Passa ai contenuti principali

Non installare o aggiornare a CCleaner 5.45, attenti anche alla versione portable

Evitare di installare o aggiornare a CCleaner 5.45 in quanto provvisto di funzioni sgradite sulle quali l'utente ha poco o niente controllo
CCleaner da quando è stato acquistato da Avast sta iniziando a ricevere alcune caratteristiche poco chiare e per certi versi fastidiose.

A iniziare dal banner pubblicitario introdotto nella versione CCleaner 5.44 (che comunque ci può stare sulla versione Free in quanto non è invasivo) che viene visualizzato all'avvio del programma, fino alle più recenti  novità introdotte nell'ultima versione, ovvero CCleaner 5.45.

Più nello specifico e in primis, su CCleaner 5.45, sotto Opzioni > Privacy, non è più possibile disattivare la raccolta e la condivisione dei dati con terze parti (i server Avast) circa l'utilizzo di CCleaner sul computer da parte dell'utente; dunque piaccia o non piaccia utilizzando CCleaner 5.45 (sia la versione a installazione che la versione portable) in automatico si condivideranno tali dati senza possibilità di negare ciò.

Ancora peggio, a oggi non è chiaro quali dati vengono raccolti e condivisi; si sa soltanto che raccolta  e condivisione viene effettuata in modo del tutto anonimo (a detta di Avast).
CCleaner 5.45 opzioni Privacy
Come si ha modo di notare nell'esempio sopra in figura infatti in Opzioni > Privacy non è più disponibile l'opzione "Consenti la condivisione dei dati con terze parti a scopo di analisi" che fino alla versione 5.44 era possibile attivare/disattivare a propria discrezione agendo sull'apposita casella di selezione dedicata.

Oltre a ciò, sulla versione a installazione di CCleaner 5.45 (ma non nella versione portable) il monitoraggio del sistema da parte del programma rimane sempre attivo anche se lo si disattiva da Opzioni > Monitoraggio e qui deselezionando la casella dell'opzione "Attiva monitoraggio".
CCleaner 5.45 opzioni e popup Monitoraggio attivo
Come nell'esempio sopra in figura infatti, anche se l'opzione "Attiva monitoraggio" è disattivata, posando il puntatore del mouse sull'icona di CCleaner mostrata nell'area di notifica della barra delle applicazioni di Windows compare il popup che riporta la dicitura "Monitoraggio di CCleaner attivo".

Ciò è dovuto al fatto che senza chiedere consenso all'utente, CCleaner 5.45 si aggiunge all'avvio automatico di Windows in maniera tale che il programma possa monitorare attivamente il computer fin dall'accensione.

Per evitare ciò è dunque necessario rimuovere CCleaner dall'avvio automatico, e in tal senso su Windows 10 aprire il Task Manager con la combinazione dei tre tasti Ctrl+Shift+Esc, portarsi nella scheda "Avvio" e qui come nell'esempio sotto in figura:
CCleaner 5.45 Impostazioni e Task Manager di Windows
nel menu contestuale cliccare l'opzione "Disabilita" per disattivare l'esecuzione del programma all'avvio del sistema operativo.

Su Windows 7 in tal senso si può intervenire dallo strumento "Configurazione di sistema" che si richiama inviando il comando msconfig nella finestra di dialogo Esegui (che a sua volta si richiama con la combinazione dei due tasti Windows + R), oppure con software di terze parti come WhatInStartup o persino lo stesso CCleaner.

Altro comportamento fastidioso, conseguenza del monitoraggio sempre attivo, è il fatto che CCleaner 5.45 una volta avviato resta sempre in esecuzione anche se lo si chiude dal pulsante "X" della barra del titolo del programma.
Task Manager di Windows termina attivita CCleaner
Infatti, come nell'esempio sopra in figura, se si va ad aprire il Task Manager e ci si porta nella scheda "Processi" ecco che fra le applicazioni in esecuzione c'è anche CCleaner.

La soluzione in tal caso è chiuderlo forzatamente facendo un clic destro sul processo CCleaner e nel menu contestuale cliccando l'opzione "Termina attività".

Insomma Avast a questo giro ha fatto proprio un grosso pasticcio minando, e non poco, la credibilità che negli anni CCleaner si è meritatamente guadagnato.

Avast è stata attenzionata dagli utenti circa tali caratteristiche poco chiare che hanno interessato la versione CCleaner 5.45. Con un comunicato l'azienda ha fatto una sorta di mea culpa riconoscendo l'errore e promettendo che a partire dalla prossima versione l'utente avrà la possibilità di gestire nuovamente il monitoraggio e la raccolta anonima dei dati.

AGGIORNAMENTO: CCleaner 5.45 rimosso dal sito: Piriform ha ritirato la discussa versione

Ma visto che al rilascio della prossima versione di CCleaner ci vogliono ancora alcune settimane, nel frattempo è consigliabile non installare (o aggiornare) CCleaner 5.45; stando attenti anche alla versione portable in quanto pur essendo esente dal monitoraggio sempre attivato come nella versione a installazione, ad ogni modo anche qui è prevista la raccolta e la condivisione dei dati forzata.

