Passa ai contenuti principali

Scaricare la copia dei nostri dati che Facebook possiede

Come scaricare la copia dei nostri dati Facebook, ovvero di tutte le nostre informazioni personali che il social network ha memorizzato su i suoi server
Se lo scandalo Cambridge Analytica ha finalmente aperto gli occhi a un po' più di persone circa le informazioni che i social network sanno e hanno su di noi, forse una nuova funzionalità introdotta da Facebook aiuterà ulteriormente a materializzare meglio l'idea di tutti i dati personali e non che si danno impasto ai social network.

Più nello specifico su Facebook ha debuttato una nuova funzionalità (come una sorta di conseguenza riparatoria per lo scandalo Cambridge Analytica) che permette a qualsiasi utente di scaricare in locale (meglio sul computer) una copia dei propri dati Facebook, ovvero di tutte (è lecito dubitare che siano proprio tutte, tutte) le informazioni che questo social network ha in memoria su i suoi server riguardo ogni suo singolo iscritto.
Schermata Impostazioni Facebook link Scarica una copia dei tuoi dati Facebook
Il tutto si effettua in modo semplice, ovvero una volta entrati su Facebook ci si deve portare in Impostazioni e nella pagina che verrà visualizzata cliccare il link "Scarica una copia dei tuoi dati di Facebook" visualizzato subito sotto la sezione "Impostazioni generali dell'account" (come nell'esempio sopra in figura).

Successivamente, nella schermata "Scarica le tue informazioni" che verrà visualizzata, come nell'esempio sotto in figura:
Facebook schermata Scarica le tue informazioni
non resta altro che cliccare il pulsante "Avvia il mio archivio" per richiederne il download. Al termine, quando Facebook avrà preparato l'archivio (a seconda della dimensione potrebbe volerci parecchio tempo), tramite notifica sul social network oppure tramite email, si verrà informati che l'archivio è pronto da scaricare e seguendo il collegamento si potrà procedere così al download cliccando il pulsante "Scarica archivio" nella schermata "Scarica le tue informazioni".

Una volta scaricato l'archivio ed estratto il suo contenuto (è un archivio in formato ZIP), si potrà controllare, aprire e quindi vedere ogni dato e informazione che Facebook sa di noi, che ha raccolto dal momento del primo accesso a oggi. Più nello specifico questi che seguono sono i dati ufficialmente raccolti secondo Facebook:
  • Su di me (es. le informazioni aggiunte alla sezione Informazioni del diario, come la situazione sentimentale, il lavoro, il livello d'istruzione, il luogo di residenza e via dicendo)
  • Cronologia dello stato dell'account
  • Sessioni attive
  • Clic sulle inserzioni
  • Indirizzo
  • Argomenti delle inserzioni
  • Nome alternativo
  • Applicazioni
  • Visibilità del compleanno
  • Chat (cronologia delle conversazioni)
  • Registrazioni
  • Connessioni
  • Carte di credito
  • Valuta
  • Città attuale
  • Data di nascita
  • Amici eliminati
  • Istruzione
  • E-mail
  • Eventi
  • Dati di riconoscimento facciale
  • Familiari
  • Citazioni preferite
  • Persone che ti seguono
  • Persone/Pagine che segui
  • Richieste di amicizia
  • Amici
  • Sesso
  • Gruppi
  • Elementi nascosti dalla sezione Notizie
  • Città natale
  • Indirizzo IP (Un elenco di indirizzi dai quali si ha effettuato l'accesso al proprio account Facebook)
  • Ultima posizione
  • "Mi piace" sui post di altri
  • "Mi piace" di altri sui tuoi post
  • "Mi piace" su altri siti
  • Account collegati
  • Lingua
  • Accessi (Indirizzo IP, data e ora associati ai tuoi accessi al tuo account di Facebook)
  • Uscite (Indirizzo IP, data e ora associati alle tue uscite dall'account di Facebook)
  • Messaggi (Messaggi che hai inviato e ricevuto su Facebook. Esclusi quelli eliminati, in quanto sono stati rimossi dal tuo account)
  • Nome
  • Cambi di nome
  • Reti
  • Note
  • Impostazioni di notifica
  • Pagine che amministri
  • Richieste di amicizia in sospeso
  • Numeri di telefono (Numeri di telefono cellulare che hai aggiunto al tuo account, compresi numeri di cellulare verificati che hai aggiunto per motivi di sicurezza)
  • Foto (Tutte quelle che hai caricato sul tuo account)
  • Metadati sulle foto (di tutte quelle che hai caricato sul tuo account)
  • Token fisici
  • Poke
  • Orientamento politico
  • Post pubblicati da te
  • Post di altri
  • Post ad altri
  • Impostazioni sulla privacy
  • Attività recenti
  • Data di registrazione
  • Orientamento religioso
  • Amici rimossi
  • Nomi visualizzati
  • Ricerche (Le ricerche che hai eseguito su Facebook)
  • Condivisioni
  • Lingue parlate
  • Aggiornamenti di stato
  • Lavoro
  • URL personalizzato
  • Video (I video che hai pubblicato sul tuo diario)
Altri ulteriori dati che Facebook sa su di noi, e che dunque ha in memoria su i suoi server, sono quelli riportati da Il Disinformatico.

