Google+ chiude perché poco usato, resta aperto solo alle aziende

Chiude Google+ per inutilizzo ma anche per problemi di sicurezza. Fra 10 mesi il social network di Google cesserà di esistere a livello consumers

Sulle ceneri di Orkut prima e di Google Buzz poi, nel 2011 nasce Google+ (noto anche come Google Plus) il social network di Google che avrebbe dovuto fare concorrenza a Facebook.

Ma con un post sul blog, ieri Google ha annunciato ufficialmente la chiusura di Google+ entro i prossimi 10 mesi, ovvero in agosto 2019.

La causa principale è il basso coinvolgimento: il 90% delle sessioni utente di Google+ è inferiore a cinque secondi di tempo.

Un social network che non ha mai sfondato, nonostante le forzature di Google che in passato ha voluto imporlo forzatamente, ad esempio come unico metodo per commentare su YouTube e a spingerlo su altri siti e servizi web di sua proprietà.
Google+ banner
Non è servita neanche l'integrazione di validi strumenti quali Google Foto e Google Hangouts a fare breccia sugli utenti.

Nell'annuncio di ieri sul blog, Google parla inoltre della scoperta, da parte del team di sviluppatori Project Strobe, di un bug a livello API che ha esposto per anni informazioni personali di 500.000 account utente a 438 applicazioni di terze parti.

Grazie a tale bug infatti (che è stato riparato lo scorso marzo 2018, ma farà discutere in quanto il Wall Street Journal accusa a Google di non aver reso pubblico questo problema tenendolo invece nascosto) le app in questione avevano accesso a dati come nomi degli utenti, gli indirizzi email, occupazione, il sesso e l'età, anche se questi erano stati indicati come privati nelle impostazioni.

Basso utilizzo e problemi di sicurezza hanno così portato Google alla recente decisione di chiudere il social network Google+.

Chiusura però che interesserà soltanto i consumatori mentre Google+ resterà ancora attivo a livello aziendale, unico ramo in cui il social network di Google ha registrato positivi apprezzamenti.

Nei prossimi mesi Google si impegnerà a fornire tutti gli strumenti necessari per la migrazione da Google+ ad altri servizi, oltre a quelli per scaricare tutti i propri dati.

LEGGI ANCHE: Eliminare l'intero account Google o singoli servizi: Gmail, Google+, YouTube

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore