Passa ai contenuti principali

Windows 10 come vedere ed eliminare i dati diagnostici del PC raccolti da Microsoft

Come vedere e cancellare i dati di diagnostica e telemetria del PC Windows 10 raccolti da Microsoft
In modo particolare Windows 10 è stato negativamente criticato a livello privacy per via della raccolta dati diagnostici e telemetrici che Microsoft dice di impiegare per migliorare lo stesso sistema operativo a livello funzionale e di sicurezza; caratteristica che può essere limitata ma non disattivata, se non servendosi di apposite applicazioni terze.

LEGGI ANCHE: Windows 10 quali dati di telemetria raccoglie Microsoft?

Critiche a parte, in realtà con la diagnostica e la telemetria non vengono raccolte informazioni sensibili e personali degli utenti, e qualora ciò dovesse avvenire per sbaglio, ad ogni modo i dati in questione essendo raccolti in maniera anonima, non sono (o meglio, non dovrebbero) essere riconducibili all'utente specifico.

A maggiore riprova di ciò, in Windows 10 April 2018 Update (v. 1803), Microsoft ha introdotto la possibilità di vedere i dati di diagnostica da essa raccolti sul computer in questione, attraverso il "Visualizzatore dati di diagnostica", e di cancellarli completamente. Vediamo come procedere.

1. Portarsi in Start > Impostazioni > Privacy > Feedback e diagnostica, come nell'esempio sotto in figura:
Windows 10 Impostazioni Visualizzatore dati di diagnostica
individuare la sezione "Visualizzatore dati di diagnostica", settarne l'interruttore su "Attivato", e cliccare il pulsante "Visualizzatore dati di diagnostica" che, solo la prima volta, aprirà il Microsoft Store per scaricare nel computer l'applicazione ufficiale di Microsoft, Diagnostic Data Viewer, che consentirà di vedere i dati diagnostici raccolti circa il computer in uso.

2. Dunque dopo aver installato Diagnostic Data Viewer, cliccare il pulsante "Visualizzatore dati di diagnostica" per aprire il visualizzatore e così visualizzare tutti i dati raccolti da Microsoft per e sul dispositivo in questione (come nell'esempio sotto in figura):
Windows 10 Visualizzatore dati di diagnostica
Come si avrà modo di notare, i dati raccolti nel Visualizzatore dati di diagnostica sono suddivisi in differenti categorie:

  • Cronologia esplorazioni
  • Configurazione e connettività del dispositivo
  • Input penna, digitazione e comandi vocali
  • Prestazioni di prodotti e servizi
  • Utilizzo di prodotti e servizi
  • Inventario e installazione del software
  • Categoria non corretta

Se non si seleziona alcuna categoria, nella colonna subito adiacente verranno mostrati tutti gli eventi di ogni categoria. Per ogni evento è indicata la data e l'ora di acquisizione. Selezionando un evento, nella colonna adiacente è possibile vedere i relativi dati diagnostici raccolti da Microsoft in merito. All'occorrenza i dati possono essere esportati in un file .csv cliccando l'apposito pulsante "Esporta dati".

Qualora si volesse eliminare i dati diagnostici raccolti, basterà portarsi nuovamente in Impostazioni > Privacy > Feedback e diagnostica, come nell'esempio sotto in figura:
Windows 10 Impostazioni Elimina dati di diagnostica
individuare la sezione "Elimina dati di diagnostica" e qui cliccare il pulsante "Elimina" per inviare la richiesta di cancellazione.

Ciò porterà alla disattivazione del "Visualizzatore dati di diagnostica", che dovrà essere attivato nuovamente nel caso in cui si volessero gestire i più recenti dati diagnostici raccolti da Microsoft dal dispositivo in questione, dopo la cancellazione dei precedenti.

Ad ogni modo se nonostante questa apertura da parte di Microsoft non si fosse d'accordo circa la raccolta dati, abbiamo già visto come disattivarla per ve traverse, in primis disattivando il servizio di sistema responsabile di ciò, poi con l'impiego di appositi software come ad esempio i già recensiti WindowsSpyBlocker, W10Privacy, Ashampoo AntiSpy.

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Attivare SwiftKey su Windows 10 per suggerimenti testo mentre si digita e correzioni automatiche

Su Windows 10 October 2018 Update ha debuttato SwiftKey, ovvero la tastiera intelligente di Microsoft, tra le più scaricate e usate a livello globale su smartphone e tablet, tant'è che su diversi nuovi dispositivi è preinstallata.

Successo dovuto al fatto che la tastiera SwiftKey apprende lo stile di scrittura dell'utente, il quale può quindi digitare più velocemente e accuratamente con le previsioni e le correzioni, comprese le parole, le frasi e le emoji.

Windows 10 aggiornato a October 2018 Update offre nativamente la tastiera SwiftKey con le medesime caratteristiche che l'hanno resa famosa su mobile, ovvero apprendimento dello stile di scrittura per una digitazione più rapida e accurata, anche con la tastiera hardware non solo quella su schermo e/o touchscreen.

Per utilizzare questa tastiera è prima necessario attivare SwiftKey portandosi in menu Start > Impostazioni > Dispositivi > Digitazione e qui come nell'esempio sotto in figura:
sia per la tastiera s…

Sapere se la scheda video è falsa con GPU-Z

L'ultima versione di GPU-Z, uno fra i migliori programmi per vedere le caratteristiche della GPU, su PC Windows, dispone di una nuova funzione che è in grado di scoprire se la scheda video del computer è falsa o meno.
Tale caratteristica arriva in seguito a diversi episodi di schede video false vendute su internet, manipolate a livello BIOS in maniera tale che una volta montate appaiano ciò che non sono, ovvero più potenti e performanti di ciò che sono in realtà; così una scheda video GeForce GTX 1060 venduta a un prezzo vantaggioso si è rivelata essere una GeForce GTS 450 decisamente più economica a livello di prezzo e prestazioni.
GPU-Z al momento è in grado di rilevare le versioni false delle seguenti schede video G84, G86, G92, G94, G96, GT215, GT216, GT218, GF108, GF106, GF114, GF116, GF119, GK106; rilevatore che dovrebbe arricchirsi del supporto di ulteriori modelli con le prossime release del software.
Per verificare se la scheda video montata nel computer è un fake o meno,…