Windows 10 supera Windows 7: ora è il primo SO al mondo

Windows 10 è il più usato al mondo: lo scorso mese ha superato Windows 7 divenendo così il sistema operativo desktop più diffuso a livello globale

Pubblicità

Alla fine c'è l'ha fatta: Windows 10 adesso è il sistema operativo più diffuso al mondo su computer desktop.

Se in Europa (Italia compresa), Usa e Oceania già da un anno Windows 10 era il più utilizzato, a livello globale vinceva comunque Windows 7 in quanto in continenti quali Africa, Asia a America del Sud era così largamente impiegato al punto da incidere negativamente sulla percentuale della diffusione mondiale di Windows 10.

Ci è voluto così un altro anno affinché anche secondo le severe statistiche di NetMarketShare, avvenisse il sorpasso di Windows 10 su Windows 7.
Grafico diffusione SO desktop globale NetMarketShare
Venendo ai numeri, più nello specifico lo scorso Dicembre 2018 Windows 10 si piazza al primo posto dei sistemi operativi desktop con una percentuale di diffusione globale di 39,22% contro il 36,90% di Windows 7.

Ben 2,32 i punti percentuale di distacco di Windows 10. Un grosso incremento se si considera che solamente il precedente mese di Novembre 2018 si trovava indietro dello 0,75% rispetto a Windows 7 il quale difatti deteneva ancora il primato; il che a sua volta sta a significare che Windows 10 in solo una mensilità ha strappato via a Windows 7 l'1,57% (corrispondente a tantissimi utenti/computer).

Dietro i due colossi restano le briciole, anche se è da notare il lodevole terzo posto guadagnato da Mac OS X 10.14 con il 4,73%.

Segue il duro a morire Windows XP, che per qualche zero virgola finisce fuori dal podio con il 4,54%, tallonato da Windows 8.1 che ha segnato il 4,45%.

Si consideri che da qua a un anno la situazione muterà ulteriormente e notevolmente: in positivo per Windows 10.

Difatti fra due settimane avrà inizio l'ultimo anno di vita di Windows 7 che verrà ancora supportato da Microsoft fino al 14 gennaio 2020, dopodiché diverrà obsoleto, ovvero non riceverà più alcun Windows Update per la sicurezza né per le funzionalità, e di conseguenza volenti o nolenti, allora sarà necessario passare a Windows 10. Stiamo comunque a vedere cosa accadrà in questi 12 mesi.


Pubblicità

10 commenti

Tra quelli che sono passati a Win 10 ci sono anch'io, ottobre 2018. Per l'uso che ne faccio avrei potuto rimanere con Win 7 ma, causa nuovo Pc, sono stato costretto.Troppo pieno di cose inutili, fronzoli e funzioni che a mio avviso non servono ma, per carità, ognuno la penso come meglio crede. La nota stonata e non è poco rimane l'estrema invadenza a livello di privacy, hanno scoperto che porto la barba :), scherzi a parte è davvero troppo. Se poi parliamo degli aggiornamenti, vedi la 1809, è scandaloso. Bello vedere che c'è ancora un 4% di irriducibili con il loro XP, die hard :) Ciao

Rispondi

Windows 10 non mi dispiace, è il futuro senza ombre di dubbio. Ma non mi piacciono i Windows Update forzati e la telemetria forzata seppur ridimensionabile al livello base. Se Microsoft sistemasse queste due cose dando all'utente il potere di decidere, allora potrei reputarmi abbastanza soddisfatto di Windows 10 e chiudere un occhio riguardo alcuni fronzoli e funzioni inutili, come giustamente hai detto tu.

Rispondi

Ma infatti, il sistema è veloce e gira bene dopo averlo "depurato" di un sacco di cose inutili, servizi e altre diavolerie qui e la, che altro non fanno che controllare tutto ciò che l'utrente fa con il proprio PC. Da vecchio quale sono non mi piace nemmeno la grafica del menù e infatti ho installato il classic, mi ricorda il mio amato Win 7 :) La cosa più preoccupante e scandalosa sono gli aggiornamenti semestrali, viaggio ancora con la versione 1803 e l'update bloccato, ho provato a lassciarlo libero ma non me lo installa, bho. L'immagine è sempre pronta nel caso qualche cosa non funzionerà quando sarà installato. Debbo dire una cosa, sul vecchio Pc ho installato Win 10 da zero versione 1809 e tutta gira senza problemi, probablmente è proprio l'upgrade che combina disastri ma devono risolverla questa cosa.è intollerabile.

Rispondi

Per ricevere l'update 1809 devi cercare manualmente gli aggiornamenti in Windows Update cliccando il pulsante Verifica disponibilità aggiornamenti; se così non funzionasse allora devi installarlo tramite Assistente di aggiornamento o con il Media Creation Tool. L'aggiornamento 1809 è stato il più problematico degli ultimi anni, dunque Microsoft lo sta ri-rilasciando con molta cautela.

Rispondi

statistica virtuale, su che si basa ? varie configurazioni hardware non hanno driver per win 7 o 8 ma solo per win 10, pc nuovi con già installato win 10, se mamma Microsoft o che per lei si basa sulle installazioni di win 10 e relativa attivazione è in errore, quanti hanno scaricato win 10 e reinstallato molte volte a causa dei bug ?

Rispondi

Basta andare nella sezione "methodology" del sito statistico in questione per comprendere la metodologia di raccolta dati, che non ha niente a che vedere con il metodo da te ipotizzato. Non è un complotto è la realtà. Altri siti statistici hanno già dato mesi fa il sorpasso di Windows 10 su Windows 7. In commercio è da mesi che non si vendono PC con preinstallato Windows 7, bensì Windows 10. Nel corso di quasi 4 anni approfittando del'upgrade gratuito sono svariate decine di milioni gli utenti che sono passati da Windows 7 a Windows 10. Windows 7 fra un anno muore, la gente si è già prevenuta con l'upgrade. Nessun complotto, nessun numero campato per aria, è solo la realtà dei fatti.

Rispondi

se dovesse andare storto qualcosa, usando l'assistente di aggiornamento o il Media Creation Tool, è sempre possibile ripristnare l'immagine della versione precedente ?Grazie.

Rispondi

Si, e in aggiunta dovresti poter tornare indietro senza immagine di sistema (ma per sicurezza creala ugualmente) portandoti su Windows 10 in Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Ripristino > Torna alla build precedente.

Rispondi

grazie per la risposta, prima o poi proverò. Preferisco ripristinare l'immagine fatta con Macrium, 2 minuti e tutto torna come prima, piuttosto che affidarmi ai vari ripristini di Win.

Rispondi

Si, l'importante è poter fare il ripristino al bisogno, a prescindere dal mezzo/metodo ;)

Rispondi

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore del blog