LEGGI ANCHE: Migliori alternative gratis a CCleaner per pulire il PC da file inutili e cronologie varie

Commenti

  1. Alternative a ccleaner? Io uso glary utilis o come si chiama mi trovo bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene Glary Utilities, poi ci sono altri programmi come BleachBit, Clean Master, Wise Disk Cleaner, PrivaZer, KCleaner. A breve scriverò un articolo dedicato.

      Elimina
  2. Per evitare noie e tracciamenti, consiglio l'opensource Bleachbit:
    https://www.bleachbit.org/
    Sicuramente meno opzioni di CCleaner, ma fa il suo lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è comunque un valido programma.

      Elimina
  3. Visti i problemi che stanno creando le nuove versioni di ccleaner,e' cosi' necessario per il pc il programma ? Per la pulizia disco e la disinstallazione di programmi, non sono sufficienti gli strumenti disponibili in windows(10)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la pulizia di CCleaner è più estesa, ancora di più sé affiancato da CCEnhancer. Leggi questo articolo:

      https://www.guidami.info/2018/08/migliori-alternative-gratis-ccleaner.html

      Elimina
  4. Ciao, ho una domanda: ma se uno si tiene una versione del programma più vecchia della 5.45 puo ancora disabilitare la raccolta dei dati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo. Dono alla 5.44 era possibile. Lo sarà anche nelle prossime versioni, successive alla 5.45, a detta di Avast.

      Io comunque uso la versione 4.19 di 4 anni fa senza fronzoli e aggiunte e modifiche di Avast. Leggi qui:

      https://www.guidami.info/2018/08/migliori-alternative-gratis-ccleaner.html

      Elimina
  5. ciao la 4.19 windows 10 mi dice di aggiornare posso scaricare la 5.44?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è normale che ti dice di aggiornare perché il programma ha un'apposita funzione che verifica, tramite connessione internet, la versione in uso con la disponibilità di eventuali nuove versioni. Se vuoi rimanere a quella che stai usando ignora la richiesta di aggiornamento; viceversa fai l'aggiornamento.

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima di essere pubblicati verranno moderati dall'amministratore

Post più popolari dell'ultima settimana

Scaricare video da ogni sito internet – Migliori programmi gratis per farlo

Scaricare video da internet è un’operazione ormai comune a tutti. La maggior parte degli utenti ha imparato bene come fare il download dei filmatidalla rete.

Ma la tendenza per la stragrande maggioranza degli utenti è quella di scaricare video sempre dagli stessi siti, tendenza in parte dovuta alla loro popolarità, al tanto materiale disponibile e alle varie risorse gratis sviluppate appositamente per fare il download da quei siti.

Però bisogna ricordare che oltre ai soliti noti, internet brulica di tanti altri portali video ricchi di contenuti di vario tipo e genere. L’unico problema potrebbe essere quello di non sapere come fare a scaricare i video nel PC anche da questi siti, magari perché non esistono estensioni dedicate o software appositi.

A tale proposito sotto a seguire andiamo dunque a vedere una lista dei migliori programmi gratis per scaricare video praticamente da ogni sito internet, anche da quelli dove normalmente è impossibile farlo.

1. aTube Catcher
Ne avevamo parlato de…

Nuove funzioni del Blocco note in Windows 10 October 2018 Update

Il Blocco note di Windows con l'aggiornamento Windows 10 October 2018 Update ha ricevuto nuove funzionalità.

Nuove caratteristiche che migliorano l'utilizzo di questo semplice editor di testo preinstallato nel sistema operativo, che nonostante gli anni (la prima versione risale al 1985) continua comunque a rivelarsi sempre utile, e adesso, con il recente update, ancora un po' di più rispetto a prima.

Graficamente l'aspetto resta tale e quale a quello di sempre. Le novità infatti interessano il Blocco note esclusivamente a livello funzionale. Vediamole più nel dettaglio.

1. Supporto UNIX, Linux e Macintosh
Ci son voluti 33 anni, ma adesso il Blocco note ha finalmente guadagnato il supporto del ritorno di riga (gli a capo) di UNIX / Linux (LF) e Macintosh (CR) oltre al già da sempre supportato ritorno di riga Windows Line (CRLF).

Ciò significa che il Blocco note adesso riesce a interpretare correttamente i ritorno a capo esattamente come sono stati voluti e inseriti da co…

3 modi per aumentare il volume dei file video se l'audio è troppo basso

Alcune volte può capitare che riproducendo un file video al computer, un film scaricato da internet ad esempio, l'audio sia troppo basso e di conseguenza si faccia fatica a sentire i dialoghi anche aumentando al massimo il volume del player multimediale e/o del computer stesso.

Se si sta usando un computer fisso si può rimediare facilmente alzando il volume delle casse collegate al case, mentre invece il discorso cambia se si sta usando un computer portatile per il quale per ovvie ragioni di comodità, specialmente se si è fuori casa, non si avranno sicuramente con se le casse esterne da collegare al PC, di conseguenza aumentare il volume del lettore e del computer stesso potrebbe rivelarsi essere non sufficiente per ottenere un livello audio accettabile.

In tali circostanze si può comunque risolvere abbastanza rapidamente riproducendo il video su alcuni player multimediali provvisti di apposita opzione che permette di aumentare ulteriormente il volume anche se lo si è già portato …