da parte del programma

Da poche ore è disponibile CCleaner 5.46 la nuova versione del noto pulitore per computer con sistema operativo Windows.

Release pubblicata settimane dopo l’aspramente criticata, e poi ritirata, versione CCleaner 5.45, che ha minato, e non di poco, la credibilità del programma stesso e la fiducia degli utenti nei suoi confronti.

Chi segue questo blog avrà infatti avuto modo di apprendere nel dettaglio, nell’articolo “Non installare o aggiornare a CCleaner 5.45, attenti anche alla versione portable“, le ragioni per le quali evitare tale versione; in breve: con CCleaner 5.45 non si poteva più disattivare il monitoraggio di sistema, né disattivare la raccolta e condivisione dati telemetrici con terze parti, e senza il consenso dell’utente  CCleaner 5.45 si aggiungeva in automatico all’avvio di Windows.

CCleaner 5.46 è la nuova versione riparatrice sulla quale Piriform/Avast ha reintrodotto la possibilità di disattivare la raccolta e invio dati telemetrici, ha rimpiazzato il Monitoraggio con la nuova sezione Pulizia intelligente, la quale sé disattivata non verrà eseguita all’avvio automatico di Windows.
CCleaner 5.46 sezione Privacy
Andando più nello specifico, come nell’esempio sopra in figura, portandosi in Opzioni > Privacy ecco che la casella dell’opzione “Aiutaci a migliorare CCleaner inviando anonimamente dati d’uso” è di nuovo deselezionabile qualora non si fosse d’accordo con l’invio dei dati.

Dati che Piriform specifica che sono raccolti solo in modo anonimo e in maniera non identificabile della persona. Fra l’altro cliccando il link “Schede dati” si viene rimandati alla nuova sezione del sito web di CCleaner dedicata nell’esplicare come e quali dati vengono raccolti dal programma; ovvero:
  • Evento di installazione
  • Edizione del prodotto
  • Versione del prodotto
  • Versione / build CCleaner
  • Se Google Chrome è installato
  • Antivirus installato
  • Stato della licenza
  • Chiave di licenza utilizzata
  • Paese
  • Lingua
  • Informazioni sulla versione del sistema operativo
  • Interazione di base con CCleaner (visualizzazioni, clic sui pulsanti)
  • Indicatori di prestazioni (ad es. Quantità di spazzatura pulita)
  • App in esecuzione al momento dell’arresto anomalo
Come prima accennato, sotto le “Opzioni” di CCleaner adesso si trova la nuova sezione “Pulizia intelligente” (sotto in figura) che ha rimpiazzato la precedente ed equivoca sezione “Monitoraggio“.
CCleaner 5.46 sezione Pulizia Intelligente
Come si ha modo di vedere, nella scheda dei settaggi di questa opzione (scheda quasi completamente scritta in inglese), si ha la possibilità di attivare o disattivare la pulizia intelligente spuntando o deselezionando la casella “Enable Smart Cleaning“.

Quando tale opzione è attiva il processo di CCleaner viene aggiunto all’avvio automatico di Windows, appunto per attuare la pulizia intelligente quando gli eventi; ma questa volta, a differenza del monitoraggio di CCleaner 5.45, se la pulizia intelligente viene disattivata allora anche il processo del programma verrà rimosso dall’avvio automatico di Windows.

In conclusione la versione 5.46 è esattamente come doveva essere la versione 5.45 sin dal principio, ovvero dare all’utente il pieno controllo circa le impostazioni di CCleaner.

Qualora però nonostante tutto le correzioni apportate a CCleaner 5.46 per riparare agli errori della precedente versione, non fossero ancora convincenti per i propri gusti, si può allora prendere in considerazione le risorse indicate nell’articolo: Migliori alternative gratis a CCleaner per pulire il PC da file inutili e cronologie varie.



Lascia un commento