Per quanto riguarda la condivisione dei propri dati con Facebook potrebbero tornare utili le seguenti guide:

Commenti

Post più popolari dell'ultima settimana

Attenti alla Pulizia disco di Windows 10 v1809: può cancellare i file dalla cartella Download

La Pulizia disco è uno strumento integrato in Windows, attraverso il quale è possibile liberare spazio di archiviazione cancellando file temporanei, delle precedenti installazioni del sistema operativo, dal Cestino e via dicendo.

Su Windows 10 con l'aggiornamento October 2018 Update, a tale strumento è stata aggiunta la nuova opzione di pulizia "Download" la quale permette di cancellare il contenuto di tale cartella.

Per impostazione predefinita l'opzione "Download" è deselezionata, e quando si vuole eseguire la pulizia disco è necessario assicurarsi che non sia selezionata nel caso in cui si volesse impedire che i file scaricati da internet vengano cancellati da questa directory.

Come negli esempi sopra in figura, l'opzione di pulizia della cartella "Download" si trova sia nella versione classica dello strumento Pulizia disco (che si esegue portandosi in "Questo PC", facendo poi un clic destro sul "Disco locale (C:)", nel …

Windows 10 October 2018 Update risolto il problema che cancellava i file con l'aggiornamento

Lo scorso 5 ottobre Microsoft ha interrotto la distribuzione di Windows 10 October 2018 Update iniziata ufficialmente tre giorni prima, in quanto dopo l'aggiornamento su alcuni computer (solo sullo 0.001% delle installazioni) venivano cancellati file personali contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download ecc.

Ma ieri con un post sul blog ufficiale di Windows è stato annunciato che gli ingeneri hanno identificato e risolto tutti i problemi noti che portavano a tale perdita di dati con l'upgrade a Windows 10 versione 1809.

Qual'è stata la causa del problema? La perdita dei dati ha interessato i file contenuti nelle cartelle Documenti, Immagini, Musica, Video, Download e via dicendo, reindirizzate in un percorso di destinazione diverso da quello predefinito (es. C\Users\NomeUtente\Documents); soluzione che alcuni adottano per risparmiare spazio sul disco di sistema archiviando, con il reindirizzamento delle cartelle, tali file su altre unità di memori…

Vedere il consumo elettrico dei programmi nel Task Manager di Windows 10

A partire dall'aggiornamento October 2018 Update, il Task Manager di Windows 10 ora mostra il consumo elettrico da parte dei programmi in esecuzione.

In questo modo è possibile individuare rapidamente i processi degli applicativi che incidono maggiormente a livello energetico quando il computer portatile è alimentato dalla solo batteria, e in base a tali informazioni decidere se terminare o meno i programmi più dispendiosi in questo senso, soprattutto se sono in esecuzione in background.

Per prima cosa è necessario aprire il Task Manager facendo un clic destro sulla barra delle applicazioni e qui nel menu contestuale cliccando la voce "Gestione attività"; oppure ci si può servire direttamente della combinazione dei tre tasti Ctrl+Shift+Esc.

LEGGI ANCHE: Cosa si può fare con il Task Manager di Windows 10

Qualora il Task Manager venisse eseguito in un piccola finestra, allora qui nell'angolo in basso a sinistra cliccare il link "Più dettagli" per visualizzare…